quartiere-rusca-saleggi-di-locarno-appello-alle-fart
Rosanna Camponovo (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

‘Norme moderne e solide per la Cantonale e le polcom’

Il capo del Dipartimento istituzioni Gobbi sulla revisione totale della Legge polizia.Il comandante Cocchi: si è iniziato a lavorare dieci anni fa
Ticino
4 ore

Scuole post obbligatorie, riconosciuta la parità formale

Le licenze di scuola media non avranno più la ‘menzione Sms’, che creava un’asimmetria per l’accesso alle scuole professionali e a quelle medio superiori
Luganese
4 ore

Bioggio: fermato un cantiere, indizi di reperti archeologici

Proprietario di una casa in costruzione ‘bloccato’ per dar luogo alle indagini dell’Ufficio cantonale dei beni culturali
Bellinzonese
5 ore

Entra finalmente nel vivo la nuova stagione estiva di Carì

Dallo scorso weekend gli impianti di risalita sono in funzione sino a quota 2’000 metri, scatta un ricco programma di attività
Luganese
5 ore

Cureglia, arriva la pavimentazione fonoassorbente

I lavori, previsti in via Cantonale e via Campagna, si svolgeranno dall’11 luglio al 30 settembre
Bellinzonese
5 ore

La ’ndrangheta prende il treno: inchiesta terminata a Milano

Probabile rinvio a giudizio per i fratelli Rossi, titolari anche della Gcf di Bellinzona indagata in Ticino (cantiere Monte Ceneri) ma non in Italia
Locarnese
5 ore

Frontale scooter-auto a Corcapolo, ferite gravi per il centauro

L’incidente intorno alle 15.45 sulla strada cantonale all’altezza dell’intersezione per Calezzo. Il ferito portato in ospedale da un elicottero della Rega
Ticino
6 ore

Livelli a scuola, ‘usiamoli come indicatori e non come criteri’

È una delle proposte del Consiglio cantonale dei giovani, che chiede anche 5 anni di scuola media e maggiore sensibilizzazione su droghe e alcol
Luganese
6 ore

Pavimentazione fonoassorbente a Vaglio e Sala

Il cantiere per il risanamento fonico inizia giovedì 14 luglio. Traffico regolato con semafori o agenti di sicurezza.
Locarnese
6 ore

Concerto bandistico a San Nazzaro

Si esibisce l’Unione filarmonica Gambarognese
04.01.2021 - 15:49

Quartiere Rusca Saleggi di Locarno, appello alle Fart

La presidente dell'associazione invita a rivedere alcune scelte e proporrà un incontro con l'azienda dei trasporti

Con il cambio d'orario e l'introduzione di nuove linee e fermate, lo scorso dicembre si è compiuta quella che è stata definita la rivoluzione del trasporto pubblico, dopo l'apertura della galleria di base del Ceneri. Ma non tutti sono pienamente soddisfatti. Un appello a voler apportare dei correttivi giunge da Rosanna Camponovo-Canetti, presidente dell'Associazione quartiere Rusca e Saleggi.

«Anche le Fart possono contribuire affinché il nostro sia un quartiere a misura di tutti: anziani e non – spiega  Camponovo-Canetti –. Da sempre l’anziano desidera restare al suo domicilio il più a lungo possibile, ma non “isolato o confinato” fra quattro mura. Il domicilio e tutto ciò che gli sta attorno devono però assolutamente essere compatibili fra di loro. Si tratta quindi di ripensare al domicilio nella sua globalità. Ogni cittadino a una certa età dovrebbe poter beneficiare di una forma di audit che gli permetta di capire se potrà o no invecchiare in tutta sicurezza là dove abita. Ciò significa poter varcare la porta di una casa “sicura” senza poi trovarsi in un universo ostile, che non risponde alle sue esigenze e aspettative. Deve cioè trovare un arredamento urbano a lui confacente, dove potersi muovere e spostare in perfetta autonomia da un capo all’altro della città».

E qui entrano in gioco i trasporti pubblici. «Nel quartiere Rusca e Saleggi, che conosco bene, abitato da circa 6'000 persone, alcuni abitanti si dicono contenti del nuovo orario Fart, altri al contrario non sono per niente soddisfatti e si lamentano – prosegue la nostra interlocutrice –. Gli anziani in primis, ma anche coloro che desiderano o devono raggiungere le classiche destinazioni come l’ospedale, la clinica, la casa anziani, il medico, la farmacia, il negozio, i giardini, i centri diurni ricreativi o assistenziali, la chiesa, le scuole, il cinema, il teatro, la biblioteca, la piazza, la stazione, le piscine, il luogo di lavoro e altri luoghi dicono di non poterlo sempre fare in modo soddisfacente con i soli mezzi pubblici. Addirittura non comprendono l’assenza di corse in alcune zone parecchio abitate, come ad esempio via Saleggi e via Varesi. Forse non tutti sanno che proprio lì nella nuova residenza intergenerazionale “Per Sempre” aprirà la nuova sede dell’Atte - Associazione ticinese per la terza età. Chi sperava che con il nuovo orario, introdotto il 13 dicembre scorso, le cose cambiassero, è rimasto deluso e perplesso per l’inspiegabile vuoto. Se le cose rimanessero così, come pretendere un uso maggiore dei mezzi pubblici? Basta con gli stereotipi legati all’età, creiamo più dialogo fra generazioni, un tipo di cultura “multigenerazionale”, per scoprirsi e conoscersi meglio».

Un incontro con le Fart

In questo caso ciò significa «permettere a tutti di essere mobili, di scegliere di partecipare alle diverse offerte culturali, ricreative e sportive, di essere insomma liberi di circolare in città in lungo e in largo (virus permettendo). Sarà possibile grazie anche a bus con percorsi, frequenze, collegamenti attrattivi e ottimali. Con l’associazione quartiere Rusca e Saleggi, intendo incontrare prossimamente la direzione della Fart e le autorità competenti invitandole a rivedere la rete con il fine di magari risolvere assieme alcune criticità esistenti per “un abitare bene a tutte le età”».

 

 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fart locarno quartiere rusca saleggi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved