ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
6 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
7 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
7 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
8 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
8 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
8 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
8 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
8 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
9 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
9 ore

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
10 ore

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
10 ore

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
10 ore

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
10 ore

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
23.12.2020 - 06:00
Aggiornamento: 18:58

Casa anziani, ‘un voltafaccia che ci disorienta’

Reazioni da Lavizzara dopo che Maggia ha improvvisamente revocato il suo sostegno al progetto di Broglio

casa-anziani-un-voltafaccia-che-ci-disorienta
Broglio

“La decisione del municipio di Maggia di rimangiarsi la parola data togliendo il proprio sostegno al progetto è un atto incomprensibile, antidemocratico e che disorienta”. Armando Donati e Daniele Rotanzi sono consiglieri comunali di Lavizzara e sotto l'albero, come si suol dire, si sono ritrovati il clamoroso dietrofront di Maggia sul sostegno al progetto di casa anziani a Broglio: un inopinato passo indietro rispetto agli impegni presi in seno al consiglio direttivo di Ascovam il 10 ottobre 2019, dove la Vallemaggia si era compattata per sostenere il progetto promosso dall'estrema periferia quale alternativa a quello di Cevio (il cui Municipio era stato l'unico ad uscire dal coro dell'Associazione dei Comuni).

I ‘perché’ di un dietrofront

Nella sua recente lettera di distanziamento, Maggia si giustifica dicendo che la delibera di febbraio dell'assemblea di Avad (Associazione valmaggese di aiuto domiciliare) sulla convenzione con il Comune di Lavizzara “aveva suscitato non poche perplessità nei delegati del nostro Comune”. Tale delibera ha poi occupato Enti locali e Ufficio degli anziani e delle cure a domicilio, che, ricorda Maggia, “ha imposto che le convenzioni vengano approvate dai legislativi di tutti i Comuni interessati”. Vista la posizione contraria di Cevio, “l'unanimità è un obiettivo da ritenere irraggiungibile”. Maggia dice ancora di aver “individuato problemi e criticità in tale convenzione (ad esempio il ruolo destinato alla Fondazione Vallemaggia) che non consentono di allestire un messaggio con la dovuta convinzione e la necessaria chiarezza”. Pertanto, “alla luce di tutti gli elementi raccolti ed emersi negli ultimi mesi, della situazione di stallo creatasi e delle numerose incertezze ravvisate”, il Municipio ha “revocato il proprio sostegno al progetto di Broglio, invitando a riproporre la sopraelevazione dell’attuale struttura di Cevio”. E infine: “Il pericolo rappresentato dalla perdita dei posti letto e di lavoro della struttura di Someo, con le conseguenze negative dal profilo socioeconomico per tutta la valle, impone un riesame della situazione che a sua volta permetta di adottare una soluzione celere e condivisibile”.

L'improvviso cambio di rotta disorienta dunque i lavizzaresi perché le premesse apparivano solide: “L’idea di costruire una casa anziani in Lavizzara, in alternativa all’innalzamento di un piano della struttura di Cevio, era stata sottoposta già nell'ottobre del 2018 a tre gremi essenziali per la realizzazione o meno della stessa: gli alti funzionari del Dss, i dirigenti della Fondazione Vallemaggia, dell’Avad e dell’Ascovam, nonché i sindaci dei Comuni valmaggesi – sottolineano –. In quelle tre occasioni nessuno aveva risposto che la proposta non poteva essere presa in considerazione, anzi, ricordiamo molto bene le conclusioni dell’incontro con gli alti funzionari del Dss: ‘Dovrete affrontare e superare diverse difficoltà di carattere finanziario, ma se la Vallemaggia sarà unita è un’idea che può essere realizzata’”.

‘Nessun elemento nuovo’

Dopo mesi di approfondimenti svolti a più livelli, il veto di Maggia giunge in un momento in cui “nessuno, nè il Cantone, nè l’Ascovam, ha sollecitato una nuova presa di posizione. Nessun elemento nuovo è sopravvenuto dal mese di ottobre di un anno fa”, rilevano i consiglieri comunali di Lavizzara. Semmai “la pandemia in corso dovrebbe suggerire prudenza nell’esprimere giudizi definitivi e attenzione a non creare ulteriore negatività tra le persone. Quando sarà terminata, potremo sapere se la mortalità tra gli anziani avrà raggiunto livelli tali per cui per i prossimi 20 anni non avremo più bisogno di nuove casa per anziani. Gli specialisti ci potranno dire se in futuro sarà meglio concentrare gli anziani in grandi strutture oppure se decentralizzare”. Come lavizzaresi che “hanno a cuore il futuro della nostra regione, hanno lanciato l’idea ed esaminato la problematica nel modo più oggettivo possibile”, sostengono di non riuscire a capire “cosa ci guadagneranno Cevio e Maggia ad affossare il progetto di nuova casa per anziani in Lavizzara che, con i suoi posti di lavoro e i 22 posti letto (di cui 10 Alzheimer), sarebbe un raggio di sole per il futuro del nostro Comune e dell’intera valle”.

Le domande poste dai due esponenti del legislativo lavizzarese sono dolorose: “Perché, tra vicini, con problematiche comuni, invece di aiutarsi, ci si ostacola? Perché si reclama sostegno per le zone periferiche, ma poi la propria periferia la si vuole soffocare?”. La risposta è in una convinzione cementata dalla “storia di questi ultimi 100 anni”. Ovverosia che “ogni volta che la Valmaggia si è presentata divisa, non si è raggiunto nessun risultato benefico per la popolazione. Quando invece tutti hanno operato per lo stesso ideale, con solidarietà verso le zone più fragili, con lungimiranza per il raggiungimento del bene comune, qualche buon progetto, a vantaggio di tutti, è stato realizzato”. E sarà così anche questa volta, riflettono. Per concludere che “spezzare l’entusiasmo di una comunità con mosse politiche di nessun valore potrà forse dare soddisfazione nell’immediato, ma a lungo termine ci si renderà conto che i litigi, le ripicche, i personalismi avranno mandato la Vallemaggia in pezzi. È questo che si vuole?”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved