locarno-no-ai-tagli-salariali-al-personale-del-cbr
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
10 sec

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale
Ticino
14 min

Disagio giovanile, il Sisa (ri)sollecita lo Stato

Alves: occorre contrastare con misure urgenti e concrete il malessere psichico nella popolazione studentesca. Campagna del sindacato nelle scuole
Locarnese
58 min

Locarno, ‘mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale’

Non è un episodio isolato, i pestaggi in Piazza Castello sono filmati e messi sui social da una banda. Accertamenti in corso e misure incisive da adottare
Luganese
1 ora

Lugano, condannato il complice del furto al Mary

Inflitti tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, a un 52enne italiano riconosciuto colpevole di truffa, furto e falsità in documenti
Bellinzonese
1 ora

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

L‘investimento previsto cresce in maniera cospicua. Gli impieghi a tempo pieno passano da 300 a 360. ’Più lavoro grazie alle componenti tecniche’
Ticino
1 ora

Domani i primi fiocchi, ‘automobilisti siate prudenti’

Attese nevicate in pianura, la fase più intensa si verificherà nelle ore centrali della giornata
Bellinzonese
3 ore

Carì, gli impianti si confermano nelle cifre nere

La scorsa stagione invernale ha fatto segnare il record di primi passaggi, un risultato possibile probabilmente grazie all’annullamento dei carnevali
Ticino
5 ore

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Bellinzonese
5 ore

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Bellinzonese
6 ore

Assemblea impianti Campo Blenio

Si terrà sabato 11 dicembre alle 18, al termine dei lavori è prevista una cena
Locarnese
6 ore

Il ragazzo pestato è tornato a casa

La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Locarnese
20.12.2020 - 11:470
Aggiornamento : 14:13

Locarno, ‘no ai tagli salariali al personale del CBR!’

Interrogazione al Municipio sulla decisione del CdA di ridurre i salari al personale della struttura a causa delle difficoltà economiche generate dalla pandemia

a cura de laRegione

La pandemia globale del coronavirus non ha risparmiato il Lido di Locarno (CBR) che, nonostante un’estate migliore delle previsioni che si potevano fare in primavera, ha comportato minori entrate economiche. Ne è consapevole Fabrizio Sirica, consigliere comunale di Locarno che, al riguardo, ha inoltrato un'interrogazione al Municipio cittadino. Sirica richiama l'attenzione dell'autorità sul comportamento del CdA della Cbr, che, “spinto dalla difficoltà finanziaria riscontrata e dalle previsioni incerte per il primo periodo dell’anno 2021, forse ancora caratterizzato da una situazione pandemica irrisolta e quindi a restrizioni di movimento e attività, ha optato per contenere i costi”. Sin qui tutto bene, verrebbe da pensare. Se non che lo stesso CdA, aggiunge il legislatore “ha proposto ai dipendenti e alle dipendenti la rinuncia del 20% dell’attività lavorativa e del salario per il periodo dal primo gennaio al 30 aprile del prossimo anno”.

Opzione lavoro ridotto non considerata

Sirica si chiede innanzitutto come mai non si sia fatto capo allo strumento del lavoro ridotto: “uno strumento per l’appunto pensato per evitare licenziamenti per quelle attività colpite da un momentaneo e congiunturale abbassamento della mole di lavoro. La risposta è semplice, in quanto azienda composta da azionisti pubblici ha la copertura del deficit e il rischio aziendale deve essere preso in carico dagli stessi. Tuttavia, con questa decisione, il Consiglio di Amministrazione sceglie di far pagare la pandemia all’ultima ruota del carro, all’anello più debole e indifeso: i lavoratori e le lavoratrici! Tutto ciò è semplicemente inaccettabile, con questo trattamento siamo nella paradossale situazione per la quale queste persone hanno meno tutele e diritti di persone assunte in un’azienda privata (che in una tale situazione sarebbero al beneficio, su una % di lavoro parziale, della copertura del salario da parte del lavoro ridotto)”.

“La Città, quale principale azionista, intervenga!“

“Come principale azionista il Comune di Locarno (così come gli altri comuni azionisti) ha una responsabilità verso queste persone e non può permettere un tale trattamento. Non deve essere chi lavora ad assumersi il rischio e a pagare!“ – prosegue l'esponente socialista, che biasima pure la gestione dei rapporti tra i vertici della CdA e il personale – “I dipendenti sono stati convocati sabato 12 dicembre e hanno avuto 4 giorni per decidere se accettare o meno la proposta. È stato chiesto loro di rispondere in maniera individuale alla consultazione. Certo, si scrive che non ci sarebbero state ripercussioni per chi non accettava, ma nella testa dei dipendenti pesa come un macigno la paura del licenziamento, che non è stata scartata nero su bianco. Una consultazione di questo tipo andava fatta in maniera collettiva e coinvolgendo i partner sociali. Un’ultima considerazione (e annesso messaggio di solidarietà) va nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori a ore e su chiamata. Loro saranno inevitabilmente i più colpiti da questa inaccettabile proposta qualora vedesse la luce. Gli ultimi, i più precari e con meno diritti pagano un’altra volta più di tutti. È questo che vuole, o che avvalla, il Municipio?”

All'Esecutivo di Palazzo Marcacci il consigliere comunale chiede, quindi, un intervento a tutela dei dipendenti e una presa di posizione sui tagli proposti al personale della struttura.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved