ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
52 min

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
3 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni, ma sempre pendente al Tram il ricorso dell’ex sindaco. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss
Luganese
20 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
20 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
1 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
Luganese
1 gior

Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%

Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
Locarnese
1 gior

Attive della Sfg Losone sugli scudi a Zugo e a Veyrier

Ginnastica, ottimi risultati delle ragazze locarnesi, impegnate oltre Gottardo in due gare di livello nazionale
gallery
Bellinzonese
1 gior

Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto

Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Locarnese
1 gior

Lento fumo, due argenti nazionali per Paolo Dova

L’esponente del Gruppo ‘PipapassioneTuri’ di Minusio si è distinto al 47° Campionato svizzero svoltosi nel Canton Zurigo
Luganese
1 gior

Un credito supplementare per la rotatoria al Piano della Stampa

Il Municipio di Lugano chiede oltre mezzo milione di franchi per una pista provvisoria che garantirà anche l’accesso al cantiere del Dsu
15.12.2020 - 06:00
Aggiornamento: 18:05

L'attinenza di tutti i record sfocia nella protesta

Cugnasco-Gerra, in legislativo una richiesta per la settima volta, ma non c'è il rapporto: ‘A un organo politico non si imponga un atto amministrativo’

l-attinenza-di-tutti-i-record-sfocia-nella-protesta

«Non riteniamo normale che a un organo politico si chieda, anzi si imponga, di svolgere un atto amministrativo con la conseguente imposizione anche dell’esito finale». Più chiara di così la commissione delle Petizioni del Consiglio comunale di Cugnasco-Gerra non poteva essere, commentando l'annosa questione dell'attinenza comunale chiesta da una donna e tornata ieri sera per la settima volta (!) sui banchi del legislativo. Le novità rispetto alle 6 volte precedenti sono che la commissione, con la sua presidente Caterina Calzascia, si sia fatta sentire forte e chiaro dalle istituzioni superiori – Cantone in primis – ma anche che, contrariamente al solito, non ha accompagnato il messaggio municipale con un rapporto favorevole o contrario alla concessione dell'attinenza stessa.

Questo, soprattutto, per invitare a riflettere sulla situazione grottesca che si è venuta a creare dopo che tutte le bocciature precedenti erano state annullate (dal Consiglio di Stato) con l'ordine di ripresentare un messaggio che forzatamente avrebbe dovuto sfociare nella concessione dell'attinenza.

«Il mancato rapporto commissionale – ha puntualizzato Caterina Calzascia – non è da interpretare come una forma di negligenza dell’organo del quale mi faccio portavoce; la nostra scelta è bensì conseguente a una ponderata riflessione accresciuta nel tempo». Una riflessione che si basa su un semplice assunto: «Se la concessione della naturalizzazione è da considerare come un atto amministrativo a tutti gli effetti, allora che si modifichi la procedura affinché diventi tale. In caso contrario, se si lascia la facoltà decisionale all’organo più vicino al cittadino (come attualmente è), riteniamo che si debba pensare ad una modifica della procedura come ad esempio il ritorno dell’oggetto in Consiglio comunale al massimo una seconda volta. Dopodiché, la competenza dovrebbe passare ad un organo superiore». Cosa che invece a Cugnasco-Gerra (e a Losone per il caso di mamma Tomic) non è affatto avvenuta. Anzi, è sfuggita per così dire di mano.

Dal 2014 una sfilza di rifiuti

Nel Comune sul Piano la vicenda aveva preso avvio nel 2014 con un messaggio municipale favorevole all'attinenza ma il voto negativo da parte del Consiglio comunale, che di fatto impediva l'ottenimento del passaporto svizzero. Contro tale decisione la diretta interessata aveva ricorso, vincendo al Consiglio di Stato, secondo cui “è inaccettabile e arbitrario” che il diniego dipendesse dalla situazione personale del compagno e futuro marito (fattore che infatti aveva pesato sulla decisione del legislativo). Nel febbraio 2015 era così arrivato un secondo messaggio, e a marzo un secondo “no” del Consiglio comunale, che per altro aveva concesso l'attinenza alle due figlie della donna. Ne era seguito un ricorso e una seconda vittoria (ottobre 2015). Ma di fronte alla sentenza del governo, il Comune aveva adito il Tram, che però anch'esso aveva dato ragione alla richiedente. Era così arrivato un terzo messaggio (agosto 2017) seguito da un incontro fra le Petizioni e la donna, con un rapporto di maggioranza questa volta favorevole, ma insufficiente a superare lo scoglio del legislativo, che a scrutinio segreto si era espresso per due volte con una “patta”, equivalente per Legge ad un rifiuto.

Nell'aprile del 2018 era arrivato un ulteriore messaggio, che raccomandava di bocciare la richiesta di attinenza, così come poi deciso dal Consiglio comunale. Ma anche in questo caso la donna aveva ricorso al governo, tornando a vincere e ottenendo però soltanto un nuovo messaggio (il quinto) e una nuova bocciatura.

La lettera di Gobbi

Ieri, dovendo statuire sull'ultimo messaggio in ordine di tempo, e non presentando appunto nessun rapporto commissionale, le Petizioni, con Caterina Calzascia, hanno considerato che l'esito di un eventuale voto sarebbe stato chiaro, stigmatizzando inoltre una lettera di metà ottobre al Municipio, firmata dal direttore del Dipartimento Istituzioni Norman Gobbi. Scriveva il ministro che quanto stava succedendo “non sia da ricondursi ad una lacuna legislativa del quadro normativo cantonale in materia di naturalizzazione”. Posizione, questa, appunto contestata dalla commissione. 

Per le Petizioni, all'unanimità, «redigere ancora un rapporto in merito a questa domanda di naturalizzazione è diventato un compito che ha poco senso continuare a fare. Pertanto, con questa nostra azione vogliamo lanciare un forte segnale politico affinché definitivamente gli organi superiori competenti risolvano il problema, onde evitare che in futuro una situazione simile a questa abbia a ripetersi». Ergo, niente voto. Ma la questione rimane aperta.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved