Ginevra
2
Friborgo
1
3. tempo
(0-0 : 1-1 : 1-0)
Turgovia
1
Kloten
4
3. tempo
(1-1 : 0-0 : 0-3)
per-il-futuro-la-lavizzara-inserisce-la-spina
Scorcio autunnale in Lavizzara (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
2 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
Ticino
2 ore

Test superamento livelli: costo, valutazione, logistica...

Sperimentazione in terza media: ecco la proposta di emendamento (sei pagine) del Consiglio di Stato in vista del dibattito parlamentare sul Preventivo
Luganese
2 ore

Incendio allo Speedy Pizza di Massagno, due intossicati

Dopo l’esplosione di due batterie vi è stato un principio d’incendio, domato dai pompieri di Lugano. La polizia scientifica indaga sulle cause
Gallery
Locarnese
2 ore

Il ‘padel-graben’ che divide Sopra e Sottoceneri

La nuova disciplina, affine al tennis, conosce un crescente successo in Ticino. Ma nella nostra regione l’interesse per simili infrastrutture è scarso
Locarnese
3 ore

Ascona, nuovo parco giochi in via Delta

Presentata la domanda di costruzione. Nel frattempo vengono risanate anche le altre dieci aree attrezzate per i bimbi
Ticino
3 ore

Caso India, Biscossa (Ps): ‘Macché burro e ferrovia’

La prima firmataria della petizione che chiedeva lumi al governo respinge le accuse di Gobbi sui dati utilizzati: ‘Manca una risposta soddisfacente’
Locarnese
4 ore

Brione sopra Minusio, calano gli abitanti

Nel corso del 2021 le partenze hanno superato gli arrivi
03.12.2020 - 14:200
Aggiornamento : 15:15

Per il futuro la Lavizzara inserisce la spina

Crediti per la mobilità sostenibile in valle. Ma il Comune fa pure i conti con i danni del maltempo di agosto e ottobre

Lavizzara punta sulla mobilità ecosostenibile. Il Municipio chiede al Consiglio comunale, che si riunirà il prossimo 14 dicembre, un credito di 60mila franchi per la realizzazione di stazioni di ricarica per biciclette e auto elettriche. Con questa iniziativa il Comune vuole dimostrare vicinanza e sensibilità alle questioni ambientali, assumendo un ruolo nel contrasto ai cambiamenti climatici e offrendo un servizio completo alla popolazione residente, ai turisti e ai tanti visitatori della zona.
Tre le ubicazioni delle stazioni, collocate sull’ampio territorio comunale: a Sornico, vicino al centro sportivo; a Fusio e a San Carlo (Peccia) nel piazzale della partenza della teleferica.

Nel corso della seduta ci saranno altri temi che terranno banco. Tra questi, gli ingenti crediti che serviranno a sistemare i danni del maltempo e per le opere di prevenzione. La valle, come si ricorderà, a cavallo tra estate e autunno è stata colpita da piogge alluvionali, con riali tracimati, e forti raffiche di vento che hanno abbattuto numerosi alberi. Per questa ragione saranno stanziati fondi per 590mila franchi (con sussidi cantonali e federali per circa 190 mila franchi) per i danni causati dalla pioggia di fine agosto e di 855mila franchi (con sussidi cantonali e federali per quasi 600mila franchi) per quelli causati dal vento. Ricordiamo che all'inizio dello scorso mese di ottobre le bizze di Eolo avevano spezzato e buttato a terra numerose piante nei boschi di protezione dei diversi nuclei della Lavizzara. Oltre a questo verranno investiti 30mila franchi per un progetto di premunizione a Sornico.

All'ordine del giorno figurano anche i conti preventivi per il 2021 del Comune unico; conti che indicano un fabbisogno da coprire con le imposte di circa 1,470 milioni di franchi, in linea con quelli degli anni precedenti. Un preventivo redatto in forma prudenziale, specifica l'Esecutivo, che potrà beneficiare di sopravvenienze d'imposta per chiudere verso un pareggio. Tanto che il Municipio propone di mantenere al 90 per cento il moltiplicatore d'imposta (anche se quello matematico supera il 100 per cento).

Nel complesso la situazione economica viene giudicata “sostenibile” e per ora la pandemia di Covid-19 non sembra aver inciso in maniera significativa sulle casse comunali. Resta tuttavia un certo grado d'incertezza, non essendoci al momento sufficienti elementi per definire con esattezza alcune cifre, legate soprattutto alla sanità e alla socialità. Senza dimenticare i timori per le ripercussioni che la pandemia potrà avere sulle entrate fiscali derivanti dal reddito delle persone fisiche o giuridiche. Il Municipio è tuttavia fiducioso e ritiene che in virtù della sua tipologia e ubicazione, le conseguenze dovrebbero contenersi in poche migliaia di franchi.

Il moltiplicatore d'imposta comunale è fissato al 90%.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved