verscio-gli-abitanti-pianificano-la-campagna
Il comparto della campagna di Verscio e alcune strade)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 min

Peter, storia di un camoscio che incontra gli umani

Iniziative in Vallemaggia per la presentazione del volume di Salvioni Edizioni, realizzato da Mario Donati, Valeria Nidola e Antoine Déprez
Ticino
21 min

In Ticino un altro decesso per Covid, 12 classi in quarantena

Si registra un altro ingresso in cure intense, dove attualmente si trovano 8 persone su un totale di 72 ricoverati, fra cui un ospite di casa anziani
Locarnese
46 min

Alberto Akai lascia la presidenza Ppd e il Consiglio comunale

Il già candidato al Municipio di Locarno motiva la decisione con ragioni personali e familiari
Ticino
1 ora

Prevena 2021: per un Natale più sicuro

Le forze di polizia anche quest’anno garantiscono alla popolazione una presenza capillare su tutto il territorio nei luoghi di grande affluenza
Luganese
5 ore

Lugano, non solo rogo al White: danni anche al Cashmere Square

Si arricchisce di un filone l’inchiesta sull’incendio intenzionale dello scorso febbraio. Dichiarata fallita intanto la società dei due negozi di vestiti.
Luganese
5 ore

Alloggi: alla ricerca di un nuovo e necessario equilibrio

A parlarci di ‘pubblica utilità’ è Monique Bosco-von Allmen, presidente della sezione della Svizzera italiana di Cooperative d’abitazione Svizzera
Bellinzonese
5 ore

Ore di attesa per un tampone e il rischio d’infettarsi

Gestione problematica dell’importante afflusso di persone che nel fine settimana si reca all’Ospedale San Giovanni di Bellinzona per farsi testare
Luganese
14 ore

A Manno è Mercatino di Natale benefico

Bancarelle, giochi e golosità nel nucleo del paese per l’intera giornata del prossimo 8 dicembre
Ticino
15 ore

‘BancaStato mantenga la propria struttura finanziaria’

Luce verde della commissione parlamentare ai conti 2020. L’istituto ‘ha avuto un ruolo fondamentale nell’attuazione di misure decise da Berna’
Bellinzonese
15 ore

Torna in scena il Teatro Tan di Biasca

Lo spettacolo ‘Io sono Nijinsky’ di e con Daniele Bernardi è previsto sabato 4 dicembre alle 20
Bellinzonese
15 ore

Una mozione per una lingua facile a livello comunale

Lo propongono alcuni consiglieri comunali di Bellinzona dell’Unità di sinistra
Luganese
15 ore

Origlio, divieto di pattinaggio sul laghetto

Il Municipio e il Patriziato rinnovano il provvedimento. Non esistono alternative alla prassi seguita negli ultimi anni
Ticino
15 ore

Restrizioni anti-Covid: ‘Conseguenza prevedibile’

Il Consiglio di Stato si pronuncerà domani sulle proposte messe in consultazione dalla Confederazione. Altri Cantoni hanno già preso provvedimenti
Mendrisiotto
16 ore

Vincent Van Gogh in un libro a LaFilanda a Mendrisio

Incontro con Renato Giovannoli, autore de ‘I vortici di Van Gogh’, per interrogarsi sull’artista olandese
Bellinzonese
16 ore

Fiocco azzurro alla ‘Regione’ di Bellinzona

Lunedì sera è nato Enea, per la gioia dei genitori Francesca e Fabio
Bellinzonese
16 ore

San Nicolao a San Bernardino

Per l’occasione la pista di pattinaggio del Centro sportivo sarà aperta al pubblico
Bellinzonese
16 ore

Mercatino di Natale annullato a Sementina

Doveva tenersi giovedì 2 dicembre ma è stato annullato a causa della situazione di recrudescenza pandemica
Ticino
16 ore

Molestie al Dss, l’audit passerà dal voto in Gran Consiglio

La Sottocommissione della gestione suggerisce di conferire ‘il potere di imporre alle persone interpellate di collaborare’: serve un decreto legislativo
Locarnese
24.11.2020 - 14:190
Aggiornamento : 17:59

Verscio, gli abitanti pianificano la campagna

Il progetto di un architetto e un sociologo pedemontani che, con l'aiuto degli abitanti, elaborano un modello di sviluppo sostenibile del comparto

C'era una volta una tranquilla e verdeggiante campagna, con qualche casa disseminata qua e là, tanti campi coltivati e filari di vigneti quasi ovunque. Un'area la cui quiete era turbata soltanto dai rintocchi del campanile della chiesa di San Fedele. Ora questo paesaggio non c'è più, complice la cementificazione e la crescita - notevole soprattutto nell'ultimo ventennio - della popolazione che vi risiede. La rapida edificazione del territorio verscese ha profondamente mutato questo spazio geografico un tempo rurale. A detta di alcuni, nostalgici, si è assistito a un imbruttimento dell'area, riconducibile anche a errori pianificatori. Un'immagine definitivamente compromessa dalle trasformazioni recenti? Forse no.  A sostegno di chi ritiene che gli abitanti debbano essere protagonisti della progettazione dell'avvenire del quartiere sta per arrivare un progetto originale, curato - non poteva essere altrimenti - da due giovani verscesi, affezionati al loro paese, che hanno vissuto sulla loro pelle questa trasformazione radicale (e sempre in marcia): l'architetto Enea Pazzinetti e il sociologo Samuele Cavalli. La loro ricerca rientra sotto l'ala dello sviluppo sostenibile ed è stata riconosciuta dalla Confederazione (Ufficio federale dello sviluppo territoriale) come progetto modello riferito a una scala regionale. Ogni quattro anni, infatti, Berna apre agli esperti del settore di tutto il Paese un concorso che va a premiare delle idee innovative capaci di portare cambiamenti, in positivo, delle condizioni di vita della popolazione residente in aree urbane zonizzate, più o meno densamente popolate (periferie ma anche città, per intenderci). Un centinaio, solitamente, gli elaborati sottoposti a giudizio.

“La possibilità di dialogare con i diretti interessati, un atout di grande importanza”

«All'interno di questi progetti di sviluppo - spiegano Samuele ed Enea - abbiamo scelto, quale ambito prioritario, gli insediamenti che promuovono percorsi brevi, movimento e incontri. Al contrario di quanto avviene per altre realtà, questi progetti nascono dal basso, con un'impostazione molto partecipativa. Per questo motivo il nostro compito iniziale è quello di raccogliere idee di chi vive e anima il quartiere della campagna  in modo da far nascere spunti di riflessione, di verificare se ci sono interventi da attuare sul territorio e quelle che sono le richieste e i desiderata dei suoi abitanti. La possibilità di dialogare con i diretti interessati rappresenta un atout di grande importanza».
Su mandato del Municipio delle Terre di Pedemonte, promotore istituzionale del progetto, intitolato “La strada di quartiere: da via di collegamento a spazio pubblico di incontro”, e con il sostegno dell’ERS-LVM, i due giovani a partire dalle prossime settimane coinvolgeranno, come detto, la popolazione di Verscio.
«Partiremo con un questionario a tutti i fuochi per capire cosa pensa la popolazione di questo quartiere che abbraccia tutta l'area a sud della ferrovia e come lo vive. Il passo successivo saranno gli incontri specifici con i residenti della campagna, con interviste approfondite con chi è disposto a risponderci, sulla base di domande molto aperte. Seguiranno dei “focus group”, dei momenti di riflessione collettiva; è previsto il coinvolgimento, nella discussione, anche delle scuole, visto che la sede delle elementari si trova proprio nella campagna. Sarà interessante leggere la realtà territoriale attraverso gli occhi dei bambini che, non dimentichiamo, saranno gli abitanti del quartiere del domani. Naturalmente ascolteremo anche la voce delle famiglie».

Una piattaforma di confronto e dialogo sulla quale costruire

 La creazione di un sito web accompagnerà lo sviluppo del progetto, mettendo a disposizione degli interessati una sorta di blog interattivo, una piattaforma di confronto e dialogo aggiornata in tempo reale. In termini di tempistica, questo “cammino partecipativo” abbraccerà un lasso di tempo di 4 anni, fino al 2024 (l'emergenza covid ne ha purtroppo rallentato la partenza).
Le informazioni raccolte consentiranno, ai due professionisti, di arrivare a formulare, a partire  delle indicazioni degli abitanti, delle  proposte pianificatorie e a disegnare degli spazi urbani magari, chissà, diversi dagli attuali (pensiamo alla creazione di luoghi d'incontro, alla realizzazione di marciapiedi e panchine, alla eventuale chiusura al traffico di alcune vie stradali, al miglioramento  dei percorsi per la mobilità dolce, ecc...) da poi mettere a disposizione dell'amministrazione comunale e degli esperti del ramo»». Le proposte di riqualifica sono alla base di una trasformazione dell'ambiente che dovrà diventare più vivibile e fruibile. Lo studio, a carattere interdisciplinare (il sociologo cura i contatti con la gente, mentre l'architetto mette su carta degli elaborati) si concluderà con una proposta destinata a essere approfondita (ed eventualmente ampliata abbracciando altre realtà territoriali del comprensorio) in tempi successivi.

“Un primo passo verso nuove modalità d'indagine attente alla realtà”

Non si tratta di fermare il tempo, di fossilizzarsi su posizioni retrograde e di tenere lo sguardo volto semplicemente al passato, è doveroso precisarlo. Se è vero che i suoli fertili sono una risorsa preziosissima ma non più riproducibile e rinnovabile, è vero altresì che per ridare, al villaggio, una sua identità bastano dei piccoli interventi mirati, magari anche correggendo i passi falsi compiuti in precedenza, ripensando alle dinamiche che la qualità della vita esige. Una tale analisi deve insomma costituire la base per ragionare su un nuovo modello di sviluppo, che parta dalle vocazioni autentiche di un’area, dal patrimonio territoriale, dai valori storico-ambientali e dalla partecipazione sociale. «Nella consapevolezza - concludono Samuele ed Enea - che il nostro rapporto, con gli spazi pubblici e privati, è mutato. Basti pensare alla crisi climatica e alla pandemia. Ed è proprio questa nuova percezione, questa transizione in atto un elemento di disamina».
Lontano dal voler essere considerato uno strumento operativo a tutti gli effetti con il quale dettare le trasformazioni del paesaggio, il lavoro sulle strade di quartiere rappresenta un primo passo per esplorare modalità d'indagine attente agli aspetti della realtà, per indicare le possibilità offerte da un approccio interdisciplinare e per comprendere le potenzialità di nuove forme di gestione delle trasformazioni in atto nel territorio locale. Mettendo gli abitanti al centro, raccogliendo la loro voce per provare a immaginare assieme il futuro del quartiere.

( Immagine aerea della campagna di Verscio nel 1962 (Riprodotto con l’autorizzazione di swisstopo (B
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved