laRegione
muralto-dai-banchi-di-scuola-ai-nidi-di-rondini-e-rondoni
Venduta una quarantina di vecchi banchi di scuola. La somma guadagnata è servita all'acquisto di nidi per rondini e rondoni
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
31 min

Un cesto di messaggi e pensieri per gli anziani di Stabio

Un gruppo di cittadine ha voluto far sentire la vicinanza del paese agli ospiti dell'Istituto Santa Filomena in vista del Natale
Mendrisiotto
37 min

Incendio a Moria, da Brusino un contributo per i minori

Il Municipio, sollecitato dal Gruppo Socialisti e Indipendenti, ha donato 500 franchi a favore dei minori vittime dell'incendio nel campo profughi
Ticino
38 min

Anche l'Ocst rilancia: si faccia una polizia unica

La presidente degli agenti affiliati alla Cristiano sociale: i tempi sono maturi, bisogna arrivare a una decisione
Bellinzona
1 ora

La neve ferma Minimusica

Annullato lo spettacolo di questa sera all'oratorio parrocchiale di Salita alla Motta a Bellinzona. Sarà recuperato domenica
Luganese
1 ora

Lugano, condannato a 7 anni l'autista che abusò delle bambine

Si è concluso con una pena più alta rispetto a quanto chiesto dalla pubblica accusa il processo per abusi sessuali commessi da un 77enne
Locarnese
1 ora

Minusio, ‘si vuol far qualcosa con la Polizia?’

Nel rapporto sui preventivi (in rosso per 1,8 milioni) la Gestione torna sul tema sicurezza. ‘Visione strategica? Vediamo solo alto mare’
Ticino
1 ora

Oltre la neve... i radar

Controlli della velocità mobili e semi-stazionari: settimana prossima Mendrisiotto risparmiato
Ticino
1 ora

Cambiamenti in arrivo per gli allievi conducenti

Due anni di guida di una moto con una potenza massima di 35kW e un esame pratico per ottenere la categoria A illimitata
Luganese
2 ore

Quei (troppi?) posteggi in stazione a Lugano

Consiglio comunale competente, ma c'è un rischio ricorsi, ricorda il Municipio
San Gottardo
2 ore

Messa in esercizio terminata, il Parco eolico fa sul serio

Concluso il servizio di prova per l'ultima delle cinque pale. L'Aet, seppur con alcuni aspetti ancora da affinare, ha dato inizio alla produzione di energia
Luganese
3 ore

Gli 'Amici dell'aeroporto' si presentano

Nessun interesse immobiliare, ma un forte piano per lo scalo nelle intenzioni di sir Owen-Jones e Andrea Bonomi
video
Ticino
3 ore

Neve sul Ticino, disagi per chi viaggia in treno

Alcuni guasti dovuti alla nevicata stanno causando qualche ritardo nella circolazione dei treni. Fra Cadenazzo e Locarno circola un treno alla volta
Locarnese
3 ore

Violenza fisica e sessuale alle Criminali di Locarno

Lunedì processo a porte chiuse ad un uomo svizzero sulla cinquantina presunto autore di angherie nei confronti della moglie prostituta
Video
Ticino
3 ore

Pelli e Ritzer, due (quasi) direttori a confronto

Ieri sera si è svolto il dibattito organizzato dalla Corsi e dall'Atg tra i due futuri responsabili dei quotidiani ticinesi
Locarnese
4 ore

Centovalli, la neve mette fuori servizio le funivie

Lo comunica la direzione delle Ferrovie e autolinee regionali ticinesi: gli impianti saranno chiusi fino a nuovo avviso
Locarnese
20.11.2020 - 19:290
Aggiornamento : 19:47

Muralto, dai banchi di scuola ai nidi di rondini e rondoni

Interventi a favore della nidificazione di colonie delle specie migratorie: ultimo in ordine di tempo, la posa di nidi all'esterno dell'istituto elementare

Un garrito stridulo squarcia l'azzurro terso inondato dal solleone che scalda il campanile, baricentro di un turbinio d'ali orbitanti. Tutto sfuma; era un ricordo estivo. L'immagine è classicissima e pare rispondere a una legge naturale: una torre campanaria chiama sempre a sé rondini e rondoni. Lasciamo “le campane al loro cerchio di rondini” (ci torneremo in seguito con un'anticipazione), ma teniamo d'occhio le specie. Semplificando – non ce ne vogliano gli esperti –, nei mesi fra maggio e agosto questi uccelli nidificano nella nostra come in altre regioni, stabilendovi colonie (protette dall'autorità) che tornano ogni anno, come a Muralto.

Come mai, seppur fuori stagione, scriviamo di questi migratori? E che cosa c'entra Muralto? Perché, da circa un mese, su alcune pareti esterne dell'edificio scolastico elementare è comparsa una serie di casette in legno: nidi, appunto. La loro posa è stata fatta in ottobre ed è stata l'ultima tappa di un'iniziativa del Comune di Muralto nata poco più di un anno fa che ha coinvolto l'istituto scolastico, come raccontano la promotrice Anna Maria Sury (vicesindaca dell'ente, nonché capodicastero Opere pubbliche) e l'ex direttore dell'istituto scolastico Emilio Pozzi, ancora in carica quando è stata lanciata; oggi – fra gli altri impegni – è presidente dell'Accademia ticinese di musica.

Rondoni alleati nella lotta alla zanzara tigre

L'avventura dei nidi, racconta la vicesindaca, vede più puntate: la prima riguarda la storia della torretta. «Tutto è partito con l'abbattimento di una casa ospite di una colonia di rondoni, a Muralto ce ne sono diverse. Volevamo che, una volta tornati dallo svernamento, gli uccelli trovassero ancora le loro case. Avevamo quindi apposto nidi e richiamo alla costruzione, grazie anche al sostegno del proprietario dell'abitazione». Allora, spiega l'interlocutrice, «avevamo pure notato che il tema suscitava notevole interesse; senza dimenticare che è una specie che si nutre quotidianamente di una cospicua quantità d'insetti, fra cui la zanzara tigre». Quindi, i rondoni sono alleati ideali per fare la lotta in maniera naturale all'insetto che da anni sta infestando diversi Comuni della regione. «Da lì, l'idea è stata dunque trovare soluzioni che permettessero di ospitare più rondini e rondoni nel nostro Comune».

A Muralto sembra quindi prendere forma una rete di postazioni sicure per la nidificazione di queste specie, soprattutto dei rondoni che nel loro volo ininterrotto si posano solo per nidificare, in genere nello stesso posto in cui sono nati. Gli interventi di messa a punto di case sicure per rendere ospitale Muralto sono infatti diversi, come spiegato da Anna Maria Sury.

Nel Comune, più postazioni d'accoglienza

Oltre alla torretta – dietro il Cinema Rialto, in via G. Mariani –, anche la chiesa di San Vittore offre casa a diversi esemplari. Torniamo così al binomio quasi indissolubile campanili-rondini. «In questo periodo, si stanno facendo lavori al tetto dell'edificio sacro, ma si stanno anche sistemando tutti i buchi nelle facciate, dove solitamente i rondoni costruiscono il loro nido. Molti di questi fori in passato sono stati chiusi per evitare che vi entrassero piccioni, distruggendo i nidi e creando altri problemi. Tuttavia, la riduzione di questi buchi non era idonea alla nidificazione dei rondoni, anzi costituiva un pericolo», chiarisce la vicesindaca. Ora, «con questi lavori alla chiesa, si sta procedendo anche alla sistemazione dei fori affinché quegli uccelli possano nidificare in sicurezza. Un intervento oculato – sottolinea – e stabilito seguendo le direttive dei Beni culturali, poiché San Vittore è parte del patrimonio protetto». La soluzione permette ai rondoni l'ingresso nei buchi, ma non ai piccioni.

Una quarantina di vecchi banchi in favore dell'acquisto di nidi

All'elenco dei numerosi interventi in favore dei volatili, ecco aggiungersi l'iniziativa che coinvolge le Elementari muraltesi che in futuro offriranno diversi tipi di nido, per rondini e rondoni. «Gli allievi hanno mostrato grande interesse per il tema», quindi anche l'istituto scolastico è stato coinvolto con la posa dei manufatti, che saranno punto privilegiato per l'osservazione da parte degli scolari, andando a soddisfare anche la didattica naturalistica.

Facciamo allora un passo indietro e torniamo al 2019, a cavallo fra agosto e settembre, quando una quarantina di vecchi banchi (degli anni Sessanta) non più a norma, delle Elementari è stata messa all'asta a offerta libera, partendo da una base di venti franchi. Il ricavato guadagnato – più una donazione – è stato quindi utilizzato per acquistare nidi per rondini e rondoni progettati e realizzati ad hoc. «Un'iniziativa che inaspettatamente ha suscitato successo e ha visto una grande adesione», ricorda Pozzi con entusiasmo. «I banchi scolastici andavano cambiati, perché vecchiotti. Qui è entrata in gioco Anna Maria Sury che ha proposto di metterli in vendita e sono andati inaspettatamente a ruba».

© Regiopress, All rights reserved