laRegione
aeroporto-di-locarno-un-polo-dal-grande-potenziale
(Ti-Press)
Una realtà aziendale importante per il tessuto economico ticinese
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 min

Le cartoline di Bertoni al Marnin di Locarno

Ventisette immagini su tematiche natalizie esposte negli spazi in Città Vecchia
Ticino
10 min

Attenzione alle scadenze per gli incentivi energetici

Il nuovo programma per il periodo 2021–2025 è al vaglio del Gran Consiglio
Locarnese
15 min

Parco del Piano, si va al Tribunale federale

Continua a far discutere la zona agricola di oltre 100mila metri quadrati estromessa a suo tempo dal Gran Consiglio
Mendrisiotto
49 min

Un cesto di messaggi e pensieri per gli anziani di Stabio

Un gruppo di cittadine ha voluto far sentire la vicinanza del paese agli ospiti dell'Istituto Santa Filomena in vista del Natale
Mendrisiotto
55 min

Incendio a Moria, da Brusino un contributo per i minori

Il Municipio, sollecitato dal Gruppo Socialisti e Indipendenti, ha donato 500 franchi a favore dei minori vittime dell'incendio nel campo profughi
Ticino
56 min

Anche l'Ocst rilancia: si faccia una polizia unica

La presidente degli agenti affiliati alla Cristiano sociale: i tempi sono maturi, bisogna arrivare a una decisione
Bellinzona
1 ora

La neve ferma Minimusica

Annullato lo spettacolo di questa sera all'oratorio parrocchiale di Salita alla Motta a Bellinzona. Sarà recuperato domenica
Luganese
1 ora

Lugano, condannato a 7 anni l'autista che abusò delle bambine

Si è concluso con una pena più alta rispetto a quanto chiesto dalla pubblica accusa il processo per abusi sessuali commessi da un 77enne
Locarnese
1 ora

Minusio, ‘si vuol far qualcosa con la Polizia?’

Nel rapporto sui preventivi (in rosso per 1,8 milioni) la Gestione torna sul tema sicurezza. ‘Visione strategica? Vediamo solo alto mare’
Ticino
1 ora

Oltre la neve... i radar

Controlli della velocità mobili e semi-stazionari: settimana prossima Mendrisiotto risparmiato
Locarnese
18.11.2020 - 16:210
Aggiornamento : 16:56

Aeroporto di Locarno, un polo dal grande potenziale

L'Alba, Associazione che si batte a difesa degli interessi dell'aerodromo, ha pubblicato uno studio che ne evidenzia gli aspetti economici e imprenditoriali

Ben 193 posti di lavoro, in gran parte occupati da residenti; 15 aziende attive in permanenza per un fatturato annuo, complessivo, di 18,4 milioni e una massa salariale di 10,5 milioni; 124 velivoli basati a Locarno, per un valore degli aeromobili (civili) che si attesta sui 27 milioni di franchi. Un patrimonio immobiliare che supera i 100 milioni di franchi.
Sono, queste, solo alcune delle cifre dell'analisi micro-economica dell'Aeroporto cantonale (parte civile e militare) svolta dall'Alba, l'Associazione locarnese e bellinzonese per l'aeroporto. Numeri che testimoniano di quanto sia prezioso, per l'economia ticinese, il distretto aeroportuale in questione. Lo studio di questa realtà commerciale e dei suoi indotti è stato presentato mercoledì, alla stampa, dai suoi promotori. Servirà, ovviamente, nelle trattative future con il mondo istituzionale. Tra questi, Damiano Gianella, segretario e cassiere del Consiglio direttivo dell'Alba: «Si tratta di cifre importanti che spesso passano in secondo piano ma che dimostrano il ruolo chiave di questa infrastruttura per il nostro tessuto economico - ha esordito - Lo sappiamo che ci sono dei problemi di convivenza con le associazioni ambientaliste, non lo neghiamo. Tuttavia non dimentichiamo che l'Aeroporto dà lavoro a tanta gente».
Una prima radiografia di questa dinamica realtà imprenditoriale era stata allestita nel 2014. A distanza di 6 anni e malgrado i grandi cambiamenti intervenuti, a livello mondiale, nel mondo dell'aviazione (senza dimenticare le attuali difficoltà legate alla pandemia), la solidità di questo piccolo polo strategico (e di competenze industriali) non è mai stata intaccata. René Grossi, co-presidente dell'Alba e responsabile settore comunicazione, rende attenti sul fatto che «molte delle aziende installate a Locarno hanno qui non solo la loro base operativa, bensì pure la sede principale».

Ora serve un segnale forte dalla politica

Con i suoi 40mila movimenti annui (10 mila dei quali delle Forze Aeree), la pista di Locarno attende, intanto, la realizzazione del progetto di aggiornamento delle infrastrutture operative e il mini allungamento di 150 metri, in direzione di Bellinzona. Un passo decisivo per consolidare la sua posizione e per gettare le basi di uno sviluppo, sostenibile, a medio-lungo termine. Davide Pedrioli, già delegato cantonale per l'aviazione civile, non ha dubbi al riguardo: «Abbiamo bisogno di questo intervento perché ci sono ditte che investono qui a Locarno (e a Lodrino, aerodromo partner, dove lavorano circa 130 persone, ndr.), che credono in questo piccolo polo e che potrebbero portare ulteriori impieghi in ambito civile. Si tratta, lo ripeto, di offrire sicurezza operativa e infrastrutture logistiche idonee ai nostri inquilini e non di portare maggiori movimenti aerei e disturbo fonico al comparto». Gli investimenti compiuti dalle Forze Aeree e dalla Rega negli anni passati hanno dato lustro all'aerodromo, accrescendone l'importanza, rileva lo studio dell'Alba. Le maestranze impiegate ci credono, a livello di pianificazione i dadi sono tratti. Ora tocca alla politica fare il suo verso. Un eventuale disimpegno da parte del Cantone, ovviamente, rischierebbe di mandare all'aria e precludere la concretizzazione dei progetti di pertinenza di promotori privati. Per dare continuità agli operatori e assicurare indotti di questa portata anche in futuro, è dunque fondamentale spingere in questa direzione. Non comprenderne il valore e le potenzialità, secondo l'Alba, significa far venir meno linfa vitale all'economia di una regione che deve, invece, valorizzare tutte le peculiarità del suo splendido territorio.

© Regiopress, All rights reserved