bosco-gurin-frapolli-minaccia-me-ne-potrei-andare
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
38 min

Battezzato il "Giruno Ticino"

L'evento si è svolto oggi alla presenza delle autorità cantonali, tra cui il Consigliere di Stato Claudio Zali
Grigioni
3 ore

Coronavirus, giornate di vaccinazione per adolescenti

Finora circa 500 ragazzi tra i 16 e i 17 anni si sono annunciati per ricevere il vaccino
Ticino
3 ore

Covid, 3 positivi in Ticino nelle ultime 24 ore

Nessuna nuova vittima e nel cantone rimane un solo paziente ricoverato per il coronavirus
Ticino
8 ore

Doppia denuncia al Ministero pubblico per Philipp Plein

Segnalato lo stilista tedesco con base a Lugano per presunta violazione alla Legge sul lavoro, amministrazione infedele e falsità in documenti
Video
Luganese
8 ore

Ex Macello: ‘Un tetto si smonta a mano, non con le ruspe’

Mentre un video mostra l'intervento del paker sulle pareti, desta perplessità anche la preparazione dell'intervento
Ticino
16 ore

Il confine tra molestia e complimento

Il sessismo si nasconde anche tra le parole e gli apprezzamenti non desiderati
Locarnese
16 ore

Sull'Hangar 1 si pianifica, sulla 'stufa' si riflette

Aeroporto di Locarno, a distanza di parecchi anni ancora non sono iniziati i lavori di rifacimento. Il Cantone rassicura: 'non l'abbiamo dimenticato in un cassetto'
Grigioni
18 ore

'Verdabbio non aveva terreni agricoli, da qui si passava per forza'

Terminati i lavori di conservazione finalizzati a risanare l'antica mulattiera e cinque cappelle votive. 'Forte testimonianza per le generazioni future'
Mendrisiotto
19 ore

Alunni di Coldrerio alle prese con api e francobolli

Dalla collaborazione con il Circolo filatelico del Mendrisiotto e due classi elementari sono nati degli esemplari originali
Luganese
19 ore

Aeroporto, alleanza fra Team Lug e Northern Lights Ag

Entrambe le cordate sono in corsa per la gestione privata della struttura e avevano contestato contro la scelta di due gruppi da parte della Città
Luganese
20 ore

Abusi al cantiere del Campus: niente appalti per Garzoni Sa

Violazione della legge sulle commesse pubbliche, dumping salariale e concorrenza sleale: la ditta non potrà partecipare ai concorsi per 5 mesi
Mendrisiotto
20 ore

Appuntamento al drive-in a Chiasso

Nel parcheggio del Palapenz giovedì prossimo si proietta un documentario del regista Emanuele Gerosa
Ticino
20 ore

Radar in arrivo, dalla Grande Bellinzona alla piccola Polmengo

Ecco la lista delle località in cui verranno effettuati controlli della velocità nella settimana dal 14 al 20 giugno.
Locarnese
16.10.2020 - 06:000
Aggiornamento : 08:49

Bosco Gurin, Frapolli minaccia: 'me ne potrei andare'

Dopo tre anni i lavori della nuova slittovia ancora non sono conclusi. Le cause del ritardo, lo sfogo dell' imprenditore logorato dal clima ostile

Delle grandi opere incompiute la più conosciuta è sicuramente la Sagrada Familia di Antoni Gaudì. Ma, scherzosamente, alle nostre latitudini, potremmo inserire nella lista anche la slittovia di Bosco Gurin, i cui tempi di realizzazione si sono allungati a dismisura. Se si pensa che sono trascorsi tre anni dall'avvio dei lavori e che ancora questa attrattiva acchiappa turisti non è pronta, vien da chiedersi cosa stia succedendo sui pendii della località della Valle Rovana.

Condizionati dalla meteo: nevicate abbondantissime fuori stagione e il Covid

Giovanni Frapolli, promoter del progetto nonché proprietario degli impianti turistici dell stazione walser spiega i motivi di questo ritardo: "Come tutti i cantieri all'aperto realizzati in quota la meteorologia gioca un ruolo determinante. Tengo a precisare che parliamo dei 2mila metri del Rossboda e non dell'edificazione di un edificio che, una volta a tetto, permette di proseguire spediti indipendentemente dalle condizioni del tempo. Tre anni fa, quando abbiamo aperto il cantiere, le copiose nevicate primaverili ci hanno imposto un primo slittamento sulla tabella di marcia. La neve, sparita dai prati a giugno, è tornata a far capolino a novembre. Quindi dei sette mesi di lavoro previsti dalla ditta, ne abbiamo potuti sfruttare solo tre. L'anno successivo, il 2019, stessa musica. Con nevicate primaverili abbondanti che, se da una parte ci hanno assicurato ottime piste fino ad aprile inoltrato, dall'altra ci hanno nuovamente penalizzati. Metteteci le vacanze edilizie e un inizio di autunno tutto ricoperto di bianco e capite che il ritardo accumulato in precedenza non ha potuto essere recuperato. Arriviamo, così, alla primavera di quest'anno, con le nevicate eccezionali che, immancabilmente, ci hanno precluso la ripresa dei lavori prevista in primavera. Il resto l'ha fatto il Covid, che ha impedito ai tecnici della ditta transalpina (con filiale in Svizzera) che cura il cantiere di raggiungere Bosco Gurin a inizio primavera".

Un regalo di natale, se tutto andrà bene

Il resto è cronaca di questi giorni. "Siamo in una situazione d'incertezza, il limite delle nevicate si sta abbassando; comunque speriamo nel collaudo totale dell'impianto per i primi di dicembre. A metà dicembre saranno consegnate le slitte, a Natale l'apertura tanto agognata". Per quel che riguarda i costi, dal milione e 600mila franchi inizialmente preventivato siamo ormai passati a quota 2 milioni.
Non è però solo la meteorologia (e un po' di sfortuna) a remare contro l'imprenditore bellinzonese. Vi è anche un forte muro di resistenze tra la popolazione indigena.

"Questa potrebbe anche essere la mia ultima stagione"

«Non nascondo la mia delusione e la mia amarezza nei confronti di una parte della popolazione indigena e in parte anche dei patrizi (se pensiamo che i fondatori di questa stazione furono proprio dei veri patrizi e oggi, al loro posto, ci sono persone ingrate verso chi li ha preceduti). Gente sempre polemica e ostile nei confronti delle mie iniziative. Dall'avvio del progetto Bosco 2000 a oggi, un sacco di ostacoli posti sul mio cammino mi hanno reso le cose difficili, mi hanno logorato. Non nascondo di aver perso la pazienza. Mi chiedo, spesso, chi me lo fa fare? Vengo sbeffeggiato e deriso quando presento qualche novità, come la zip-line. Per molti sono considerato come "un forestiero" che vuole imporre le sue scelte. Nessuno dei detrattori si rende però conto che queste infrastrutture sono la linfa vitale per questa regione periferica. Per fortuna c'è una maggioranza dell'opinione pubblica che crede in ciò che sto portando avanti e mi incoraggia a proseguire. Solo se riusciamo a portare quassù un turismo di qualità, rispettoso dell'ambiente l'alta Valle avrà un futuro. Qualcuno questo concetto non l'ha ancora capito. E pensare che chi mi ha preceduto mi aveva messo in guardia, dicendomi che gli attacchi di una parte degli abitanti del posto restii ad ogni cambiamento sarebbero stati il pane quotidiano».
Parole dure, quelle di Frapolli, che lasciano presagire una possibile sua uscita di scena? «Quest'inverno curerò ancora la gestione della destinazione. Ma potrebbe anche essere l'ultima stagione del sottoscritto. Dico sul serio. Mi sembra di muovermi nel deserto dei tartari. Intendo ultimare i miei piani e consegnare ai ticinesi un pacchetto turistico Bosco Gurin il più possibile completo. Poi si vedrà. Tra le potesi, non nascondo, potrebbe anche esserci la vendita del complesso con smantellamento delle infrastrutture".

Frasi pronunciate con una calma olimpica che non è da lui. Chi lo conosce sa che in passato più volte ha minacciato di fare armi e bagagli salvo poi, dopo aver buttato fuori tutto, ripresentarsi con nuovi progetti. Sarà così anche questa volta? «Non ho bisogno di Bosco Gurin per andare avanti», sbotta e conclude. Vero. Ma per ora è ancora intrappolato dalla sua fitta agenda di appuntamenti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved