museo-storia-naturale-mozione-faido-il-locarnese-insorge
L'ex convento di Santa Caterina (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
18 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
20 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
2 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
2 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
2 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
2 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
13.10.2020 - 16:32
Aggiornamento: 16:52

Museo storia naturale, mozione Faido. Il Locarnese insorge

Granconsiglieri della regione e Convivio dei sindaci ribadiscono il valore della scelta governativa del 2017: il comparto Santa Caterina

Prima vennero le ex scuole comunali a Locarno, che però sono diventate il Palacinema; quindi fu l’ex caserma di Losone (candidata assieme ad altre località cantonali). Ma nel 2017 dal Consiglio di Stato è giunta la decisione: l’ubicazione ideale per il Museo cantonale di storia naturale (in precedenza Museo del territorio) è l’ex convento di Santa Caterina, nella Città Vecchia di Locarno, a ridosso di Piazza Grande.

Sembra che i giochi siano fatti, con una soluzione inappellabile. Se non che lo scorso 21 settembre è stata presentata a livello cantonale una mozione dal titolo “Riesamina della proposta di Faido quale sede del Museo di storia naturale”. Tanto è bastato per suscitare un’immediata reazione, con due lettere che dalle sponde del Verbano sono giunte sul tavolo del direttore del Dipartimento del territorio (Dt) Claudio Zali. Entrambe datate 12 ottobre 2020, una è firmata da 18 granconsiglieri di Locarnese e Vallemaggia, mentre l’altra è sottoscritta dai membri del Convivio dei sindaci (Cisl), rappresentanti 13 Comuni, dal Gambarogno a Brissago, attraversando l’intero agglomerato urbano.

Tutti i vantaggi della soluzione scelta

I parlamentari, ricordando le richieste di Faido – uno studio approfondito e comparativo con Locarno, pensando all’importanza di sostenere una regione periferica quale la Leventina –, ribadisce i vantaggi della soluzione ”Santa Caterina”. Tra questi: ubicazione in centro città, messa in rete con altre attività ed eventi, vicinanza con il nodo intermodale della nuova stazione di Locarno (che da dicembre sarà uno dei cardini per la mobilità pubblica nella Città Ticino). I 18 pongono pure l’accento sul fatto che “anche Locarno o le sue valli potrebbero considerarsi delle regioni periferiche e dunque non si tratta di negare o dimenticare l’importanza
di sostenere le aree più discoste del nostro Cantone ma, nel caso specifico, si tratta piuttosto di riconoscere razionalmente tutti quei fattori che rendono il comparto di Santa Caterina la sede migliore per il Museo, nell’ottica della sua promozione, salvaguardia e raggiungibilità”.

Argomenti già considerati dal governo quando aveva scelto il complesso di Santa Caterina, che – detto per inciso – è una proprietà del Cantone. Per i parlamentari, inoltre, saranno innumerevoli le possibili sinergie con le Isole di Brissago, di recente acquisizione da parte dello stesso Stato, la cui gestione è stata attribuita al Dipartimento del territorio.

La decisione del 2017 va confermata

Dal punto di vista politico, la missiva specifica: ”Riteniamo che mettere continuamente e nuovamente in discussione delle decisioni già prese, senza aggiungere nuovi elementi, e che a suo tempo sono state attentamente ponderate, non faccia altro che procrastinare inutilmente l’inizio del nuovo capitolo nella storia del Museo cantonale di storia naturale, e rappresenti delle ulteriori inutili spese per il Cantone. Inoltre il mandato di studio in parallelo ha confermato la realizzabilità del Museo cantonale di storia naturale nel comparto Santa Caterina. Il Collegio degli esperti ha raccomandato all’unanimità uno dei quattro progetti presentati, le cui risultanze saranno sottoposte a breve al Consiglio di Stato”. La richiesta: confermare la decisione del 2017, suffragata oltretutto da nuovi concreti elementi (come la stazione di Locarno, il potenziamento del trasporto pubblico, le sinergie con le Isole di Brissago), e dallo stato d’avanzamento dei lavori.

Anche il Convivio intercomunale dei sindaci del Locarnese, nella lettera a Zali, ribadisce che Locarno è l’ubicazione ideale. Il comparto scelto è nel cuore del centro urbano, a poca distanza dalla stazione ferroviaria di Muralto e quindi facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici (pensando alle scolaresche di tutto il cantone). Inoltre a 100 metri dall’ex convento c’è l’autosilo di Largo Zorzi, recentemente acquistato dalla Città.

Parte di un circuito turistico

“Il futuro museo diventerebbe parte di un circuito turistico, alla scoperta del territorio del Locarnese, assieme alle Isole di Brissago con le sue piante tropicali, alle Bolle di Magadino con oltre 300 specie di uccelli, al Parco del Piano, al Monte Verità, alle valli Verzasca, Maggia, Onsernone e alle Centovalli con i loro fiumi, le montagne, le cascate e le innumerevoli possibilità di escursioni, molto apprezzate da cittadini e turisti”, aggiungono i sindaci. Il Museo cantonale di storia naturale a Locarno “fungerebbe da stimolo o punto di partenza per la conoscenza dell’intero territorio cantonale”, incuriosendo i molti turisti della regione e spronandoli a scoprire altre realtà ricche in biodiversità o di particolare interesse naturalistico, Leventina compresa.

In conclusione: “I tempi sono insomma maturi per la realizzazione di questo importante tassello di promozione del territorio in uno stabile cantonale di grande pregio, quello del convento di Santa Caterina, che necessita di nuovi contenuti e che, anche per la situazione architettonica particolare, con il suo giardino interno e i suoi spazi attualmente non accessibili, aumenterebbe notevolmente l’attrattiva del museo”. Perciò anche il Cisl punta sulla conferma della decisione governativa del 2017.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved