passione-e-lavoro-al-di-la-del-cognome
Reza Khatir
Daniela Ambrosoli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Mendrisiotto
40 min

Novazzano, vitello cade in una valletta. Lo recupera la Spab

Salvato con un elicottero, il giovane bovino è tornato a casa sano e salvo. E si è guadagnato il nome di Icaro
Ticino
53 min

Sirica: il Plr ha pagato una sua certa arroganza

'Opportuno il ballottaggio a Bellinzona e la nostra è stata una campagna corretta', ribatte il presidente dei liberali radicali Speziali all'omologo socialista
Ticino
1 ora

'Imponimento': 147 persone rinviate a giudizio

'Ndrangheta, le richieste dei pm antimafia di Catanzaro in relazione all'inchiesta dai risvolti svizzeri
Luganese
1 ora

Monte Ceneri, tiro obbligatorio

La società del Vedeggio organizza gratuitamente mercoledì al poligono militare
Mendrisiotto
1 ora

A Novazzano il 21 maggio si sciopera per il futuro

Anche nel Distretto si aderisce alla manifestazione indetta a livello nazionale per il clima
Luganese
2 ore

Insediato il nuovo Municipio di Lamone

A guidarlo è nuovamente il sindaco Marco Balerna, mentre il vicesindaco è Daniele Franzoni
Mendrisiotto
3 ore

Otto 'testimonial' per i cinque musei d'arte del Distretto

La Rete MAM aderisce a una campagna che racconta di legami d'affetto e con il territorio attraverso la voce di personalità della cultura
Locarnese
3 ore

Locarno, le e-bike vanno per la maggiore

Quasi esaurito il credito che la Città mette a disposizione dei cittadini per l'acquisto di biciclette elettriche
Mendrisiotto
4 ore

Genestrerio, si parte con il progetto stradale sulla zona 30

In pubblicazione il dossier che limita la velocità su tre vie interne e sistema il marciapiede. Obiettivo: più sicurezza e tranquillità
Locarnese
4 ore

Renata Casetta, protagonista dell'Ascona ‘da bere’

Personaggio conosciutissimo in tutto il Locarnese (anche per aver gestito il bar del Teatro Dimitri) è morta a 85 anni
Locarnese
17.09.2020 - 14:440

'Passione e lavoro, al di là del cognome'

Nell'autobiografia di Daniela Ambrosoli racconti da una delle 'grandi famiglie' del Locarnese, conditi da iniziative turistiche e culturail

Sappiamo della Fondazione Pierino Ambrosoli, istituita nel '90 per aiutare i ragazzi di talento che non hanno le possibilità economiche per crescere e imporsi nel mondo della danza. Sappiamo del Campeggio Delta, di sua proprietà, fiore all'occhiello del turismo locarnese, creato da papà Pierino alla fine degli anni 50 sull'ampio terreno dell'ex Silo alla Maggia, e oggi gestito unitamente al figlio Mila Merker, che ne è il manager. Sappiamo, ancora, dei documentari realizzati di recente come regista autodidatta, con l'aiuto alla camera dell'altro figlio, Aliocha Merker, quotato fotografo di scena residente a Zurigo e Roma. E sappiamo, infine, di un cognome - Ambrosoli - che nel Locarnese è emblema di una forza economica le cui radici vanno ricercate nell'opera pionieristica dello stesso Pierino Ambrosoli, imprenditore cui coraggio e visioni di certo non mancavano. Tutto il resto (o quasi) Daniela Ambrosoli lo descrive nell'autobiografia “Tochter aus besserem Hause”, scritta - in tedesco - con l'aiuto del giornalista Markus Maeder e presentata di recente proprio al Campeggio Delta.

Un'autobiografia che sullo sfondo di una vita privata certamente non banale (3 matrimoni, 3 figli; c'è anche Shari, già ballerina classica, oggi fotografa) racconta appunto anche del Locarnese del passato, una regione che le scommesse del capostipite Pierino hanno contribuito a modellare, specialmente negli ambiti immobiliare e turistico.

Mano tesa ai danzatori di talento

Il libro è insieme testamento morale e racconto di viaggio. Descrivendo se stessa e chi l'ha accompagnata Daniela Ambrosoli non lesina sui dettagli - quelli più intimi li potranno scoprire i lettori - abbondanti anche riguardo alle iniziative private che hanno avuto un'eco pubblica. Fra esse, appunto, la fondazione intitolata al padre, «con la quale in 30 anni - ricorda - abbiamo potuto finanziare 260 borse di studio. La cosa bella è che con la stragrande maggioranza di chi ne ha beneficiato è rimasto un contatto. Molti danzatori sono diventati professionisti, poi rimasti in quel mondo dopo aver terminato l'attività per limiti di età». Ancora riguardo al Campeggio Delta, se ne scoprono albori, significato storico nell'ambito dello sviluppo economico regionale, ed evoluzione, avvenuta con l'ampliamento, deciso negli anni 80 e realizzato grazie all'impegno del marito Franz.

«Ciò che ho raggiunto nella mia vita - commenta Daniela Ambrosoli, sentita dalla “Regione” - è il frutto di un duro lavoro quotidiano. È facile mettere in relazione una buona situazione finanziaria con l'ozio, le belle vacanze, le cose di lusso. In realtà ho sempre seguito l'esempio di mio padre, secondo il quale senza impegno non si può ottenere nulla. La disponibilità economica aiuta, ma non è tutto». Poi ricorda la maturità federale classica conseguita da privatista a 20 anni, in un contesto storico ostile alla donna e alla sua emancipazione; o ancora «la necessità, per realizzarmi come regista, di imparare continuamente, sopratttto dal profilo tecnico». Inoltre, conclude, «per poter gestire con successo la fondazione mi sono immersa per anni nell’affascinante mondo della danza. Credo che il mio film “The Making of a Dream” lo dimostri».

La pubblicazione, curata da Antium, si può acquistare (a 21 franchi) direttamente dall'editore (www.antiumverlag.ch).

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved