passione-e-lavoro-al-di-la-del-cognome
Reza Khatir
Daniela Ambrosoli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
17 min

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
3 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
8 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
16 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
17 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
18 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
18 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
18 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
18 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
18 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
17.09.2020 - 14:44

'Passione e lavoro, al di là del cognome'

Nell'autobiografia di Daniela Ambrosoli racconti da una delle 'grandi famiglie' del Locarnese, conditi da iniziative turistiche e culturail

Sappiamo della Fondazione Pierino Ambrosoli, istituita nel '90 per aiutare i ragazzi di talento che non hanno le possibilità economiche per crescere e imporsi nel mondo della danza. Sappiamo del Campeggio Delta, di sua proprietà, fiore all'occhiello del turismo locarnese, creato da papà Pierino alla fine degli anni 50 sull'ampio terreno dell'ex Silo alla Maggia, e oggi gestito unitamente al figlio Mila Merker, che ne è il manager. Sappiamo, ancora, dei documentari realizzati di recente come regista autodidatta, con l'aiuto alla camera dell'altro figlio, Aliocha Merker, quotato fotografo di scena residente a Zurigo e Roma. E sappiamo, infine, di un cognome - Ambrosoli - che nel Locarnese è emblema di una forza economica le cui radici vanno ricercate nell'opera pionieristica dello stesso Pierino Ambrosoli, imprenditore cui coraggio e visioni di certo non mancavano. Tutto il resto (o quasi) Daniela Ambrosoli lo descrive nell'autobiografia “Tochter aus besserem Hause”, scritta - in tedesco - con l'aiuto del giornalista Markus Maeder e presentata di recente proprio al Campeggio Delta.

Un'autobiografia che sullo sfondo di una vita privata certamente non banale (3 matrimoni, 3 figli; c'è anche Shari, già ballerina classica, oggi fotografa) racconta appunto anche del Locarnese del passato, una regione che le scommesse del capostipite Pierino hanno contribuito a modellare, specialmente negli ambiti immobiliare e turistico.

Mano tesa ai danzatori di talento

Il libro è insieme testamento morale e racconto di viaggio. Descrivendo se stessa e chi l'ha accompagnata Daniela Ambrosoli non lesina sui dettagli - quelli più intimi li potranno scoprire i lettori - abbondanti anche riguardo alle iniziative private che hanno avuto un'eco pubblica. Fra esse, appunto, la fondazione intitolata al padre, «con la quale in 30 anni - ricorda - abbiamo potuto finanziare 260 borse di studio. La cosa bella è che con la stragrande maggioranza di chi ne ha beneficiato è rimasto un contatto. Molti danzatori sono diventati professionisti, poi rimasti in quel mondo dopo aver terminato l'attività per limiti di età». Ancora riguardo al Campeggio Delta, se ne scoprono albori, significato storico nell'ambito dello sviluppo economico regionale, ed evoluzione, avvenuta con l'ampliamento, deciso negli anni 80 e realizzato grazie all'impegno del marito Franz.

«Ciò che ho raggiunto nella mia vita - commenta Daniela Ambrosoli, sentita dalla “Regione” - è il frutto di un duro lavoro quotidiano. È facile mettere in relazione una buona situazione finanziaria con l'ozio, le belle vacanze, le cose di lusso. In realtà ho sempre seguito l'esempio di mio padre, secondo il quale senza impegno non si può ottenere nulla. La disponibilità economica aiuta, ma non è tutto». Poi ricorda la maturità federale classica conseguita da privatista a 20 anni, in un contesto storico ostile alla donna e alla sua emancipazione; o ancora «la necessità, per realizzarmi come regista, di imparare continuamente, sopratttto dal profilo tecnico». Inoltre, conclude, «per poter gestire con successo la fondazione mi sono immersa per anni nell’affascinante mondo della danza. Credo che il mio film “The Making of a Dream” lo dimostri».

La pubblicazione, curata da Antium, si può acquistare (a 21 franchi) direttamente dall'editore (www.antiumverlag.ch).

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved