laRegione
Nuovo abbonamento
aeroporto-luci-della-pista-accese-correttamente
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
7 ore

Carnevali 2021, l'obiettivo era 'fare chiarezza'

Luca Filippini (gruppo di lavoro ‘Grandi manifestazioni’): 'Così si evitano spese inutili'. I Carnevali principali sono soddisfatti della decisione
Luganese
7 ore

Debiti di Campione, Gobbi: 'Dichiarazioni incoraggianti'

Il presidente del Consiglio di Stato saluta con favore l'immediata disposizione del neosindaco dell'enclave Canesi di saldare gli scoperti con la Svizzera
Bellinzonese
7 ore

Pausa pranzo e scuola dell'infanzia: interpellanza Mps

Le due consigliere comunali di Bellinzona chiedono che il Municipio garantisca 30 minuti sul mezzogiorno a tutti i docenti
Mendrisiotto
7 ore

Atti sessuali con due ragazzine, uomo in manette

Il cittadino svizzero residente nel Mendrisiotto è accusato di aver approfittato di due giovani. È in carcere da febbraio
Ticino
8 ore

Permessi, Gobbi in Gran Consiglio: ‘Ripeto, niente di illegale’

Rispondendo alle interpellanze di Pronzini, Quadranti e Sirica il presidente del governo spiega come semmai la discussione è sull'apprezzamento della legge
Bellinzonese
8 ore

Spettacolo teatrale ad Olivone

Domenica 27 settembre alle 17 'Nonna Cannella e la Luca', di e con Moira Dellatorre
Bellinzonese
9 ore

La pioggia ferma Bellinzona afterwork

I due concerti saranno recuperati domani sera nel weekend conclusivo della manifestazione che ha segnato l'estate delle piazze del centro
Bellinzonese
9 ore

'Il Plr abbia il coraggio di convincere Paglia a dimettersi'

Dura presa di posizione dell'Udc di Bellinzona in merito ai sorpassi di spesa. La sezione chiede inoltre lumi sullo stipendio percepito dal municipale sospeso
Luganese
9 ore

Polizia Malcantone ovest, è polemica

Magliaso replica all'informazione diffusa da Caslano sui 'controlli fantasma': 'Confermiamo tutto sulla base di oggettivi riscontri'.
Mendrisiotto
9 ore

Intercity nel Mendrisiotto, ‘ll Ticino non finisce a Lugano’

Lunedì prossimo a Mendrisio ci sarà una tavola rotonda con deputati momò al Gran Consiglio, vertici delle Ffs, sindaci e Crtm
campione d'italia
9 ore

Perseguita l'ex fidanzata con botte e minacce via social

Per il 40enne, campionese, disposto dall'autorità giudiziaria su indicazione dei Carabinieri il divieto di avvicinamento e contatto alla donna e al nuovo compagno.
Luganese
9 ore

Comano, a passeggio fra le opere di Nag Arnoldi

Domenica 4 ottobre verrà presentata la statua donata al Comune dalla famiglia dell'artista e distribuita la guida con il percorso verso San Bernardo
Locarnese
08.08.2020 - 11:150
Aggiornamento : 11:33

Aeroporto, 'luci' della pista accese correttamente

La risposta dei responsabili dello scalo alle affermazioni, critiche, contenute nell'interpellanza del consigliere nazionale Bruno Storni al Consiglio federale

“Le luci pista posate a inizio anni Settanta sono, dal profilo legale, corrette. Prova ne sia che vi sono documenti formali che lo attestano. Manca, invero, solo la formale licenza edilizia e/o autorizzazione. Da municipale e il consigliere nazionale socialista Bruno Storni sa benissimo che i proprietari/progettisti della stragrande maggioranza delle infrastrutture pubbliche, private o civili-militari costruite decenni fa non sono in grado di produrre tali atti”.
Sono, queste, affermazioni catturate negli ambienti dell’Aeroporto cantonale di Locarno-Magadino e che fanno seguito alle presunte irregolarità e alle mancanze sollevate, in un atto parlamentare, dal consigliere nazionale socialista Bruno Storni (cfr. LaRegione del 29 luglio). L’esponente locarnese a Berna, in un’articolata interpellanza al Consiglio federale, lo ricordiamo, ha evidenziato l’assenza di una specifica domanda di costruzione al tempo della posa dei fari (mezzo secolo fa) per il volo notturno lungo la pista di decollo e atterraggio dei velivoli. Irregolarità, quella della quale si sarebbero resi colpevoli gli allora enti preposti, venuta a galla solo al momento della recente domanda di rinnovo delle stesse luci da parte di Armasuisse. Un progetto, questo, che ha fatto discutere (anche per il preavviso negativo dei Servizi generali del Cantone) e che attende ancora un parere favorevole proprio dalle autorità della capitale federale, dove il dossier è attentamente soppesato soprattutto dal punto di vista dell’impatto ambientale (disturbo per l’avifauna delle Bolle, in particolare, in corso di accertamento). A detta degli interpellati, “le autorità comunali, cantonali e federali che, “de jure” , tengono tali incarti per dieci anni, a parte qualche caso particolare di rilevanza, dopodiché li eliminano per fare spazio negli archivi”.

Due perizie attendibili confermano: emissioni luminose quasi insignificanti

Proprio sul problema dell’impatto luminoso delle future installazioni, dall’Aeroporto cantonale fanno sapere che “negli scorsi anni il tema delle emissioni è stato oggetto di due specifiche valutazioni (una militare e una civile). Entrambe hanno evidenziato come le attuali, vetuste, luci della pista hanno un’incidenza (scientificamente provata perché basata su un monitoraggio) che arriva all’uno percento (1% !) delle emissioni del comparto. A mo’ di esempio la sola illuminazione della “rotonda dell’aeroporto di Locarno” ha un’emissione luminosa dieci volte superiore alle luci pista”.
Ma i fautori dell’aggiornamento infrastrutturale dell’Aeroporto non si fermano qui; stavolta lanciano un attacco agli ambientalisti: “La Fondazione Bolle di Magadino - osservano - era stata coinvolta dai progettisti del DDPS con il risultato di... far perdere un anno. I suoi rappresentanti chiedono sempre di essere sentiti nel dibattito ma poi non fanno che raccogliere informazioni, a volte su temi che non dominano, finalizzate solo a formulare formali opposizioni o preavvisi cantonali negativi che rallentano le procedure toccate. Se restiamo in termini di emissioni luminose occorre sottolineare che il PUC del Parco del Piano di Magadino, in una sua specifica e precisa regolamentazione, ha definito la zona dell’aeroporto in modo coerente con la realtà: fuori, cioè, dal comparto indicato come sensibile”.

Accrescere la sicurezza operativa dei velivoli, di giorno come di notte

Ricordiamo che la sostituzione dei fari, necessaria per accrescere la sicurezza operativa, qualora dovesse essere approvata da Berna non comporterà alcun incremento dell’attività aviatoria, né diurna né notturna, nel piccolo scalo locarnese. Per questo motivo il Municipio di Locarno, l'Alba e le direzioni civili e militari dell’aeroporto (sostenute da diversi Comuni della regione) hanno caldeggiato il progetto. Va altresì ricordato che il parere del Cantone non è vincolante per l’autorità federale, alla quale spetta la competenza decisionale in autonomia.

Una curiosità, per concludere: da voci attendibili sembra che un consigliere federale presente in Ticino in occasione dei festeggiamenti del 1°di agosto si sia informalmente, e spontaneamente, espresso sull’impellenza di realizzare - senza se e senza ma - il mini allungamento della pista e la messa a giorno delle obsolete infrastrutture ancora presenti nel perimetro aeroportuale.

© Regiopress, All rights reserved