accademia-dimitri-a-losone-ostacoli-e-soluzioni-provvisorie
Un futuro di cultura, sport e tempo libero (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Preonzo, residenti sotto la montagna ‘stufi degli allagamenti’

Gli abitanti della via Cadmónn sollecitano il Municipio affinché si trovi una soluzione alla discesa a valle di acqua e detriti in occasione di nubifragi
Mendrisiotto
1 ora

Operatori di prossimità, gli altri Comuni ci sono

Dopo la separazione di Mendrisio, nove enti locali sono pronti a confermare il sostegno al Servizio regionale. Se ne parlerà entro fine luglio
Locarnese
1 ora

Brione Verzasca, luce verde ai semafori

Il legislativo ha accolto il credito per la loro installazione. Permetteranno di assicurare maggior fluidità al traffico nella strettoia del paese
Luganese
7 ore

Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello

Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
Luganese
8 ore

5 luglio, ore 21: Lugano ‘libera’ dalla zona rossa

Archiviata la Ukraine Reform Conference 2022, viabilità cittadina ripristinata così come trasporto pubblico e posteggi
Luganese
10 ore

Ripartono a Lugano i corsi di italiano per stranieri

A partire da settembre, l’Associazione Il Centro organizza moduli di 60 ore fino a dicembre
Luganese
11 ore

A Gandria metti una sera tra lago, canti e balli

Musica reggae venerdì 8 luglio alla Bottega. Ospite l’artista brasiliano, Dom Lampa. Musica latina e reggae
Ticino
11 ore

Valuta transfrontaliera, intercettati oltre 23 milioni di euro

Il bilancio della Guardia di finanza di Como sull’attività svolta lo scorso anno
Ticino
11 ore

‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’

Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti
Ticino
12 ore

Peter Burkard presidente dell’Ordine dei farmacisti ticinesi

Prende il posto di Mario Tanzi, che lascia dopo 32 anni di mandato e la nomina a presidente onorario
Bellinzonese
12 ore

‘Lumino si doti di un fondo di incentivi al risparmio idrico’

Con un’interrogazione Marianna Cavalli chiede di prevedere contributi per interventi tecnici al fine di ridurre il consumo giornaliero di acqua potabile
Ticino
12 ore

Impianti di risalita turistici, giugno positivo

L’Utpt: ‘Si assiste a un ritorno della clientela estera’
09.08.2020 - 16:05
Aggiornamento: 21:24

Accademia Dimitri a Losone, ostacoli e soluzioni (provvisorie)

Un ricorso blocca la pianificazione, ma il Municipio sigla con la scuola un accordo transitorio per tre mesi

L'Accademia Teatro Dimitri (Atd) all'ex caserma di Losone? Un cambiamento auspicato, ma con un ostacolo da superare. Lo spostamento dell'affiliata alla Scuola universitaria della Svizzera italiana (Supsi), che ha deciso di ampliare la sua offerta formativa e che è alla ricerca di spazi più ampi, è reso più complicato dal ricorso di un privato, che si oppone alla nuova pianificazione del comparto della piazza d'armi in zona Arbigo.
Il nuovo campus dell'Accademia a Losone è già stato inserito dal Cantone nei piani di sviluppo della Supsi, con chiare indicazioni del messaggio del Consiglio di Stato sulla Politica universitaria cantonale 2021-2024: “Nel corso del 2019 - vi si legge - il direttivo dell'Atd ha promosso un'analisi della sua struttura e del suo funzionamento, evidenziando tra l'altro una serie di criticità che allo stato attuale impediscono lo sviluppo della scuola; tra queste, in particolare, una cronica mancanza di spazi adeguati. Per risolvere il problema di logistica, si è quindi analizzata l'ipotesi di un trasferimento nell'ex caserma'. Una possibilità accolta con favore dal Municipio di Losone, che ha pianificato per l'area un polo dedicato alla cultura, allo sport e al tempo libero. Pianificazione tra l'altro approvata dal Consiglio comunale e, in fase preliminare, anche dal Cantone, ma attualmente bloccata da un ricorso: un privato ha impugnato la decisione del Legislativo di fronte al Consiglio di Stato, criticando il metodo (e quindi, implicitamente, anche i contenuti, considerando che un altro approccio avrebbe potuto portare a soluzioni diverse) e i confini del comparto preso in considerazione. Confini che comprendono unicamente l'area della ex piazza d'armi, escludendo altre zone limitrofe che da tempo attendono una nuova pianificazione.

Una soluzione ideale

Nel messaggio del Consiglio di Stato sulla Supsi si specifica che l'intenzione dell'Atd è di utilizzare due ali della caserma. Una soluzione ritenuta ideale: “Consentirebbe il suo sviluppo e la risoluzione di varie criticità. Se l'accordo andrà a buon fine, comporterebbe per il prossimo quadriennio un trasloco della scuola e un ingente lavoro di progettazione e gestione in tutti i settori”. La futura sede, stando al Cantone “consente di prospettare sviluppi assolutamente favorevoli”.
L'autorità comunale locale (Municipio e Legislativo) vede di buon occhio questa possibilità, che lascia spazio anche ad altri contenuti, come attività del Cisa (Scuola specializzata superiore per il cinema e la televisione, che manterrebbe comunque la sua sede a Locarno), e collaborazioni con la Ticino film commission e il Palacinema.

Più spazi, maggiore sicurezza sanitaria

Per l'Accademia la necessità di avere spazi più ampi a disposizione, in questo periodo contrassegnato dalla pandemia di Covid-19, è impellente: permetterebbe di organizzare i corsi con una maggiore sicurezza sanitaria. A tale scopo, il Municipio di Losone ha concesso provvisoriamente l'uso di alcuni locali, concludendo un accordo temporaneo di tre mesi. Accordo che definisce le disposizioni di utilizzo e il canone di locazione. Per ospitare gli studenti non sono stati necessari grandi lavori nello stabile.

«Non sappiamo cosa succederà nei prossimi mesi, per quanto riguarda il coronavirus – afferma il sindaco di Losone Corrado Bianda –. Certo è che, in caso di necessità da parte dell'Accademia, siamo disposti a prolungare l'accordo transitorio».
Le soluzioni provvisorie, seppur approvate dalla maggioranza del legislativo, prestano il fianco alle critiche di alcuni consiglieri comunali, che già si sono manifestati. «È vero. Avere una soluzione di questo tipo, comunque portata avanti in termini ragionevolmente ammissibili, non è l'ideale per noi. Va pure detto che l'occupazione di alcuni spazi, seppure per pochi mesi, è da ritenersi una boccata d'ossigeno per il Comune. Infatti il canone di locazione ci permette di affrontare con più serenità le spese di manutenzione della caserma, che sono importanti».
L'interesse pubblico, che è l'interesse dell'intero cantone che vede nel polo culturale dell'ex caserma un'opportunità di sviluppo e crescita, è evidente. Starà ora al Consiglio di Stato dirimere la questione legata al ricorso di un singolo contro la variante pianificatoria, per sbloccare quindi la situazione e spianare gli ostacoli che ancora restano sul percorso.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accademia dimitri losone
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved