ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
20 min

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
25 min

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
27 min

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
49 min

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
1 ora

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
1 ora

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
1 ora

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
1 ora

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
Locarnese
1 ora

Collaborazione tra Eoc e Santa Chiara, insorgono Ps e Mps

Strategie ospedaliere nel Locarnese, interpellanze al governo sui vantaggi per il privato e sugli svantaggi per il settore pubblico
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio, pomeriggio di sensibilizzazione di Pro Senectute

Evento dedicato alle persone in terza età, sull’importanza di muoversi nelle attività quotidiane, sul rischio delle cadute e come prevenirle
Ticino
2 ore

Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’

Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
Grigioni
2 ore

Adolescenti e sport: serata pubblica con lo psicologo Morinini

La organizza a Roveredo il Raggruppamento calcio Grandinani del Moesano
Locarnese
2 ore

Bracconieri in Vallemaggia, la Federazione prende le distanze

La Fcti condanna senza mezzi termini i deplorevoli atti compiuti da un gruppo di persone nemmeno in possesso di una licenza venatoria
Ticino
2 ore

Apprendistato, finora i contratti firmati tengono bene

A oggi sono 2’452, cinque meno dell’anno scorso e 75 in più del 2019, ultimo anno pre pandemico. Ancora 115 i posti vacanti
23.06.2020 - 05:50

Città alla conquista della Kursaal Locarno Sa

Tutto pronto per l’acquisizione dell'intero pacchetto dell’Organizzazione turistica, per diventare la maggiore azionista

citta-alla-conquista-della-kursaal-locarno-sa
Lo stabile del Teatro visto da Largo Zorzi

Diventare di gran lunga il maggiore azionista della società (con l'80,03% del capitale); poter gestire liberamente e in modo strategico il futuro dello stabile in Largo Zorzi; trattare direttamente con la Casinò Locarno Sa in vista del rinnovo della concessione federale a scadenza nel luglio del 2025; incassare i contributi della casa da gioco alle Fondazioni Cultura e Turismo, per poi ridistribuirli; e garantirsi dividendi sicuri pari a circa 80mila franchi all'anno.

Provvidenziale anche per l'ente turistico

Appare estremamente interessante da diversi punti di vista, l'operazione con cui la Città intende acquisire l'intero pacchetto azionario della Kursaal Locarno Sa attualmente detenuto dall'Organizzazione turistica regionale (Otlmv). Interessante non soltanto per il Comune - per i motivi descritti sopra - ma anche per l'Otlmv, l'ente turistico, che da una parte troverebbe, per il "post-Covid", una stampella finanziaria a dir poco provvidenziale; e dall'altra si trarrebbe oltretutto d'impaccio nei complicatissimi rapporti che da tempo intercorrono fra la Kursaal Locarno Sa, di cui è appunto maggiore azionista, e la Casinò Locarno Sa. Quest'ultima, confrontata alla bassa congiuntura, ha smesso di erogare i contributi alle Fondazioni Cultura e Turismo (da convenzione ammonterebbero a 400mila franchi all'anno ognuna) e ha deciso di pagare soltanto la metà - 500mila franchi - dell'affitto pattuito a contratto per l'occupazione degli spazi nello stabile del Teatro. Mesi di trattative fra le due società sono valsi in pratica un nulla di fatto, con il corollario finale di un precetto esecutivo che la Kursaal ha intimato alla Casinò alla fine dello scorso anno.

Ecco allora che l'assunzione di maggiori responsabilità da parte dell'ente pubblico potrebbe sbloccare la situazione toccando contemporaneamente più punti sensibili. Il primo elemento importante riguarda l'entità finanziaria dell'operazione: con 3 milioni di franchi la Città potrebbe portarsi a casa un pacchetto azionario che ne vale sicuramente di più. Ma questo è solo l'inizio, poiché i fronti di intervento che si aprirebbero per la Kursaal con la Città come maggiore azionista sono come accennato molti e diversificati. Il primo riguarda il futuro dello stabile del Teatro, al centro di infinite discussioni riguardo l'opportunità di salvaguardia. L'edificio è malmesso e l'opzione municipale più accreditata riguarda un restauro delle parti originali con la sostituzione di quelle aggiunte e la creazione di nuovi spazi. Si parla di un intervento, previsto fra 3-5 anni, nel cui ambito è ipotizzabile una valorizzazione del teatro. Ciò sarebbe comunque preceduto da opere urgenti sulla struttura, da effettuare a più breve termine.

Obiettivo: nuovo accordo con la Casinò

Poi, c'è il doppio binario gestione casa da gioco-rapporti con la Casinò Locarno Sa. L'impegno della Città è finalizzato a favorire un nuovo accordo fra Kursaal e Casinò, che sarà però subordinato all'impegno della società di gestione della casa da gioco di rimanere a Locarno anche dopo il rinnovo della convenzione. La prospettiva è un dimezzamento dell'affitto (a mezzo milione l'anno, ovvero quanto sembra sostenibile dal punto di vista della Casinò e tutto sommato accettabile per la Kursaal) e una ridefinizione dei contributi alle Fondazioni. Come e in che misura era proprio il tema centrale che andava discusso nei mesi scorsi, ma volavano i piatti e non c'è stato verso di mettersi a tavolino con la necessaria calma.

Dal profilo prettamente contabile, l'acquisizione delle 2'309 azioni Otlmv (per 1,15 milioni di capitale) consentirebbe dunque alla Città di affrancarsi dal ruolo di secondo azionista pubblico (al 25,3%), attualmente detenuto grazie alle sue 1'012 azioni per un valore di 506mila franchi. Il Comune aumenterebbe così all'83,03% la sua presenza nella società. L'acquisto non peserebbe oltretutto sulle finanze cittadine; questo, grazie ad una liquidità sufficiente per effettuare l'operazione senza ricorrere ad un indebitamento supplementare. E c'è, sempre in ambito pecuniario, la prospettiva di generosi dividendi, che potrebbero fruttare introiti annui sugli 81mila franchi contro i 35mila attuali. Infine, l'operazione è considerata "interessante" anche dal profilo economico sia sulla base del valore di stima di terreno e stabile, sia su quella dell'affitto e della capitalizzazione lorda.

Fra i buoni motivi della "scalata" v'è anche l'ubicazione dello stabile del Teatro, strategica nell'ottica della riqualifica degli spazi pubblici del centro urbano, con particolare attenzione a Largo Zorzi. E a Palazzo Marcacci piace guardare a possibili sinergie con il Palacinema, il Fevi e il Gran-Rex.

La transazione, nei programmi delle parti coinvolte, potrebbe avvenire "a rate": mezzo milione alla vendita (prevista entro fine anno, dopo l'approvazione del messaggio municipale con la richiesta di credito, attualmente in allestimento); un altro milione e mezzo fra il 2022 e il 2023; e il milione rimanente al momento del rinnovo della concessione di sito per un casinò di tipo B alla Casinò Locarno Sa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved