Aarau
1
Xamax
1
fine
(0-1)
Langnau
4
Lugano
7
fine
(1-3 : 2-3 : 1-1)
Ginevra
3
Zurigo
0
fine
(2-0 : 0-0 : 1-0)
Friborgo
5
Bienne
3
fine
(2-0 : 2-2 : 1-1)
Davos
4
Berna
3
fine
(2-0 : 1-2 : 1-1)
Zugo
11
Ajoie
0
fine
(2-0 : 3-0 : 6-0)
Visp
2
Turgovia
3
fine
(0-0 : 2-0 : 0-2 : 0-1)
Olten
2
Zugo Academy
0
fine
(1-0 : 0-0 : 1-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
fine
(2-0 : 0-1 : 0-0)
Ticino Rockets
1
Langenthal
8
fine
(0-3 : 1-2 : 0-3)
Sierre
4
GCK Lions
2
fine
(2-1 : 1-1 : 1-0)
col-museo-di-storia-naturale-una-casa-delle-valli
Ti-Press
Il Santa Caterina
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
38 min

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
2 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
3 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
3 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
3 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
3 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
4 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
4 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
4 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
Ticino
5 ore

I radar della prima settimana di febbraio

Da Polmengo a Balerna i controlli della Polizia cantonale e di quelle comunali
10.03.2020 - 12:190
Aggiornamento : 15:47

'Col Museo di storia naturale una Casa delle Valli'

La proposta della maggioranza dei deputati locarnesi al Gran Consiglio in una mozione al governo promossa dal Plr Nicola Pini

“Appaiare al nuovo Museo di storia naturale, nello stesso comparto, anche una Casa delle Valli che integri e valorizzi il territorio e in particolare le Valli del Locarnese”. È la proposta formulata al Consiglio di Stato dai deputati locarnesi al Gran Consiglio, in una mozione intitolata “Museo di storia naturale e Casa delle Valli a Locarno”. Primo firmatario della mozione è Nicola Pini, che ha coinvolto quasi tutti i granconsiglieri locarnesi, vale a dire Fabio Badasci, Samantha Bourguoin, Bruno Buzzini, Paolo Caroni, Fiorenzo Dadò, Giacomo Garzoli, Fabrizio Garbani Nerini, Marco Passalia, Aron Piezzi, Daniela Pugno Ghirlanda, Michela Ris, Fabrizio Sirica e Alessandro Speziali.

L’idea  prende lo slancio della recente conferma che il Museo cantonale di storia naturale verrà realizzato a Santa Caterina, il cui comparto sarà rivalutato e destinato a fruizione pubblica: “Una buona notizia - si legge nella mozione - per la Città e la regione tutta”. Ribadendo l’ubicazione locarnese del museo in risposta ad un’interrogazione di Diana Tenconi e cofirmatari, il governo aveva inoltre fatto il punto sui passi già intrarpresi, “in particolare l’avviamento della fase del mandato di studio in parallelo atta ad identificare soluzioni urbanistiche e pianificatorie che sappiano integrare esigenze e aspettative di Cantone e Comune”. Il tutto con tempistiche mediamente lunghe “perché determinate da diverse variabili (studi di fattibilità, varianti di Pr, piani particolareggiati, procedure e approvazioni, concorsi di architettura, messe in appalto, ecc.)”.

Sinergie operative, finanziarie, culturali, turistiche e didattiche

Se la tempistica non entusiasma, scrivono ora i deputati locarnesi, “dall’altra offre un’importante opportunità: quella di ampliare il ragionamento su spazi e contenuti, rafforzando quelli che potranno essere identità e spinta propulsiva nella nuova realizzazione e valorizzando il più possibile non solo il museo stesso – la cui attività è da troppi anni plafonata da carenze logistiche e strutturali – ma anche e soprattutto il territorio tutto”. E fra i contenuti complementari che viene chiesto di valutare per il nuovo comparto vi è appunto una Casa delle Valli “che ben potrebbe sostenere, completare e rafforzare l’offerta attorno della struttura museale, permettendo interessanti sinergie operative e finanziarie, oltre che naturalmente culturali, turistiche e didattiche”. 

Per Casa delle Valli i granconsiglieri intendono “in primis un luogo fisico in cui promuovere la cultura, il paesaggio, i prodotti e la qualità di vita delle valli (in particolare del Locarnese: Vallemaggia, Verzasca, Centovalli e Onsernone), ma anche un luogo ideale di collegamento e messa in rete di queste regioni e dei loro attori, una sorta di piattaforma capace, nel medio periodo, di creare sinergie e produrre iniziative comuni, collegando le Valli tra di loro, ma anche la Città con le sue Valli laterali”. Se ne parla già, del resto, in diversi masterplan di sviluppo regionale del Locarnese. In quello dell’Alta Vallemaggia si fa ad esempio accenno a “un luogo dove vendere prodotti tipici e pubblicizzare il territorio delle quattro Valli del Locarnese. Un luogo facilmente accessibile, innovativo e che possa fungere da ‘meraviglia’ e stimolare, grazie ad esperienze anche sensoriali, la voglia di visitare le Valli del Locarnese, come turista, ma anche come luogo di residenza”. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved