ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
15 min

Lugano, alle porte il XV open scacchistico internazionale

Appuntamento a Villa Sassa venerdì per la quindicesima edizione con partecipanti provenienti da almeno sei nazioni. Montepremi: 8’000 franchi
Locarnese
16 min

Cosa farà la Ses per abbassare i prezzi dell’elettricità?

Lo chiede, unitamente ad altri interrogativi, al Municipio di Locarno (azionista dell’azienda elettrica) il gruppo in Consiglio comunale Sinistra Unita
Locarnese
1 ora

Locarno, prevenzione dei tumori al seno

L’Associazione Triangolo organizza il 6 ottobre un incontro informativo sulla malattia con possibilità di dialogo con il pubblico
Mendrisiotto
2 ore

Mercato d’anniversario a Mendrisio per Slow Food Ticino

L’associazione festeggia i suoi primi 35 anni di vita in piazza del Ponte, tra prodotti da difendere e un’etica del cibo
Locarnese
2 ore

Pedemonte, in due frazioni si abbassa il limite di velocità

Negli abitati di Cavigliano e Verscio presto si circolerà a 30km/h. La misura consentirà di ridurre i rischi d’incidente e meglio tutelare i pedoni
Bellinzonese
2 ore

Incidente prima dell’alba, effetto domino sul traffico ticinese

Solo danni materiali per un’auto finita contro il guardrail, ma la rimozione dei detriti sta ancora causando notevoli disagi in direzione nord
Ticino
3 ore

Orari, si va verso negozi più aperti

Chiusura posticipata e deroga per i commerci nelle località turistiche: la maggioranza commissionale con la proposta del Plr. Ma c’è aria di referendum
Luganese
5 ore

Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’

Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
5 ore

‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’

Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
11 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
10.03.2020 - 12:19
Aggiornamento: 15:47

'Col Museo di storia naturale una Casa delle Valli'

La proposta della maggioranza dei deputati locarnesi al Gran Consiglio in una mozione al governo promossa dal Plr Nicola Pini

col-museo-di-storia-naturale-una-casa-delle-valli
Ti-Press
Il Santa Caterina

“Appaiare al nuovo Museo di storia naturale, nello stesso comparto, anche una Casa delle Valli che integri e valorizzi il territorio e in particolare le Valli del Locarnese”. È la proposta formulata al Consiglio di Stato dai deputati locarnesi al Gran Consiglio, in una mozione intitolata “Museo di storia naturale e Casa delle Valli a Locarno”. Primo firmatario della mozione è Nicola Pini, che ha coinvolto quasi tutti i granconsiglieri locarnesi, vale a dire Fabio Badasci, Samantha Bourguoin, Bruno Buzzini, Paolo Caroni, Fiorenzo Dadò, Giacomo Garzoli, Fabrizio Garbani Nerini, Marco Passalia, Aron Piezzi, Daniela Pugno Ghirlanda, Michela Ris, Fabrizio Sirica e Alessandro Speziali.

L’idea  prende lo slancio della recente conferma che il Museo cantonale di storia naturale verrà realizzato a Santa Caterina, il cui comparto sarà rivalutato e destinato a fruizione pubblica: “Una buona notizia - si legge nella mozione - per la Città e la regione tutta”. Ribadendo l’ubicazione locarnese del museo in risposta ad un’interrogazione di Diana Tenconi e cofirmatari, il governo aveva inoltre fatto il punto sui passi già intrarpresi, “in particolare l’avviamento della fase del mandato di studio in parallelo atta ad identificare soluzioni urbanistiche e pianificatorie che sappiano integrare esigenze e aspettative di Cantone e Comune”. Il tutto con tempistiche mediamente lunghe “perché determinate da diverse variabili (studi di fattibilità, varianti di Pr, piani particolareggiati, procedure e approvazioni, concorsi di architettura, messe in appalto, ecc.)”.

Sinergie operative, finanziarie, culturali, turistiche e didattiche

Se la tempistica non entusiasma, scrivono ora i deputati locarnesi, “dall’altra offre un’importante opportunità: quella di ampliare il ragionamento su spazi e contenuti, rafforzando quelli che potranno essere identità e spinta propulsiva nella nuova realizzazione e valorizzando il più possibile non solo il museo stesso – la cui attività è da troppi anni plafonata da carenze logistiche e strutturali – ma anche e soprattutto il territorio tutto”. E fra i contenuti complementari che viene chiesto di valutare per il nuovo comparto vi è appunto una Casa delle Valli “che ben potrebbe sostenere, completare e rafforzare l’offerta attorno della struttura museale, permettendo interessanti sinergie operative e finanziarie, oltre che naturalmente culturali, turistiche e didattiche”. 

Per Casa delle Valli i granconsiglieri intendono “in primis un luogo fisico in cui promuovere la cultura, il paesaggio, i prodotti e la qualità di vita delle valli (in particolare del Locarnese: Vallemaggia, Verzasca, Centovalli e Onsernone), ma anche un luogo ideale di collegamento e messa in rete di queste regioni e dei loro attori, una sorta di piattaforma capace, nel medio periodo, di creare sinergie e produrre iniziative comuni, collegando le Valli tra di loro, ma anche la Città con le sue Valli laterali”. Se ne parla già, del resto, in diversi masterplan di sviluppo regionale del Locarnese. In quello dell’Alta Vallemaggia si fa ad esempio accenno a “un luogo dove vendere prodotti tipici e pubblicizzare il territorio delle quattro Valli del Locarnese. Un luogo facilmente accessibile, innovativo e che possa fungere da ‘meraviglia’ e stimolare, grazie ad esperienze anche sensoriali, la voglia di visitare le Valli del Locarnese, come turista, ma anche come luogo di residenza”. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved