ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Da officina a postribolo: a Balerna fa discutere una richiesta

Alla domanda per cambio di destinazione d’uso, sono già state presentate delle opposizioni. Un residente: ‘Non è coerente con lo sviluppo del quartiere’
Mendrisiotto
9 ore

Al Campus Supsi a Mendrisio si parla di zanzare e altro

In programma per venerdì una conferenza della Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino
10 ore

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
11 ore

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
12 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
12 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
12 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
13 ore

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
13 ore

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
13 ore

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
12.12.2019 - 06:10

Vertenza Kursaal-Casinò, Locarno ha la soluzione

La Città intende acquistare dall'ente turistico il pacchetto azionario di maggioranza (anche) per sbloccare le trattative con la casa da gioco

vertenza-kursaal-casino-locarno-ha-la-soluzione

La penosa vertenza fra Kursaal Sa e Casinò di Locarno Sa potrebbe venire sbloccata con una “semplice” operazione finanziaria: l’acquisto del pacchetto di maggioranza della Kursaal, attualmente detenuto dall’Organizzazione turistica Lago Maggiore e valli (Otlmv), da parte della Città di Locarno, che da azionista di minoranza balzerebbe al timone di controllo della società. In quali termini esattamente lo si potrà però soltanto dire dopo che altri Comuni azionisti avranno espresso l’eventuale intenzione di acquistare parte del pacchetto Otlmv.

L’idea escogitata a Palazzo Marcacci è forte dell’indispensabile appoggio dell’ente turistico, che passando la mano al Comune (o a più Comuni) prenderebbe i classici due piccioni con una fava: da una parte si toglierebbe dagli impicci di una trattativa mai decollata con la Casinò per il riconoscimento dell’intero affitto in Largo Zorzi e il ripristino dei contributi alle Fondazioni Cultura e Turismo (questioni che come noto hanno “partorito” due precetti esecutivi recapitati alla Casinò da parte della Kursaal e della Fondazione Turismo); e dall’altra incasserebbe qualche franco per incrementare le sue attività a favore del turismo (si veda anche l’articolo sotto). Non solo: la “promozione” della Città di Locarno ad azionista di maggioranza potrebbe avere ripercussioni economiche tali da rendere sostenibile, per la “nuova” Kursaal, quanto la Casinò di Locarno pretende, ovverosia una drastica diminuzione dell’affitto per l’occupazione degli spazi in Largo Zorzi. Come noto la società della casa da gioco ha riconosciuto per quest’anno soltanto metà della pigione pattuita a contratto, e lì (a mezzo milione di franchi all’anno) vorrebbe mantenere l’asticella. Con l’ente pubblico al comando della Kursaal la pretesa diventerebbe ipotesi realizzabile, e ciò avrebbe l’effetto “secondario” di rilanciare di colpo la trattativa per la ridefinizione dei contributi alle Fondazioni Cultura e Turismo, che dai 400mila franchi che ognuna riceveva fino al 2017 hanno visto progressivamente erodersi i versamenti della Casinò: prima a 350mila franchi, poi a 300mila franchi e infine a zero (situazione attuale).

La strategia in atto

Come azionista di maggioranza la Città intende anche guardare a una serie di interventi necessari al complesso Teatro-Casinò. Infine, ma non da ultimo, l’operazione è finalizzata ad ancorare a Locarno la Casinò anche dopo il rinnovo delle concessioni federali. Stando le cose come ora, l’eventualità di una partenza non appare infatti così campata in aria. Sulle trattative per il passaggio del pacchetto azionario peserà ovviamente il riconoscimento o meno dello stabile del Teatro quale bene culturale di interesse locale; soluzione auspicata da più parti ma invisa al Municipio, che starà comunque al Consiglio comunale adottare o meno. Va precisato che l’acquisto del pacchetto azionario Otlmv da parte della Città rientra nella già consolidata strategia comunale di assumere sempre maggiori responsabilità nelle partecipate pubbliche, allo scopo di guadagnare spazi di manovra all’interno delle stesse. Un esempio è la Sopracenerina, un altro il Porto regionale, dove la Città aveva deciso di acquistare tutto il pacchetto azionario della Kursaal diventando così, al suo posto, azionista pubblico di maggioranza. Operazioni di questo tipo sono anche finalizzate a generare introiti a gestione corrente, come è il caso dell’acquisto dell’autosilo di Largo Zorzi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved