il-tecday-torna-a-locarno-il-futuro-entra-nelle-scuole
+6
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
12 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
13 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
19 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
21 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
1 gior

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
1 gior

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
1 gior

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
03.12.2019 - 16:43

Il 'TecDay' torna a Locarno: il futuro entra nelle scuole

Avvicinare gli studenti liceali alle tecnologie di domani con un approccio anche umanistico. Così la ricerca dialoga con la futura società civile.

La cultura scientifica incontra i giovani studenti del Liceo cantonale di Locarno. Lo ha fatto oggi grazie al “TecDay”, giornata didattica e vetrina sul futuro promossa dall’Accademia svizzera delle scienze tecniche, dal Decs, dalla direzione e dai docenti dell’istituto e da una sessantina di professionisti attivi nel mondo della tecnica e della scienza. Voluta per diffondere, tra i giovani, l’interesse per queste materie, la giornata è “tornata” al Liceo di Locarno dove, nel 2014, era nata e da dove, in seguito, è stata “esportata”, a turno, nei vari licei ticinesi. «L’impatto estremamente positivo di quella prima proposta – ha ricordato il direttore della sede locarnese, Fulvio Cavallini – è stato tale da spingerci a riproporla. La finalità della nostra scuola è duplice: da una parte preparare gli alunni agli studi superiori; dall’altra fornire loro gli strumenti per vivere la società e assumere delle responsabilità significative in essa. Non dimentichiamo che dai licei spesso usciranno anche i quadri dirigenti e i politici-amministratori del domani. Per la loro capacità di affrontare le sfide, l’assenza di un’apertura all’approccio scientifico-umanistico sarebbe una carenza importante». Franco Gervasoni, direttore della Supsi, ha sottolineato l’opportunità dell’interazione con i giovani: permette di riflettere sul progresso, sulle conseguenze dei cambiamenti e le opportunità andando oltre il solo aspetto tecnico. Consente di rendere tutti più consapevoli delle dinamiche nelle quali siamo immersi sovente senza capire cosa ci sia dietro questo mondo tecnologico». Pensata per stimolare i ragazzi sulle infinite opportunità professionali e i percorsi formativi, la manifestazione è impostata in modo da attirare anche coloro che non hanno scelto un orientamento scientifico.

Affrontare e capire un domani sempre più vicino

«Il ‘TecDay’ fornisce agli allievi modalità di pensiero per affrontare i problemi attuali e che verranno da diversi punti di vista, non solo scientifico bensì anche umanistico» – ha precisato Alberto Piatti, direttore del Dipartimento formazione e apprendimento della Supsi. La “vetrina”, strutturata in una quarantina di moduli presentati da relatori qualificati, «facilita il fondamentale dialogo tra alunni e ricercatori di punta, creando il necessario interscambio tra scuola e società. Si insegna così il futuro nelle scuole». «Portare i risultati della ricerca in un ambiente educativo in modo interattivo – ha concluso Luca Gamma, ricercatore della Supsi – ci permette di verificare l’interesse dei ragazzi e farli riflettere sul ruolo della scienza e della tecnica nel quotidiano». E di un futuro, per concludere con parole di Cavallini, «che non è più così lontano ma sempre più molto vicino».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved