05.10.2019 - 14:30

Minusio, via libera al nuovo Elisarion

Il Consiglio comunale ha concesso il cospicuo finanziamento di 2,4 milioni per ampliare e ristrutturare il centro culturale

di Davide Martinoni
minusio-via-libera-al-nuovo-elisarion
Verso la ristrutturazione e l'ampliamento ©Ti-Press

Minusio investirà 2,4 milioni di franchi per la ristrutturazione del Centro Elisarion, insostituibile punto di riferimento per attività e iniziative culturali di respiro non solo regionale.

Il Consiglio comunale ha infatti concesso lunedì il credito “grosso” di 2 milioni e 292mila franchi inerente alla trasformazione del centro culturale, più altri 100mila franchi – così come auspicato dalle commissioni Edilizia e Gestione, e poi sottoscritto dal Municipio – del vettore energetico. Interventi a sostegno di questa soluzione sono stati pronunciati da tutti gli schieramenti partitici: Plr, Usi e UnitixMinusio.

Gli interventi all'edificio

Il nuovo Elisarion, ricordiamo, sarà non soltanto ristrutturato, ma anche debitamente ampliato grazie alla creazione di un atrio d’entrata che sorgerà a sud dell’edificio esistente (fronte strada) sostituendo l’attuale area d’ingresso.

Fra gli altri interventi figurano il rifacimento della cupola, la messa a norma dell’edificio secondo le misure anti-incendio e l’installazione di un lift, così da facilitare la fruibilità dell’edificio da parte dei disabili.

Altro tema in CC

Cambiando tema, il legislativo ha anche accettato un legato del defunto Peter Rüedi: trattasi di un cospicuo importo che per volontà dell’ex impresario dovrà essere utilizzato per attività pubbliche di carattere sociale, culturale e scolastico, rivolte ai più piccoli.

Il fatto curioso, e per certi versi sicuramente consolante, è che con Rüedi il Municipio di Minusio ha bisticciato per decenni in relazione alle questioni edilizie del Parco Girasole, l’ampia superficie situata all’entrata del comune, lungo via San Gottardo: non solo riguardo al celeberrimo attico abusivo, ma anche per la gru di cantiere poi fatta allontanare, una decina di anni fa, dopo mille tribolazioni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved