campanili-e-5g-monsignor-lazzeri-approfondiamo
Vescovo di Lugano (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Campeggi, nel 2021 il boom, ora il rientro nei ranghi

Dopo il milione e più di pernottamenti del 2021, la situazione dovrebbe tornare a livelli pre-pandemici. Patelli: ‘Inizio più che positivo’
Bellinzonese
1 ora

Strade e centri commerciali: cosa si è fatto e cosa manca

Sant’Antonino: il punto sulla viabilità dieci anni dopo la pianificazione che ha dimezzato l’area di vendita massima
Ticino
11 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
13 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
13 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
14 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
14 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
14 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
14 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
14 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
15 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
15 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
15 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
15 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
16 ore

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
18 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
Grigioni
1 gior

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
1 gior

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
1 gior

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
2 gior

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
2 gior

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
2 gior

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
2 gior

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
2 gior

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
03.09.2019 - 05:50

Campanili e 5G, monsignor Lazzeri: ‘Approfondiamo’

Nessun dietrofront su Arcegno, visto che è l’assemblea parrocchiale ad avere l’ultima. Ma il vescovo apre a una riflessione più generale (mentre a Ginevra...)

La torre campanaria della chiesa di Sant’Antonio ad Arcegno con sopra un’antenna Swisscom? “Mai”, avevano risposto un confinante e con lui una quarantina di abitanti nel febbraio del 2018, quando all’albo comunale di Losone apparve la domanda di licenza edilizia (cfr. ‘laRegione’ del 21.2.2019). E la preoccupazione, già alta per la collocazione così centrale dell’attrezzatura, col parco giochi pubblico a un tiro di schioppo – unita a quello che appariva un intervento invasivo ai danni di un monumento storico – era diventata protesta quando il Comune aveva comunicato agli opponenti che Arcegno necessitava di una copertura di segnale, e quindi “l’interesse pubblico preponderante per eseguire un nuovo impianto” era dato. Impianto per il quale la disponibilità era già stata approvata dall’assemblea parrocchiale nel 2015. Ultimo atto, il ricorso perso dai cittadini, millequattrocento franchi tra spese di giustizia e avvocati.

Dato per scontato che “tutte le misure per salvaguardare la salute delle persone siano garantite”, la Curia vescovile aveva sottolineato nel febbraio di quest’anno come la società di oggi non possa fare a meno di “queste infrastrutture tecniche divenute ormai fondamentali”. Ma le suddette misure sono davvero garantite? Se la scienza non ha ancora una versione definitiva sui potenziali effetti dannosi delle reti di quinta generazione (cfr. ‘laRegione’ del 2 e del 5 luglio scorsi), allora le misure non sarebbero garantite. Preso atto che l’accettazione delle offerte provenienti dalle compagnie telefoniche per installare antenne sul campanile spetta alla singola assemblea parrocchiale, abbiamo chiesto a Mons. Valerio Lazzeri, vescovo della diocesi di Lugano, come si pone la Curia in questo senso, includendo quanto accaduto nei Cantoni Berna e Obvaldo – come riferito dalla ‘Tribune de Genève’, lo scorso 8 giugno – quando alcune parrocchie si sono opposte all’installazione di antenne sui propri campanili una volta “confrontatesi con le rimostranze pubbliche e sotto la pressione di una petizione”. Ma anche la decisione della chiesa di Belfaux, nel Canton Friburgo, che ha respinto l’offerta di una compagnia telefonica in quanto – si riporta testualmente – “non è il ruolo della Chiesa quello di diffondere il 5G, tecnologia della quale non conosciamo l’impatto sulla salute”.

Monsignor Lazzeri, vorrei partire da un provvedimento della Conferenza episcopale italiana di 18 anni fa che stabiliva di “liberare” i campanili già occupati perché una chiesa è un bene da tutelare contro qualunque cosa possa “comprometterne l'integrità, deturparne l’aspetto o pregiudicarne la fruizione” e, in quanto soggetta al diritto canonico, deve essere preservata “da qualunque cosa sia aliena alla santità del luogo”. Come si pone la Curia in merito a questo documento?
Va tenuto presente che il contesto normativo nel quale si è mossa la Conferenza episcopale italiana (Cei) è diverso dal nostro. La Cei, in virtù delle disposizioni vigenti in Italia, può disporre liberamente dell’uso di chiese e campanili. In Ticino, a regolare la gestione dei beni ecclesiastici è una legge civile-ecclesiastica (Legge sulla Chiesa cattolica, stato dicembre 2002) che dà alcune prerogative alle singole parrocchie, rette dal Consiglio parrocchiale e dall’assemblea parrocchiale, i quali, oltre a essere proprietari delle chiese e dei campanili, agiscono secondo la legge. L’Ordinario del luogo, cioè il vescovo o il vicario generale, non può emanare disposizioni normative e amministrative che ignorino queste peculiarità locali. Anche un’eventuale presa di posizione della Conferenza dei vescovi svizzeri dovrà tenere conto delle particolarità legislative di ogni singolo Cantone.

Ad Arcegno hanno perso la battaglia, ma non vogliono la guerra. Confidano, piuttosto, in un ripensamento, magari alla luce delle voci ancora contrastanti sugli effetti della tecnologia 5G. La Curia è favorevole alle antenne o, in caso contrario, si sente in dovere di sensibilizzare le parrocchie sulla non certezza della tecnologia, in ambito di salute?
Finora gli elementi a nostra disposizione non facevano ritenere che fosse necessaria un’opposizione di principio. Tuttavia, si tratta di un problema su cui si potrebbe senz’altro riflettere ulteriormente.

Le parrocchie, secondo lei, devono rendere pubblica la richiesta di inserimento di antenne sui campanili?
La procedura è già trasparente: ogni decisione di un’Assemblea parrocchiale deve essere pubblicata all’albo ed è soggetta a eventuali ricorsi.

Faccio riferimento al ‘gran rifiuto’ delle parrocchie nei Cantoni Obvaldo, Berna e Friburgo e le chiedo come spiega il fatto che ad oggi non risulta che alcuna parrocchia ticinese abbia respinto l’offerta?
Non esiste una domanda generalizzata alle parrocchie per inserire antenne sui loro campanili. Si tratta, infatti, di un fenomeno per ora circoscritto a poche unità.

Le risulta che la Conferenza episcopale svizzera si sia già espressa in merito?
Finora la Conferenza non si è ancora espressa. Ciò non significa che non lo possa fare in un futuro anche prossimo.

È possibile conoscere il numero di parrocchie ticinesi che hanno già concesso i propri campanili alle compagnie telefoniche?
Per quanto riguarda il 5G, oltre ad Arcegno sono noti solo pochi altri casi.

Come risponde a chi vede nella concessione dei campanili un’occasione per “fare cassa”?
Mai nella Chiesa l’obiettivo primo deve essere quello di fare cassa a qualsiasi costo. I beni ecclesiastici vanno naturalmente amministrati in maniera oculata, per garantire la vita delle singole Comunità. Ciò deve avvenire nel rispetto delle leggi morali e del bene pubblico, aspetti fondamentali in ogni presa di decisione.

 

Johan ed Elidan, ginevrini: ‘Ci sentiamo come cavie da laboratorio’

In questo limbo di presunti cacciatori di streghe e presunti untori di radiazioni, e in generale in qualsiasi limbo, meglio appellarsi alla rispettabilità delle fonti. In questo caso, ‘L’Illustré’ – che riporta la storia di due ginevrini abitanti nello stesso quartiere, entrambi sofferenti di diversi problemi di salute dopo l’installazione di tre antenne nel centro città. Johan Perruchoud è un 29enne in piena salute, calato per questioni d’età nell’era tecnologica e, dunque, senza pregiudizi o avversioni alla modernità. La sensazione personale, dopo l’accensione delle antenne di cui sopra, è quella di trovarsi in un forno a micro-onde. La sensazione del 50enne Elidan Arzoni, invece, suo vicino di casa, è quella di “sentirsi utilizzato”, o – per usare l’immagine più consueta – “una cavia da laboratorio”. E in aggiunta, vista l’età che non è più quella di un teenager, il disagio di sentirsi dare del retrogrado, o di vivere la sensazione dell’indesiderato.

I sintomi di quella che – in attesa di versioni ufficiali – potrebbe essere una contaminazione (e non una sensibilità, visto che chi ne soffre non se ne accorge) sono simili per entrambi: insonnia, acufeni (il più comunemente detto ‘fischio nelle orecchie’, insopportabile per chi, come il 29enne, compone musica), cefalee, affaticamento. Perruchoud scrive al gestore telefonico, che ammette l’avvenuta esecuzione di test garantendo che tutto sarebbe in ordine, e augurandogli una pronta guarigione; Arzoni scrive al presidente del Consiglio di Stato Antonio Hodgers (Verdi), per vedersi rispondere che “tutto è legale nella nuova tecnologia”, constatazione alla quale l’interpellante risponde che “la Confederazione è azionista di maggioranza di Swisscom”. Entrambi sono certi che il 5G avrà un impatto sulle generazioni future. Ben più lapidario il deputato Pdc Bertrand Buchs, che ha depositato la mozione per una moratoria sul 5G a Ginevra, giustificata dalla convinzione che si stia verificando una violazione del principio di precauzione. “Non vi è alcun diritto – dice Buchs – di dare a tutte queste persone dei malati immaginari, perché sulla questione delle onde corte nessuno può ancora dire cosa potrà accadere”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved