il-museo-temporaneo-per-rock-dipendenti-e-casalinghe-punk
Claudio Mollekopf (sx) con Eros Girardi
+15
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
4 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
4 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
5 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
5 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
5 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
5 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
5 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
5 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
5 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
6 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
6 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
6 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
6 ore

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
Ticino
6 ore

L’Atg: ‘Preoccupati per il futuro della nostra professione’

L’Associazione ticinese dei giornalisti in assemblea è preoccupata per ‘una parte della politica che mostra costante insofferenza nei nostri confronti’
Locarnese
6 ore

Premio Fondazione Verzasca, ecco i primi vincitori

Il riconoscimento è stato istituito per valorizzare la ricerca e la cultura della valle e della cultura subalpina
Locarnese
6 ore

Locarno, ‘vergognoso non proibire il fumo nei parchi giochi’

L’Associazione svizzera non fumatori prende posizione sulla decisione del Consiglio comunale che non approva la mozione ‘verde’. Annunciato il referendum
06.07.2019 - 06:00
Aggiornamento : 07.07.2019 - 11:32

Il museo temporaneo per rock-dipendenti e casalinghe punk

Mezzo secolo di storia della musica in mostra al terzo piano del PalaCinema dal prossimo 11 luglio. È il Locarno Rock Museum raccontato dai due collezionisti

Il primo pensiero (malato) è quello di fare irruzione di notte al PalaCinema e portarsi via la Gibson SG ‘Diavoletto’ di Angus Young con sopra gli autografi di tutti gli Ac/Dc. Un fan degli Stones (sempre malato) preferirebbe forse la Epiphone Special Les Paul Style di Keith Richards, battuta all’asta da Christie’s il 30 aprile del 1998 con sopra le firme di chitarrista e cantante. Ma ci si accontenterebbe pure del vinile di ‘Goodbye Yellow Brick Road’, doppio capolavoro di Elton John del 1973, autografato da Sir Elton in persona, dal suo paroliere Taupin e dalla Elton John Band al completo.

Ma siamo persone perbene, e possiamo soltanto ammirare – e così faranno gli appassionati di musica – il Locarno Rock Museum organizzato da PalaCinema ed enjoyArena, dove dall’11 al 22 luglio sarà esposta la collezione di Claudio Mollekopf, in collaborazione con Eros Girardi. Nella sala eventi al terzo piano di piazza Remo Rossi sono già pronti oltre trecento pezzi originali – tra chitarre, vinili, dischi d’oro, cimeli storici di ogni tipo e fattura – spalmati su oltre cinquecento metri quadrati. A parte le star di cui sopra, i nomi sono quelli di Pink Floyd, Queen, Metallica, Police, Aerosmith, Guns N’ Roses (c’è anche il cappello di Slash), Jimi Hendrix, Iron Maiden, Bob Dylan, Michael Jackson, Dire Straits, Bon Jovi e, come si dice in questi casi, “many many more”.

‘Il segreto è sposarsi tardi’

«È nato tutto un po’ per scherzo. Ti fai fare un autografo, poi un altro, e la cosa ti prende la mano» racconta Mollekopf. «Come si mette via tutta questa roba? Il segreto è restare single fino a cinquant’anni». Ride Claudio, con un po’ di realismo. «C’è chi fa figli presto e capisce che non ci sta più dentro. E chi invece si sposa tardi come me».
Fiere, mercatini, scambi, online e di persona. Sono molte le circostanze che portano a contatto con i cimeli del rock. Anche le amicizie. Come quella di Claudio con il compianto Steve Lee dei Gotthard: «Succedeva che la band apriva per qualcuno, e Steve mi chiamava per dirmi ”Senti, suoniamo prima degli Ac/Dc a Torino”, oppure “suoniamo in Germania con Bon Jovi, vuoi fare un salto nel backstage?”. Così prendevo un paio di dischi e chiedevo l’autografo». Quelli d’oro, appesi ai pannelli della mostra, hanno un valore particolare. Li emette la Recording Industry Association of America (Riia), che sin dal 1958 ufficializza le 500mila copie vendute, consegnando gli esemplari in quantità limitata all’artista, alla band, a volte all’art director (è il caso di Andy Warhol per ‘Love you live’ degli Stones. C’è.). «A un certo punto scoprii che molte star, i dischi d’oro, non li ritiravano. Anche questo mi spinse ad appendere i miei sogni al muro». Sia chiaro, però: «Con molta tolleranza di mia moglie, ai concerti ci vado ancora» dice Mollekopf. E ci mostra l’autografo di un Phil Collins recente, e il disco di platino personalizzato dei Kiss, con le generalità del collezionista. «Sono soddisfazioni…».

Le casalinghe punk

«Quel muro racconta un percorso di quarant’anni, dal periodo scolastico a quello della contestazione, ai primi amori, alle prime delusioni». Anche questa è l’emozione che ha spinto il collezionista a raccogliere l’idea di Michael Lämmler di enjoyArena. «Ci siamo detti che avremmo potuto far vivere le stesse emozioni a tutti. Perché tutti siamo stati ragazzi, legati a un periodo preciso. Anche la casalinga avrà provato le prime emozioni con un pezzo di Bruce Springsteen, o magari è stata una punk, e ritrova qui uno spicchio della sua gioventù». Pertanto, che siate lavoratori dipendenti, liberi professionisti o, appunto, casalinghe, l’inaugurazione del Locarno Rock Museum è venerdì 12 luglio dalle 18.30, in occasione dell’evento ‘Rooftop by Movie’, con ricco aperitivo. La mostra è visitabile dalle 17 alle 2 del mattino. L’entrata è libera (info@locarnoevents.ch).

‘Il trofeo che mi manca? La foto con Steve, ma non posso più’

La t-shirt dei Black Sabbath dice che ci andremo giù pesante. Ma solo per questione di genere. Con Eros Girardi, che completa con i suoi pezzi l’imponente apporto di Mollkopf, parliamo tra reliquie ‘hard rock’. Partendo da «Lemmy, un filosofo del rock. Quando ci ha lasciato, tutte le rockstar hanno riconosciuto il suo valore» (Lemmy è Kilmister, fondatore e leader dei Motörhead). Per Girardi «il Rock Museum significa esporre quel che ho raccolto in trent’anni e forse più di passione per il rock. Quando ci è stato chiesto, personalmente sono stato felice. Questa mostra rappresenta quello che siamo, quello che ci piace». Stazioniamo davanti a due chitarre griffate Iron Maiden al completo, e Girardi butta l’occhio sulla foto autografata di Bruce Dickinson. «Grande gruppo, gente che dal vivo non tradisce mai…».

I due passi informali finiscono nei pressi degli ultimi due pannelli, un terzetto italo-svizzero: da una parte De André, al centro un tapiro di Michelle Hunziker («Ma sì, ci sta») e poco più a lato i Gotthard, «che rappresentano per me l’unica cosa che non posso più collezionare. Ma non sto parlando dei loro trofei. Parlo di una foto con Steve Lee. Nel passato ci siamo visti e incontrati tante volte. Lui conosceva il mio amore per i Deep Purple, e, avendo suonato diverse volte con John Lord, ogni volta che tornava da un concerto con lui mi portava ogni tipo di gadget firmato. Mi dispiace che nel tempo che ci ha visti vicini non fosse ancora arrivata l’epoca dei selfie. Ecco, una foto con Steve è forse l’unico trofeo che non avrò mai, e quello che mi manca di più».

Guarda tutte le 19 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved