ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
10 min

‘Libertà, di cosa è il nome?’ alla Corporazione Borghese

La Società Dante Alighieri di Locarno organizza giovedì 1º dicembre alle ore 18 la conferenza con il filosofo Fabio Merlini
Bellinzonese
1 ora

Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’

Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
3 ore

Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese

Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
Ticino
3 ore

Cantonali ’23, candidati del Forum alternativo nella lista Ps

L’assemblea del movimento ha deciso ‘di non voler essere l’ennesimo partitino di sinistra, ma di lavorare a un movimento eco-socialista’. Sirica: ‘Felice’
Luganese
3 ore

Comano ha il suo Mercatino di Natale

Il prossimo martedì 6 dicembre il nucleo Tèra d’súra si vestirà con le atmosfere delle festività
video
Bellinzonese
3 ore

Un amico della 19enne morta: ‘Aveva un grande problema’

Roveredo/Bellinzona, un testimone presente al rave party abusivo parla di ketamina e dice di aver invano proposto al gruppo di allertare l’ambulanza
Luganese
4 ore

A Grancia la Posta cambia sede e ‘vestito’

Inaugurati i nuovi spazi, centrali e accessibili. Obiettivo del Gigante giallo creare dei ‘veri e propri centri di servizi’
Locarnese
4 ore

‘Vento di vita vera’, la storia culturale della Val Bavona

Il film di Kurt Koller verrà proiettato al Cinema Otello di Ascona martedì 29 novembre alle 20.30
Locarnese
4 ore

Consegnato il premio ‘Prenditi cura anche con il cuore’

Il Soroptimist Club Locarno ha deciso di premiare Annick Artaria, che ha svolto la sua formazione presso la Clinica Fondazione Varini a Orselina
Ticino
4 ore

In Ticino oltre 35mila dosi di richiamo: cosa cambia a dicembre

Adeguato il dispositivo: vaccinazioni al solo Centro cantonale di Quartino il 2, 3, 9 e 16 dicembre 2022, negli studi medici e nelle farmacie disponibili
13.03.2019 - 11:23

Bolle di sapone miracolose

Dall’Indonesia, telecamera in spalla, le storie di beneficenza valmaggese di Eliana e Fabrizio Giacomini. Il 17 aprile, ad Aurigeno, si proietta il documentario

bolle-di-sapone-miracolose
+2

La prima scossa, di magnitudo 6.4, il 29 luglio 2018; la seconda, ancora peggiore per devastazione (7.0) il 5 agosto; più di 400 vittime, quasi 400mila sfollati, 350 milioni di dollari di danni stimati. Sono i numeri del doppio sisma che l’estate scorsa colpì l’isola indonesiana di Lombok. «Erano tre anni che non viaggiavamo più, così nel 2017 abbiamo deciso per l’Indonesia» racconta Fabrizio Giacomini, che con la moglie Eliana spende abitualmente le sue quattro settimane di vacanza per girare il mondo. In un viaggio che include anche Jakarta, nel dicembre di quell’anno i due valmaggesi fanno visita a due orfanotrofi sull’isola di Lombok guidati da Mr. Nuvola, persona di riferimento anche per quanto accadrà dopo quel viaggio, rientrando poi in patria non prima di avere consegnato i doni per i bimbi della struttura, trasportati manu propria.

Un buon proposito divenuto urgente

Il tempo di tornare a Giumaglio per ricalarsi nei ritmi di vita ticinesi e «in televisione possiamo solo assistere impotenti alle immagini di quei terribili terremoti a distanza di una settimana l’uno dall’altro». Quel che a Lombok era già precario, e che Eliana e Fabrizio avevano constatato con i propri occhi, non c’era più. «Il nostro proposito di dare una mano al centro è diventato così qualcosa di più urgente. Quella gente non se la passava benissimo nemmeno prima, in assenza di sovvenzioni governative; dopo i terremoti, la loro sorte ci è stata ancor più a cuore». Eliana e Fabrizio si spendono così per una prima colletta, «sufficiente almeno a comperare tetti in lamiera in vista della stagione delle piogge». Del montaggio di quei tetti ci sono le immagini inviate da Mr. Nuvola, per la gioia di tutti gli attori coinvolti nella raccolta fondi (il prima e il dopo sisma sono ritratti in foto e video su www.fgediscovery.ch).

Aiuto senza etichette

La beneficenza di Eliana e Fabrizio non ha etichette. «È una cosa nostra, non apparteniamo ad organizzazioni umanitarie. Quando partiamo ci informiamo presso le associazioni del posto se esistono casi particolari per i quali renderci utili, ma agiamo in modo autonomo». Incluso il trasporto del materiale: «A Lombok, per esempio, abbiamo portato un centinaio di chili di giocattoli, vestiario, libri e materiale didattico in generale, raccolto tramite amici italiani e svizzeri. Li abbiamo caricati sull’aereo come bagaglio a mano, dopo avere chiesto un permesso alla compagnia, che ci è venuta incontro facendoci pagare solo un supplemento».

Tutt’altro che effimero

Così come accaduto per i viaggi precedenti – Africa, India, Nicaragua e altre porzioni di terra e di popoli sparsi per il mondo – quel viaggio a Lombok ora è all’interno di un documentario autoprodotto intitolato ‘L’effimero miracolo di una bolla di sapone’. Mercoledì 17 aprile alle 20.30, nel Centro scolastico Ronchini di Aurigeno, il “miracolo” (che così effimero, alla fine, non è) verrà proiettato: «L’idea di questo evento – conclude Fabrizio – nasce per provare a raccogliere ancora qualcosa, per far passare una volta di più il messaggio. Perché la gente si dimentica, ed è anche normale che accada. Mentre il brutto, invece, arriva proprio adesso. Ho amici ad Amatrice, so cosa significa quando il tempo passa». L’idea dei due valmaggesi è di tornare a Lombok tra ottobre e novembre, «per capire di cosa hanno bisogno, documentare e portare altri aiuti».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved