laRegione
la-ssic-sara-un-voto-a-favore-delle-ditte-locali
La zona dove sorgerà la struttura (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

Porto Letizia a Porlezza, un doppio flop le aste

Confermati i dubbi della vigilia: il vincolo turistico smorza l'entusiasmo dei potenziali acquirenti degli appartamenti
Luganese
8 ore

Manor aumenta la sicurezza, ma per il Black Friday

Fabian Hilbrand (responsabile della comunicazione) riferendosi all'accoltellamento avvenuto a Lugano: ‘Un caso assolutamente eccezionale’
Luganese
8 ore

Covid-19, sospesi gli incontri del Caffé-Brega

Le nuove direttive emanate dal governo cantonale per evitare la diffusione del virus impongono l'interruzione dell'iniziativa
Luganese
8 ore

Lugano, quale impatto di autodenunce e sopravvenienze?

Interrogazione Plr, con la prudenza necessaria, chiede di valutare meglio quanto potrebbe arrivare nell'erario dalle imposte suppletorie
Luganese
8 ore

Jihad o follia? Il confine è labile, la minaccia da soppesare

Uno studioso del radicalismo islamico 'legge' l'attacco di Lugano e lo inserisce nel contesto europeo, per capire rischi e limiti del terrorismo in Europa
Luganese
8 ore

Caso Chiappini, Curia e facoltà non parlano

Senza risposte gli interrogativi posti dal fermo del sacerdote indagato per sequestro di persona. La Facoltà di teologia sospende le sue lezioni
Grigioni
9 ore

Altra forma di violenza: lettere anonime alla sindaca Noi-Togni

Nicoletta Noi-Togni condanna gli attacchi fatti sulla sua età: 'Criticare qualcuno su un argomento incontestabile la considero una forma di violenza'
Luganese
9 ore

Accoltellamento alla Manor, l'Udc: 'Sessione straordinaria'

Il partito vuole revocare il passaporto a chi ha doppia nazionalità ed è sospettato di jihadismo. Gobbi chiede più strumenti legislativi nella prevenzione
Luganese
10 ore

Mulino di Maroggia, il titolare vuole ricostruire

A due giorni dal rogo che ha cancellato la struttura, Alessandro Fontana pensa al rilancio di quello che era un faro per tutta la comunità
Grigioni
10 ore

Grono, un successo la vendita benefica di abiti usati

16mila i franchi raccolti, devoluti in parti uguali a favore della biblioteca comunale e del Fondo Borse di studio per ragazze e donne in difficoltà di Soroptmist
Bellinzonese
10 ore

'Chiudere al traffico le strade di accesso all'asilo di Gnosca'

È la proposta dei Verdi, che sollevano una "situazione di disagio" dovuta al fatto che alcuni genitori "portano i figli in auto fino davanti alla scuola dell'infanzia"
Locarnese
11.03.2019 - 17:470

La Ssic: sarà un voto a favore delle ditte locali

Presa di posizione sul referendum per il finanziamento suppletorio del Porto del Gambarogno

Il prossimo 7 aprile, gli abitanti del comune di Gambarogno saranno chiamati alle urne per esprimersi sul referendum contro il credito aggiuntivo per la costruzione del Porto regionale al Sass di Sciatt. La decisione in merito al credito suppletorio recentemente concesso dal Consiglio comunale (legislativo che peraltro aveva approvato il progetto già nel 2013) non determinerà la realizzazione del Porto in quanto tale e neppure la sua ubicazione, ma soltanto la parte di credito mancante per compensare gli oneri di rincaro. Maggiori oneri derivanti dal finto fondale. Un’opera che, nelle intenzioni del Municipio, verrà affidata a ditte locali.
Sulla questione interviene la Società svizzera impresari costruttori (Ssic) Sezione Ticino, in qualità di Associazione di categoria: “Se il credito venisse negato, per realizzare il porto bisognerebbe far capo a ditte estere – si legge in una presa di posizione della stessa Ssic –. Se pensiamo alle opere da impresario costruttore relative al molo frangiflutti, la differenza d'investimento sarebbe quantificabile in circa 600mila franchi a fronte di un investimento totale di 4,6 milioni. Differenza più che giustificata per gli indotti che avrebbe sull’economia ticinese. Siamo certi di non sbagliare dicendo che tale situazione è principalmente riconducibile all’enorme differenza tra i salari svizzeri e quelli italiani. Noi lottiamo perché nella busta paga degli operai impiegati dalle nostre imprese possano essere versati 4’500/5'000 franchi mensili. Le opere prefabbricate che nel caso di delibera a un’impresa italiana verranno realizzate all’estero, sono parecchie in questo progetto ed è fin troppo facile essere concorrenziali potendo contare su salari orari che non raggiungono neppure la metà dei 30 franchi all’ora (ai quali noi aggiungiamo pure gli oneri sociali) che le imprese di costruzione svizzere sono costrette a corrispondere ai propri dipendenti in virtù dei minimi salariali imposti dal nostro Contratto nazionale mantello di obbligatorietà generale”. C’’è poi tutto il discorso dell’indotto economico correlato a tali investimenti: “Le ditte che lavorano garantiscono occupazione in Ticino, pagano le imposte, fanno capo ai fornitori locali, offrono garanzie di buona esecuzione e reperibilità a lavori ultimati. In caso di delibera dei lavori per la realizzazione dei frangiflutti a un’impresa italiana l’indotto per l’economia locale sarebbe prossimo a zero. Nel caso di una delibera dei lavori a una ditta ticinese, i 4,6 milioni sarebbero spesi nella remunerazione salariale di una dozzina di operai per la durata di un anno e nell’acquisto esclusivamente in Svizzera di materiali di prestazioni terzi”.
La travagliata storia del Porto di Gambarogno – stando alla Ssic – non merita certo di concludersi con la realizzazione di questa importante infrastruttura (sicuramente produttiva a medio termine anche dal profilo economico) per mano di ditte estere. “La politica, le associazioni economiche e crediamo anche la popolazione, griderebbe allo scandalo. Non basta votare "Prima i nostri" o "Salviamo il lavoro in Ticino" per sostenere l’economia e l’occupazione cantonale. Bisogna essere coerenti nelle scelte e nelle azioni anche quando, almeno a prima vista, si intravvede un certo risparmio finanziario. Per questi motivi, ci sembrava corretto rendere attenta la popolazione del Comune di Gambarogno sull'importanza di concedere il credito suppletorio in un’ottica di rispetto della realtà imprenditoriale locale, formata da ditte serie e in grado di conferire rappresentatività alla coscienza sociale dell’imprenditore, fatta d’impegno formativo per le future generazioni (apprendisti), sensibilità sociale verso i propri collaboratori e il nostro territorio, oltre che della volontà di tramandare competenza, esperienza e tradizione edificatoria”.

© Regiopress, All rights reserved