Wil
Losanna
20:00
 
SVITOLINA E. (UKR)
1
BENCIC B. (SUI)
2
fine
(2-6 : 6-3 : 6-7)
Berna
Davos
19:45
 
Bienne
Langnau
19:45
 
Friborgo
Ambrì
19:45
 
Lakers
Ginevra
19:45
 
Losanna
Zugo
19:45
 
Zurigo
Lugano
19:45
 
La Chaux de Fonds
Zugo Academy
19:45
 
Olten
Visp
19:45
 
Langenthal
Kloten
19:45
 
Ajoie
Turgovia
20:00
 
Wil
CHALLENGE LEAGUE
0 - 0
20:00
Losanna
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
SVITOLINA E. (UKR)
1 - 2
fine
2-6
6-3
6-7
BENCIC B. (SUI)
2-6
6-3
6-7
WTA-S
DUBAI UAE
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Berna
LNA
0 - 0
19:45
Davos
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Bienne
LNA
0 - 0
19:45
Langnau
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Friborgo
LNA
0 - 0
19:45
Ambrì
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Lakers
LNA
0 - 0
19:45
Ginevra
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Losanna
LNA
0 - 0
19:45
Zugo
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Zurigo
LNA
0 - 0
19:45
Lugano
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
La Chaux de Fonds
LNB
0 - 0
19:45
Zugo Academy
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Olten
LNB
0 - 0
19:45
Visp
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Langenthal
LNB
0 - 0
19:45
Kloten
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Ajoie
LNB
0 - 0
20:00
Turgovia
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Locarnese
14.12.2018 - 06:000

Locarno, sequestrati 21 cani reclusi in un appartamento

Vivevano segregati fra puzza, escrementi, poco cibo e scarsità d'acqua. Intervenute la polcomunale e l'Ufficio del Veterinario cantonale.

Ventun cani di piccola taglia (tra cui alcuni cuccioli) erano reclusi in un appartamento a Locarno, nelle vicinanze dell’istituto Casa Anziani San Carlo. Quando gli agenti della Polcomunale, accompagnati da un’ispettrice dell’Ufficio del veterinario cantonale, a seguito di più segnalazioni concomitanti hanno aperto la porta, non potevano credere ai loro occhi. Gli animali, che verosimilmente non uscivano mai da quell’appartamento, erano tenuti in condizioni a dir poco precarie. Una bomba igienica: puzza, escrementi ovunque, poco cibo, poca acqua, e chiasso infernale.

I cani sono stati immediatamente sequestrati e trasferiti al rifugio di Gnosca della Protezione animali di Bellinzona, dove sono stati visitati da un veterinario e accuditi dal personale della struttura. Il grave episodio, risalente a lunedì scorso, ci è stato confermato dal veterinario cantonale, Luca Bacciarini. I poveri animali erano di proprietà di una coppia che li allevava probabilmente per poi venderli. Non tutti gli animali erano identificati tramite microchip e la documentazione era limitata, quindi risalire alla loro provenienza non sarà evidente. Non può essere escluso che alcuni esemplari arrivino anche dall’Europa dell’Est.

A questo proposito il veterinario cantonale richiama l’attenzione sui rischi legati all’acquisto di animali da compagnia. Occorre sempre verificare che la documentazione fornita con l’animale sia completa e che chi vende il cucciolo sia effettivamente l’allevatore.
In caso d’importazione sono sempre necessari microchip, passaporto ufficiale e vaccinazione antirabbica valida. In alcuni casi sono da adempiere condizioni supplementari. Per maggiori informazioni: www.ti.ch/vet.

Potrebbe interessarti anche
Tags
animali
veterinario
appartamento
veterinario cantonale
cani
locarno
sequestrati
© Regiopress, All rights reserved