laRegione
Nuovo abbonamento
divorzio-di-polizia-minusio-verso-il-si
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Dopo una tregua, torna la canicola

Allerta di grado tre in Ticino da domani pomeriggio fino a mercoledì sera. Previste temperatura fino 34 gradi e alti tassi di umidità.
Locarnese
2 ore

'Villaggio svizzero dell'anno', due finalisti sono ticinesi

Gambarogno e Losone figurano tra le 12 località prescelte dal concorso, che quest'anno premia solidarietà e creatività in ambito Covid-19
Mendrisiotto
2 ore

Mercato dell’usato a favore dell’Uganda, si rinvia

La prudenza dettata dalla situazione sanitaria ha convinto gli organizzatori a rimandare al marzo del 2021 a Mendrisio
Locarnese
3 ore

Fulmine al Porto, diamo a Cesare ciò che è di Cesare

In relazione all'articolo
Luganese
3 ore

La sfida del maratoneta luganese tocca il mare

Soccorso Cresta e il figlio Gabriele al seguito in bici raggiungono Rimini. Ora li attendono 300 chilometri lungo la costa
Ticino
4 ore

Tre nuovi casi di coronavirus in Ticino, una persona dimessa

In totale sale a 3'449 il numero di persone testate positive nel cantone dall'inizio della pandemia, 923 i malati che hanno lasciato gli ospedali
Locarnese
5 ore

Palagnedra, pranzo della classe 1950

Coetanei della regione a tavola nelle alte Centovalli il prossimo 20 di agosto
Locarnese
5 ore

Pedemonte, gli Amici delle Tre Terre in assemblea

Giovedì 27 agosto, a Intragna, è prevista la seduta.Tra i temi sul tavolo la relazione presidenziale e i bilanci dei vari capi sezione
Grigioni
5 ore

Nei Grigioni tutti a scuola e senza obbligo di mascherina

L'anno 2020/21 inizierà con lezioni in presenza e classi intere; quarantena per chi torna da zone a rischio
Mendrisiotto
8 ore

Carnevali, ipotesi (anche estive) al vaglio

In attesa delle decisioni di Berna (e del Cantone), i 5 grandi Carnevali hanno già cominciato a riunirsi. Sul tavolo, tra le opzioni, anche qualcosa di 'estivo'
Gallery
Locarnese
8 ore

Pozzo di Tegna, difficile convivenza tra residenti e turisti

Al problema del littering si aggiunge quello della sicurezza; pochi posteggi e la sosta si fa selvaggia, creando situazioni di pericolo per pedoni e ciclisti
Locarnese
21.04.2018 - 07:000

Divorzio di Polizia, Minusio verso il 'sì'

La Gestione si allinea al Municipio sull'allontanamento dai 'cugini'. Ma preoccupano costi e sviluppi legislativi

Sì alla nuova strada da imboccare autonomamente (o meglio con l’appoggio di un’altra Polizia strutturata o della Polizia polo Regione 6), ma occhio alla questione dei costi da una parte, e a quella riguardante i “continui mutamenti sul fronte legislativo cantonale” dall’altra. Vada dunque per “l’atto di fede” richiesto dal Municipio, ma che “entro 6 mesi dalla crescita in giudicato di questo messaggio venga licenziata una nuova proposta che definisca un chiaro futuro del Corpo di polizia di Minusio”; entità che dovrà appunto “operare in sinergia con il polo e le altre polizie strutturate”. Insomma, la pretesa è quella di “una chiara strategia rivolta al futuro, tenendo conto delle sempre maggiori sfide nell’ambito della gestione della sicurezza”.

È la posizione della commissione della Gestione del legislativo di Minusio sulla proposta municipale di staccarsi, dopo 20 anni, dai “cugini” muraltesi per dar vita ad un Corpo di polizia strutturato di tipo 2, ovverosia, nel specifico, composto da 10 agenti (contro i 6 attuali, più un assistente e un ausiliario).

Nel suo rapporto, la Gestione tiene a sottolineare come “gli sforzi – talvolta criticati – della presente commissione, di quella scorsa e dell’ex commissione speciale appaiano giustificati. Infatti, il lavoro di analisi portato avanti nel tempo sembra ora aver convinto anche l’esectivo della necessità di rivedere a fondo la gestione della sicurezza del nostro territorio”. Ciò trova infatti ampia conferma nella disamina dei rapporti (ormai compromessi) con Muralto, effettuata dal Municipio nel suo stesso messaggio. Comunque, per altro, la commissione guarda con criticità alla questione finanziaria. Quest’anno la collaborazione con Muralto costa a Minusio 1,477 milioni di franchi, “incluse le nuove assunzioni che porterebbero l’effettivo del Corpo a 9 unità”. Il che significa un costo procapite di 200 franchi, “già oltre la media cantonale”. Ma dovendo arrivare a 10 agenti, la spesa aumenterebbe. Pertanto “solo una fattiva e proficua collaborazione con una polizia strutturata più grande o con il polo potrebbe contenere i costi, concretizzando per altro la visione prospettata nel messaggio”.

Non meno foriera di dubbi è la questione legislativa, visto che, con i cambiamenti proposti dal Dipartimento istituzioni, il futuro potrebbe riservare “un solo tipo di polizia strtturata, con 25 agenti opeativi uniformati e un comandante” (mentre la Federazione delle polizie propone un minimo di 15+1). “Nel migliore dei casi il costo procapite a carico del cittadino si assesterebbe a circa 270 franchi: improponibile, ben oltre la media cantonale, che si aggira attorno ai 160 franchi”. Per la Gestione insomma le buone intenzioni ci sono, ma non bastano. O detto, in altre parole, “nei cotenuti del messaggio si distinguono gli ingredienti della futura polizia, ma manca la ricetta”. Ecco dunque giustificarsi il mezz’anno di tempo per presentare una proposta nuova e più concreta.

Credito per l’asilo, sì ma...

 

La “questione polizia” sarà all’esame del legislativo di Minusio già lunedì prossimo, 23 aprile (dalle 20.15), in una seduta che all’ordine del giorno presenta anche la richiesta di un credito di progettazione 195mila franchi per l’ampliamento della scuola dell’infanzia in via Mezzaro. A questo proposito la Gestione porta il suo avallo, ma invita il Municipio sia a “sincerarsi, tramite uno studio specialistico, della crescita demografica in tutti gli ordini scolastici di competenza comunale, oltre l’ordine temporale indicato nel messaggio”; sia a “prendere in considerazione una variante per il progetto, che includa il possibile sviluppo ed estensione degli spazi di riserva predisposti per essere utilizzati quale ottava sezione, nel caso in cui ne nasca la necessità”.

© Regiopress, All rights reserved