ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani

Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
4 ore

Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’

La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Gallery
Luganese
11 ore

Manno: con l’auto nella scarpata, due ferite

L’incidente stradale è avvenuto attorno alle 21. Le due occupanti della vettura, una donna e una bambina, se la sono cavata con qualche escoriazione
Grigioni
11 ore

Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta

L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Locarnese
11 ore

Locarno, sul preventivo 2023 la Gestione ‘bastona’

Per nulla soddisfatti della situazione finanziaria della Città i commissari. Nel rapporto evidenziate diverse criticità. La politica di rilancio non va
Luganese
12 ore

Massagno, si è spento Paolo Grandi

Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
13 ore

Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’

Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
14 ore

Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini

Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
14 ore

Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città

Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Mendrisiotto
14 ore

Valichi secondari, ‘di notte bisogna chiuderli’

Lorenzo Quadri (Lega) presenta una mozione al Consiglio federale, dopo l’insuccesso di una analoga presentata nel 2014 dalla collega di partito Pantani
27.02.2018 - 21:00

Parrocchia-Comune, due secoli di convenzione da 'svecchiare'

Il Cc di Terre di Pedemonte discute i nuovi accordi fra le istituzioni. Gli attuali risalgono al 1811 e non sono mai stati, formalmente, aggiornati

di David Leoni
parrocchia-comune-due-secoli-di-convenzione-da-svecchiare
(Ti-Press)

“Hoc enim placitum novum”, “abbiamo una nuova convenzione”. Potrebbe essere questo l’annuncio, urbi et orbi, fatto alla sala dal sindaco Fabrizio Garbani Nerini in occasione della prossima seduta di legislativo. Quella che dovrebbe portare il Comune di Terre di Pedemonte e la Parrocchia di Tegna alla firma di un nuovo accordo. Quello attualmente in vigore, che regola i rapporti tra queste due istituzioni risale, pensate un po’, addirittura al 1811. In quei tempi, a Roma, sul trono di San Pietro sedeva Papa Pio VII e il Ticino, come Cantone indipendente, aveva da pochi anni aperto gli occhi. Ebbene malgrado da allora siano trascorsi 207 anni e i ruoli della Chiesa, così come il volto della società, siano profondamente cambiati, i rapporti tra le parti hanno praticamente attraversato due secoli senza essere mai “svecchiati”. Ed è proprio ciò che questa nuova convenzione sarà chiamata a fare. Anche perché ci sono alcune annose questioni fra le parti che andrebbero appianate una volta per tutte. Prima delle quali, quella riguardante gli aiuti finanziari versati dal Comune alla Parrocchia. Sì perché la firma di quel patto, nel 1811, obbligava di fatto l’ente al sostentamento economico della Parrocchia “sine die”. Questo in cambio dell’incameramento dei beni parrocchiali. Forse nel corso della storia qualche ritocco agli accordi c’è stato, ma non v’è traccia di sostanziali cambiamenti intercorsi in questi 207 anni di (più o meno) pacifica convivenza. Nessuna voglia di svincolarsi, dunque, dal retaggio, nulla a che vedere con Don Camillo e Peppone di Giovannino Guareschi immortalati in tanti film di successo. Come rileva l’Esecutivo, la crescente disaffezione dei cittadini verso la vita parrocchiale (da più parti, in passato, dai banchi del legislativo era stato chiesto di rivedere verso il basso il contributo annuo versato alla Parrocchia, ndr) rende comunque necessario sedersi attorno a un tavolo e discutere di collaborazione. Il Municipio, anima moderata, non intende comunque in alcun modo entrare in conflitto con il Consiglio parrocchiale, predilige la via dei buoni rapporti di vicinato e lo spirito collaborativo.


Gli aspetti finanziari, la dolente nota


Uno dei problemi di fondo con i quali deve fare i conti la Parrocchia di Tegna, oggi, è quello delle casse. Semivuote. Mancano riserve di liquidità, gli edifici sacri (dall’Oratorio di Sant’Anna alla Casa parrocchiale, passando per la Chiesa di Santa Maria Assunta, confrontata con problemi di infiltrazioni di umidità) necessitano di importanti lavori di manutenzione; con gli spiccioli a disposizione difficilmente si potranno affrontare importanti investimenti. Fino ad ora, il Comune versava un contributo annuo di circa 30mila franchi (con una punta di 37mila nel 2016). Con la sigla di un nuovo accordo (durata di 10 anni), oltre a stabilire un contributo forfetario definito (in pratica la conferma di 30mila franchi annui) viene regolata anche la questione delle spese di manutenzione (affidate alla Parrocchia, che non dovrà più bussare alla porta della cancelleria). Una volta trovata l’intesa, l’Esecutivo sottoporrà al legislativo una richiesta di credito per i lavori che interesseranno la chiesa (caso raro in Ticino, essa è di proprietà del Comune), in modo da salvaguardare questo bene culturale. In attesa che, chissà, un giorno non tanto lontano le tre parrocchie di Tegna, Verscio e Cavigliano si riuniscano in un’unica entità, l’Amministrazione dovrà chinarsi in seguito sulle due convenzioni che la legano alle rimanenti due Parrocchie.

© Regiopress, All rights reserved