ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
9 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
11 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
16 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
21 ore

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
04.12.2022 - 17:17
Aggiornamento: 17:33

Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’

Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti

frana-in-val-calanca-non-si-puo-continuare-a-sfidare-la-sorte
Ti-Press/Golay

«Per fortuna, anche questa volta, nessuno passava di lì, ma non possiamo continuare a sfidare la sorte». Pure lei isolata in quel di Buseno, la locale vicesindaca Rosanna Spagnolatti non nasconde un po’ di preoccupazione a poche ore dalla frana scesa sulla strada cantonale tra Castaneda e Buseno. Circa 10 metri cubi di materiale riversatisi sulla carreggiata che al momento isolano dal resto del mondo la popolazione (all’incirca 400 i residenti) dei comuni di Buseno, Calanca e Rossa. Pure tranciati i cavi della fibra ottica, per cui la zona risulta priva di rete Internet. «Il mio timore, condiviso da altri abitanti, è che non sarà l’ultima frana. C’è ancora tanta roccia instabile in quel tratto di strada. Per cui, a bocce ferme, una volta capito bene quanto successo, bisognerà sedersi al tavolo con il Cantone, proprietario della strada, per valutare delle possibili soluzioni».

Sono in effetti molteplici gli scoscendimenti avvenuti su quel tratto di strada negli ultimi decenni. Oltre a quelli del 2007 e del 2010 (che non avevano comportato chiusure prolungate della strada), Spagnolatti ricorda «la grossa frana del marzo 2016», quando l’alta Valle fu tagliata fuori dal mondo. «Fortunatamente dopo qualche giorno si riuscì a consentire il transito dei veicoli attraverso una strada alternativa. Ma in questo caso di alternative non ce ne sono».

L’impressione è che ci vorrà tempo, forse giorni, per sgomberare la il manto stradale. «Domani ci sarà forse più margine per capire meglio. Anche perché, a parte il materiale sulla strada, ho visto personalmente buche nell’asfalto molto importanti provocate dalla caduta di grandi massi». La speranza è che non si arrivi alla situazione del 2007, quando l’imponente frana di Arvigo all’altezza delle cave Polti aveva isolato per una settimana la valle a partire da Buseno. «In queste situazioni, oltre al fatto di non potersi recare al lavoro, si pone il problema dei servizi per gli anziani che necessitano dell’assistenza a domicilio. C’è poi la questione della scuola: la sede di valle è a Castaneda, e domani quindi i bambini della Calanca interna non potranno essere in classe». In caso di chiusura prolungata della strada, i beni di prima necessità non dovrebbero rappresentare un problema. «Indipendentemente da queste situazioni, la gente che risiede in valle è abituata a fare scorte non avendo la comodità di un negozio di alimentari dietro l’angolo. In caso di necessità, c’è comunque il negozietto di alimentari a Selma».

Leggi anche:

Val Calanca isolata: ‘Ci vorranno giorni per liberare la strada’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved