ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
30 min

Risparmiare sostituendo il riscaldamento elettrico

Domani nel Palazzo della Sopracenerina una serata informativa organizzata dalla Ses, in collaborazione con TicinoEnergia
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio rivede verso il basso il costo dei sacchi dei rifiuti

Da gennaio le tasse causali incideranno meno sul budget familiare. Pubblicata l’Ordinanza rivisitata
Bellinzonese
1 ora

Ospedali di valle, associazione in assemblea a Biasca

All’ordine del giorno il cambio di presidenza e la decisione sul testo conforme dell’iniziativa ‘Per cure mediche e ospedaliere di prossimità’
Locarnese
1 ora

Cevio, due ‘no’ nel voto referendario per scuole e terreno

Alta la partecipazione al voto: del 71,55%. Bocciate entrambe le risoluzioni che il Consiglio comunale aveva adottato il 20 giugno
Grigioni
1 ora

Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare

Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Locarnese
2 ore

Scontro con un’auto di grossa cilindrata: la moto sul cofano

Sul posto, in via Luini a Locarno, agenti della Polizia in quello che è un incidente le cui informazioni sono ancora frammentarie
Mendrisiotto
2 ore

Il ‘Natale a Mendrisio’ moltiplica i mercatini

Più possibilità espositive per commercianti, artigiani e hobbisti. Gli eventi si concentreranno in Piazza del Ponte
Ticino
3 ore

I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’

L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Mendrisiotto
4 ore

I Moka People tornano al Mulino del Daniello

In programma una tre giorni fra arte, musica, proposte d’intrattenimento e momenti di ristoro
Mendrisiotto
5 ore

Una serata sulla violenza contro le donne a Chiasso

La neocostituita associazione ‘Mai più sola’ apre il dibattito sul tema con politici ed esperti
Luganese
1 gior

Centauro ferito per evitare l’auto che ha invaso la sua corsia

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
1 gior

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
1 gior

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
1 gior

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
1 gior

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
laR
 
25.11.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:18

San Bernardino: futuro smart con Spa, sport e 1’500 letti caldi

Giù i veli al progetto Swiss Alps: 900 posti auto interrati, rinnovo vecchi hotel, edificazione nuove residenze, rinnovo impianti di Confin

san-bernardino-futuro-smart-con-spa-sport-e-1-500-letti-caldi
San Bernardino Swiss Alps
Nuovi appartamenti accanto all’albergo Brocco e Posta da rinnovare
+1

Rilanciare gli impianti di risalita, le strutture turistico/ricettive, le infrastrutture per la popolazione, compresi i servizi base per la vita di un villaggio di montagna. Questa sera a Mesocco, appuntamento ore 18 nella sala spettacoli, la popolazione e gli interessati potranno scoprire i dettagli – ve ne offriamo qui una carrellata – del progetto promosso dalla San Bernardino Swiss Alps Sa. Società facente capo al Family Office della famiglia Artioli, con una struttura aziendale già attiva e progetti sul territorio "a dimostrazione della concretezza di ciò che si vuole mettere in atto non lasciandolo su carta", sottolineano i promotori alla ‘Regione’. Chiara la missione: proporre una visione "moderna ed eco-sostenibile per rinverdire i fasti del passato dello splendido villaggio altomesolcinese". Parole d’ordine "comprensorio rinnovato" e "servizi su misura per ogni tipo di clientela", con innumerevoli possibilità di attività all’aperto, vivibili d’inverno e d’estate. Obiettivo nell’obiettivo, "rendere San Bernardino un luogo dove nuovi sviluppi, infrastrutture, commercio al dettaglio, cultura e comunità si integrino con ciò che vi sta intorno, fornendo servizi esclusivi a chi vi abita e soggiorna". E per sviluppo s’intende un villaggio "che non debba più basarsi sul turismo di giornata, ma possa offrire un’ampia offerta per un pubblico quanto più vasto".

‘O entrambi o cade tutto’

Due gli aspetti che si legano a doppio filo: "La creazione di nuovi posti letto crescerà di pari passo con l’ammodernamento di impianti e infrastrutture". A tutto questo "si unirà una particolare attenzione nei confronti dell’ambiente con soluzioni eco-sostenibili". Detto altrimenti, il rinnovo e la riapertura degli impianti di risalita di Confin con la sua cabinovia e gli altri collegamenti a fune, fermi ormai da diversi anni, "non può prescindere dall’aumento dei posti letto caldi". In questo senso l’obiettivo della Sa è riattivare fino a 1’500 letti caldi attraverso il rinnovo di strutture esistenti, alcune chiuse ormai da diversi anni, come l’hotel Ravizza con annesso l’Eroom (in tutto 75 camere e centro benessere), il Brocco e Posta (45 camere e centro benessere), l’hotel Suisse (sei camere e sei appartamenti), il Central (14 appartamenti) e la Casa Montana di Lugano (11 camere e 7 appartamenti) cui si aggiungeranno il progetto Pian Cales (già in costruzione) e le residenze private dei 18 appartamenti Brocco. E le piste da sci: saranno aggiornati i 45 tracciati, ammodernati gli impianti esistenti e aggiunti di nuovi; si pensa ovviamente all’innevamento artificiale, anche per lo sci di fondo.

Centro paese rinnovato e pedonalizzato

Lucio Gerna, direttore esecutivo dello sviluppo di Swiss Alps, riassume la filosofia che sta a monte: «La rivalorizzazione di un villaggio passa attraverso la ristrutturazione delle strutture esistenti che hanno un loro valore storico. Strutture come il Ravizza e il Brocco e Posta hanno un forte legame con San Bernardino ed è nostro obiettivo preservarli. Gli interventi non snatureranno le strutture, ma a valorizzarle. E anche le nuove costruzioni saranno integrate armoniosamente nell’agglomerato urbano montano. Per dare valore a quanto verrà realizzato utilizzeremo materiali naturali come legno e pietra, in ogni caso ecosostenibili». A beneficiarne anche il centro paese, che sarà rinnovato e pedonalizzato.

Mutti e Acuforta ‘aree importantissime’

Nel dettaglio vi saranno hotel per ogni target, appartamenti smart Mountain Pop dove ogni necessità sarà gestibile attraverso il proprio smartphone, ristoranti in quota (Confin Bass al posto dell’esistente) e in paese. Il tutto teleriscaldato e facendo capo a energia rinnovabile (centrale a cippato). Si mira anche a trasformare le aree Mutti e Acuforta di proprietà patriziale e municipale e dove insieme all’area Ustra sono previsti 900 nuovi posti auto interrati. Nell’area Mutti sorgeranno nuove strutture sportive utilizzabili tutto l’anno (ad esempio piscina e fitness) così come un family hotel da 80 camere, 100 appartamenti a gestione alberghiera e 90 smart apartments. Acuforta sarà invece destinata al resort wellness & spa Les Arts con 80 camere e a 135 appartamenti a gestione alberghiera. Queste due aree sono ritenute dai promotori "importantissime per il completamento del progetto e la sua migliore funzionalità". Dall’area Ustra (nel cui pianterreno saranno garantite le movimentazioni dei suoi mezzi e l’attuale funzionamento) potranno partire navette elettriche di collegamento per limitare il passaggio di veicoli nel centro villaggio.

‘Nuovi posti di lavoro’

Una valorizzazione locale dunque che «consentirà al villaggio di portare vantaggi a tutta la regione. Vantaggi che partono da nuove opportunità professionali, all’insediamento di nuovi nuclei famigliari attivi fino alla volorizzazione e promozione del territorio e delle sue eccellenze», sottolinea Marcello Censi, direttore commerciale della Swiss Alps Sa: «Desideriamo che la trasformazione in una destinazione per tutto l’anno porti allo sviluppo di tutti i progetti attraverso la valorizzazione di realtà locali, nuovi posti di lavoro e iniziative a vantaggio di popolazione e villeggianti. Vogliamo che sia un valore aggiunto per tutta la Regione Moesa, il Grigioni italiano e non solo».

‘Azionariato pubblico-privato’

Quindi il ruolo dell’ente pubblico, fortemente auspicato dai promotori: «Tutto ciò non può che svilupparsi attraverso un azionariato pubblico-privato per quanto riguarda la rinascita degli impianti di risalita della zona di Confin», spiega Censi sottolineando anche che l’iniziativa imprenditoriale «non può prescindere dal supporto di chi la regione la vive e la conosce al meglio. Il consenso e il sostegno, anche economico, del pubblico è qualcosa di necessario per la piena riuscita del progetto». Punto questo sul quale le autorità comunali – da lungo tempo in cerca di gruppi interessati a investire in paese – sono chiamate a giocare un ruolo di sostegno strategico.

Popolazione invitata a dire la sua

Fornire servizi per rendere vivibile San Bernardino 365 giorni l’anno. Missione davvero realizzabile? E rivolta a quale pubblico? Lo chiediamo a Niccolò Meroni, direttore marketing del progetto: «Miriamo a essere attrattivi verso target quanto più vari, dalle famiglie con bambini, ai giovani e agli anziani, dagli sportivi a chi vuole vivere la montagna in tranquillità. Non vogliamo incentivare il turismo di giornata, ma un turismo che possa vivere appieno San Bernardino in tutte le sue potenzialità». Tutto ciò passa inevitabilmente anche «dalla volontà di comprendere i desideri di chi San Bernardino la vive costantemente. Perciò sarà da oggi attivo il sito web sanbernardino-swissalps.com dove sarà possibile scoprire i dettagli del progetto, così come darci consigli e idee. In questa fase il sito web sarà il cuore del progetto e verrà costantemente aggiornato per rivelare i dettagli e le novità». Non da ultimo, i promotori puntano anche a iniziative condivise con l’Ente turistico.

Tempi realizzativi, domani è già oggi

E chi pensa che tutto ciò sarà musica di un futuro molto lontano, rischia di venire smentito: «Miriamo a essere già attivi con i primi progetti a partire da fine 2023 quando dovremmo poter riaprire una prima tratta degli impianti di Confin», rivela Meroni assicurando pragmatismo. Quattro anni di cantieri per giungere alla loro ultimazione entro fine 2026.

Leggi anche:

San Bernardino, serata pubblica sul progetto di rilancio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved