furto-di-mascherine-oggi-e-candidato-a-coira-per-l-udc-moesa
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio

Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Locarnese
3 ore

Muralto Musika, la quinta edizione

In programma tre appuntamenti concertistici in San Vittore
Ticino
4 ore

Crisi idrica, in Lombardia giro di rubinetto

Emergenza siccità, il presidente della Regione Attilio Fontana firma decreto per un uso parsimonioso dell’acqua
Locarnese
4 ore

Appuntamento estivo al Parco di Orselina

Musica jazz con la Sister cities brass band di New Orleans
Bellinzonese
4 ore

Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli

Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
Mendrisiotto
4 ore

Castel San Pietro, dalla sezione Plr un sostegno al Patriziato

Donato un contributo di 1’500 franchi per la ristrutturazione del rifugio Alpe Caviano, che entrerà a far parte dell’Albergo diffuso
Locarnese
4 ore

Approvata la scuola a Bignasco, ma tira aria di referendum

Il Consiglio comunale promuove la convenzione tra Comune e Patriziato per la costruzione delle Elementari. Tuttavia c’è chi dice no
Ticino
5 ore

Ticinesi morti sul Susten: Norman Gobbi si unisce al cordoglio

Le due vittime erano membri dell’Associazione ticinese truppe motorizzate (Attm). Marco Bignasca, ex ufficiale auto: fra le società d’arma più attive
Mendrisiotto
5 ore

Coldrerio, le regole per parcheggiare al Parco San Rocco

L’autorimessa sarà accessibile da settembre. Il Municipio adatta l’ordinanza sulla gestione dei posteggi pubblici
Locarnese
6 ore

Vira Gambarogno, festa annullata

A causa delle previsioni meteo avverse
Luganese
6 ore

Pianta cade vicino al parco giochi di Melide, cause non chiare

Non si esclude che l’albero possa essere stato attaccato dal coleottero giapponese
Bellinzonese
7 ore

Conferenza sull’ambiente: 1° premio a una classe di Acquarossa

La quinta elementare della docente Nora Antonini ha vinto a livello nazionale grazie a un lavoro di studio sulle piante non autoctone (neofite)
Locarnese
7 ore

Cevio, la Fondazione Silene Giannini fa spazio all’arte

Obiettivo: sostenere chi eccelle in pittura, fotografia, grafica e altri settori figurativi, creando anche una rete regionale
22.03.2022 - 12:51
Aggiornamento : 23.03.2022 - 19:19

Furto di mascherine: oggi è candidato a Coira per l’Udc Moesa

L’ex consigliere di Monteceneri abita a Lostallo e punta al Gran Consiglio. Venerdì sarà processato dal Tribunale militare: ‘Ho agito in buona fede’

Condannato l’anno scorso per appropriazione indebita aggravata (valore del maltolto 128 franchi e 70 centesimi), questo venerdì nell’aula penale del Pretorio di Locarno si professerà innocente dinanzi al Tribunale militare 3 che lo giudicherà avendo impugnato il decreto d’accusa che propone una sanzione pecuniaria posta al beneficio della sospensione condizionale. Il caso è quello dell’insegnante sanitario che nel marzo 2020 aveva donato al Comune di Monteceneri mascherine e guanti di proprietà dell’Esercito. Di cui è dipendente lavorando alla caserma di Airolo dove sono stanziate le Scuole reclute sanitarie. Allora consigliere comunale Lega/Udc a Monteceneri, nel frattempo ha lasciato Camignolo trasferendosi a Lostallo. E qui oggi riveste la funzione di vicepresidente della nuova sezione unica Udc del Moesano. Inoltre in tale veste è candidato al Gran Consiglio in vista delle elezioni cantonali di maggio. Candidato al Parlamento cantonale pur avendo pendente una condanna – tutta ancora da confermare, come detto – per furto ai danni della Confederazione. E che comunque non figurerebbe nell’estratto del suo Casellario giudiziale – se anche nei Grigioni vigesse la disposizione che c’è in Ticino che obbliga i candidati a presentare il documento (con pubblicazione sul ‘Foglio ufficiale’) – per la semplice ragione che nel citato estratto vengono menzionate unicamente le condanne cresciute in giudicato, dunque definitive. In Mesolcina e Calanca, in casa democentrista, la presenza di un’ombra nel recente passato di un proprio candidato non sembra finora aver suscitato scalpore. Ma la vicenda potrebbe prendere una piega diversa qualora fra tre giorni, il 25 marzo, il Tribunale militare 3 confermasse la condanna.

‘Servivano ai volontari per consegnare la spesa agli anziani’

«Sono tranquillo», dichiara il candidato alla ‘Regione’: «Anzitutto fino a condanna definitiva sono da considerare innocente. E questo gli elettori devono saperlo. Quanto ai fatti imputatimi, ho agito di pancia e col cuore. A ragion veduta avrei in effetti dovuto chiedere al mio superiore il permesso di consegnare al Comune di Monteceneri guanti e mascherine sanitarie». I media hanno sempre riferito che ne avrebbe indebitamente prelevati alla caserma di Airolo grandi quantità. «Non è vero», puntualizza il nostro interlocutore: «Le cose sono andate così. Siamo a marzo 2020. Conoscendo il mio ambito professionale, un municipale mi telefona spiegandomi che vi è penuria di mascherine e guanti per i dipendenti comunali e i volontari che consegnano la spesa al domicilio degli anziani. Si era, ricordiamo, all’inizio della pandemia, in piena prima ondata, e il materiale di protezione scarseggiava un po’ ovunque. Agendo in totale buona fede, prelevo quindi dal bagagliaio dell’auto di servizio un pacco già aperto di 50 mascherine e uno con mille paia di guanti, materiale usato durante la mia attività di insegnante con le truppe. Mi reco in cancelleria comunale e lo consegno alla prima persona che incontro, l’allora sindaca. Tutto qui». Una segnalazione ha poi portato la Polizia militare a perquisire (invano) sia l’abitazione del diretto interessato sia gli uffici comunali in cerca del maltolto. «Aggiungo che si trattava di materiale in scadenza il mese successivo. Se non usato, l’Esercizio lo avrebbe comunque gettato sostituendolo con nuove mascherine e guanti. Non da ultimo, a mio avviso l’appropriazione indebita presuppone anche un vantaggio pecuniario. Che io non ho avuto perché ho consegnato il materiale senza chiedere né ottenere nulla in cambio».

Marco Chiesa e chi ha detto e proposto cosa

Sul fatto poi di ambire a una carica parlamentare a Coira nonostante la condanna impugnata, il nostro interlocutore assicura di aver agito con trasparenza nei confronti del partito: «Una volta domiciliatomi a Lostallo, nei mesi scorsi ho preso contatto con i rappresentanti Udc sul territorio dando la mia disponibilità a candidarmi. Due settimane fa ho contribuito a fondare la nuova sezione unica moesana. Nel frattempo ho anche informato della mia pendenza giudiziaria i colleghi democentristi e il presidente nazionale dell’Udc Marco Chiesa che conosco da trent’anni». Per completezza d’informazione, in una precedente telefonata con la redazione il vicepresidente Udc del Moesano aveva invece spiegato che era stato proprio Chiesa a proporgli la candidatura: «Siamo amici da trent’anni e quando mi sono trasferito a Lostallo mi ha chiesto se fossi interessato a candidarmi». In quel momento la vicenda giudiziaria era già nota all’opinione pubblica e ovviamente anche al presidente nazionale dell’Udc. Venerdì, conclude, «a Locarno mi dichiarerò nuovamente innocente e sono pronto a battermi fino all’ultimo grado giudiziario», il Tribunale militare di cassazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
esercito furto lostallo marco chiesa mascherine moesano monteceneri udc moesano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved