VAN Canucks
1
STL Blues
3
fine
(1-1 : 0-2 : 0-0)
a-mesocco-la-selvaggina-potra-passare-inverni-piu-tranquilli
L’accesso a due porzioni di territorio nella regione del San Bernardino sarà limitato (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Verzasca, fiume e foce limacciosi: si aspetta la pioggia

Sono visibili le prime e inevitabili conseguenze ambientali dello svuotamento della diga lungo il greto del fiume, fino alla foce.
Ticino
2 ore

‘Specialisti utili alla ricerca e all’economia elvetiche’

Il Consiglio di Stato: sì all’ammissione agevolata sul mercato del lavoro degli stranieri di Stati terzi con master o dottorato conseguito in Svizzera
Mendrisiotto
2 ore

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze
Ticino
10 ore

Trenord, il Covid continua a colpire il personale

I dati forniti da Regione Lombardia dopo le proteste dei pendolari
Locarnese
12 ore

Cevio, lieve calo demografico nel 2021

La diminuzione della popolazione nel capoluogo distrettuale è dovuta soprattutto alle partenze
Locarnese
13 ore

Locarno, quest’anno non si scaccia gennaio

La Pro Città Vecchia ha annullato l’edizione della tradizione che da tempo immemore coinvolge i bambini alla fine di questo mese
Luganese
13 ore

Montagnola, una nuova guida per il museo Hermann Hesse

La direttrice Regina Bucher lascerà l’incarico alla fine di quest’anno. La fondazione si attiva per ricercare una persona in grado di sostituirla
Luganese
13 ore

Lugano, scazzottata tra due ventenni in piazza Dante

Dopo la lite nelle prime ore di oggi, un giovane finisce all’Ospedale Civico per un possibile trauma cranico. La polizia avvia accertamenti
Locarnese
13 ore

Locarno, conferenza su Francesco Chiesa e identità culturale

A proporla è il Lyceum Club Locarno, giovedì 27 gennaio alla Biblioteca cantonale, con la partecipazione del professor Ariele Morinini
Locarnese
13 ore

Locarnese, il premio Giovanna Dalcol a Formation Partage

L’Ong si occupa di progetti di formazione e di educazione in diversi Paesi dell’Africa francofona
Luganese
13 ore

Lugano, si adotti il label ‘VilleVerte Suisse’

Mozione dei Verdi chiede passi avanti: la certificazione avrebbe effetti benefici sul necessario aumento della biodiversità in città
Bellinzonese
13 ore

‘Contrastare il traffico parassitario’ a Monte Carasso

Il consigliere comunale di Bellinzona Luca Madonna torna alla carica sul problema irrisolto ormai da anni
Bellinzonese
14 ore

Ampio sostegno trasversale alla fusione nella Bassa Leventina

In un volantino un centinaio di persone e alcuni ‘tenori’ si schierano a favore dell’aggregazione
 
05.01.2022 - 05:150

A Mesocco la selvaggina potrà passare inverni più tranquilli

Dalla prossima stagione fredda sarà vietato accedere a due zone nella regione del San Bernardino, così da evitare di disturbare la fauna selvatica

La bellezza del territorio della Svizzera italiana invoglia sempre più persone ad approfittarne svolgendo sempre di più attività all’aperto, anche d’inverno. Un boom che con la pandemia si è addirittura accentuato provocando da una lato la felicità del settore turistico, ma dall’altro anche un disturbo maggiore alla fauna selvatica, in particolare nelle zone di montagna. Se n’è reso conto anche il Comune grigionese di Mesocco che ha quindi deciso di varare una nuova legge – approvata nella sua forma attuale dal Consiglio comunale lo scorso 14 dicembre – per tutelare la quiete della selvaggina nel periodo invernale, introducendo delle zone di tranquillità sul territorio, nella regione di San Bernardino. Regione nella quale ogni anno arrivano sempre più «turisti che potenzialmente possono recare disturbo agli animali selvatici che necessitano invece di poter passare la stagione fredda, senza essere disturbati dalle attività umane», afferma a ‘laRegione’ il sindaco Christian De Tann. Concretamente dal 20 dicembre al 15 aprile le cosiddette zone di tranquillità per la fauna selvatica non saranno accessibili al pubblico. Inoltre, durante questo periodo sarà proibito il sorvolo delle zone in questione con droni, parapendii o deltaplani. La legge verrà applicata per la prima volta durante il prossimo inverno, visto che entrerà in vigore con la posa dell’apposita segnaletica che dovrebbe avvenire «durante l’estate».

L’ospizio del Passo resterà accessibile

Di fatto si andrà quindi a limitare le escursioni da parte dei visitatori, ma solo in due porzioni di territorio delimitate nella regione del San Bernardino: quella del Sas de la Golp, nella zona del Passo, che «è attualmente un po’ più frequentata» rispetto a quella Motón, spiega De Tann. Tuttavia, «la legge non andrà a limitare il raggiungimento dell’ospizio sul Passo dove si potrà ancora arrivare tranquillamente con la strada o grazie al sentiero per racchette da neve».


Le zone inaccessibili dalla prossima stagione fredda nella regione del San Bernardino

In realtà la legge prevede che la possibilità di accedere alle zone di tranquillità per la fauna selvatica, ma solo “sui percorsi predisposti e descritti” nella normativa. Il punto è che nelle due zone in questione non vi sono sentieri e quindi di fatto l’accesso è vietato nel periodo in questione. Ma se in futuro saranno definite «altre zone di questo tipo sul territorio nelle quali sono presenti dei sentieri, questi ultimi potranno quindi essere utilizzati». In ogni caso sono comunque autorizzati ad accedere a queste zone i soccorritori, i guardiani della selvaggina e gli addetti comunali.

‘Un’opportunità’ anche per il turismo

Ma l’Ente turistico regionale del Moesano come vede questa limitazione? «Anche l’Ente turistico, con cui abbiamo discusso, reputa questa legge come un’opportunità per informare e far conoscere ai visitatori la fauna selvatica che vive sul nostro territorio», sottolinea il sindaco. «L’offerta turistica sarà quindi addirittura arricchita e non limitata. Infatti, con questa legge intendiamo valorizzare il territorio e gli esseri viventi che ne fanno parte, tutelando la selvaggina». Inoltre, prima che la legge verrà applicata, «la popolazione e i visitatori saranno debitamente informati. E questa sarà anche l’occasione per sensibilizzare le persone, facendo loro conoscere la selvaggina che vive sulle nostre montagne».

Multe fino a 1’000 franchi

Ovviamente saranno anche previsti dei controlli e per chi sgarra la legge prevede multe da 100 a 1’000 franchi. In casi lievi è però previsto anche solo un ammonimento. Verosimilmente l’inverno prossimo, le autorità agiranno prevalentemente in quest’ultimo modo, visto che una nuova normativa impone anche una certa tolleranza: «All’inizio vi saranno probabilmente solo ammonimenti per chi si trova in queste zone senza autorizzazioni», precisa De Tann. «Oltre a informare la popolazione, spiegheremo anche la situazione a chi non è ancora a conoscenza della nuova legge».

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved