ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Lugano, scontro tra un automobilista e un motociclista

Ad avere la peggio il secondo, un 47enne che ha riportato ferite di media gravità. È successo a inizio serata in via Ciani
Luganese
6 ore

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
6 ore

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Mendrisiotto
6 ore

Servizio idrico, c’è il sigillo degli Enti locali

Via libera della Sezione alle fondamenta del Consorzio che vede unire le forze del Basso Mendrisiotto
Luganese
7 ore

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
8 ore

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
8 ore

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
Mendrisiotto
8 ore

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché
Luganese
9 ore

Lugano, chiusure viarie per la ‘Ladies run’

La tratta del lungolago verrà sbarrata alle auto dalle 9 alle 16, dalla rotonda del Lac fino a piazza Castello. Lo stesso per la zona di Riva Caccia.
Mendrisiotto
9 ore

‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’

La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
22.06.2021 - 13:30
Aggiornamento: 18:27

A Grono primo passo verso la pista ciclabile intercomunale

Sì unanime del Cc al credito d 1,51 milioni, a luglio toccherà a Roveredo e San Vittore; voto popolare il 26 settembre. Il Cantone sussidia il 50%

a-grono-primo-passo-verso-la-pista-ciclabile-intercomunale
Tolti i binari della Castione-Mesocco, circoleranno le bici (Ti-Press)

La pista ciclabile-pedestre più lunga dei Grigioni ha ottenuto ieri sera luce verde dal Consiglio comunale di Grono che all’unanimità ha preavvisato favorevolmente il credito di 1,51 milioni di franchi necessari al tratto di sua competenza, mentre a luglio si esprimeranno il Legislativo di Roveredo (962mila franchi) e l’Assemblea di San Vittore (2,42 milioni). Il finanziamento dell’opera da 4,8 milioni e lunga 6,6 chilometri sarà infine posto in votazione popolare nei tre Comuni domenica 26 settembre. Importante il sussidio cantonale, che con 2,24 milioni coprirà quasi il 50% dell’investimento globale. Sempre all’unanimità il Cc ha pure votato il consuntivo 2020 che nonostante le difficoltà dettate dalla pandemia chiude con un avanzo di 290mila franchi, ciò che testimonia il riuscito consolidamento finanziario avviato dopo l’aggregazione.

Più collaborazione intercomunale

Pianeggiante, interamente asfaltato, largo tre metri, dotato di illuminazione notturna, particolarmente indicato per favorire il turismo ciclistico e il pendolarismo quotidiano in piena sicurezza di adulti e bambini a piedi e su due ruote, il tracciato si snoderà sopra quello della smantellata Ferrovia Castione-Mesocco: a sud di Monticello si collegherà con i progetti avviati da Lumino, Arbedo-Castione e Bellinzona nell’ambito del Programma di agglomerato del Bellinzonese; a nord di Grono con il tratto già esistente che risale il fiume Moesa sulla sponda sinistra fino ai piedi di Soazza. «Si tratta di un progetto intercantonale e intercomunale e in tal senso confido che possa contribuire a incentivare la collaborazione tra i Comuni della bassa e media Mesolcina», commenta un raggiante sindaco di Grono, Samuele Censi, molto attivo nel promuovere la ciclomobilità come pure i temi legati all’ambiente (ne è un esempio l’iniziativa ‘Temperature in sella’ che si ripeterà questa estate). 

Nuova vita per le vecchie stazioni

Un tassello importante è costituito anche dal recupero delle vecchie stazioni ferroviarie destinate a nuova vita: al passo già compiuto dal Comune di San Vittore (nuovi spazi per popolazione, turismo e cultura), a Soazza (integrata nel Centro culturale) e da un privato a Leggia, potrebbe aggiungersi anche quello di Grono con l’ipotesi d’inserire un infopoint vista anche la vicinanza con l’imbocco stradale della Valle Calanca e l’intenzione di procedere col bike sharing, anche qui allacciando collaborazioni con l’offerta bellinzonese che a sua volta già collabora con quella locarnese.

Anche il tratto ticinese avanza

Durante la seduta di legislativo, ieri sera c’era un invitato speciale: Peter Oberholzer, responsabile cantonale del traffico non motorizzato, si è felicitato per come l’iter stia concretamente avanzando e ha evidenziato che il sussidio riconosciuto, in virtù dell’importanza del progetto, è il più cospicuo mai elargito nell’ambito della ciclomobilità retica. A livello di tempistica se tutto filerà liscio anche a Roveredo e San Vittore, e se la popolazione darà il proprio consenso nell’urna ai rispettivi crediti, dopo i primi brevi tratti nel frattempo già realizzati il cantiere vero e proprio potrebbe entrare nel vivo il prossimo autunno e l’inaugurazione tenersi fra un anno. Sul lato ticinese, il tratto fra la stazione Tilo di Castione e il confine con i Grigioni dovrebbe essere ultimato verso fine 2022.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved