cadono-aliante-e-aereo-cinque-morti-a-bivio-anche-un-bimbo
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 min

In Ticino un altro decesso per Covid, 26 contagi in 24 ore

Scende di 4 unità il numero di persone ricoverate negli ospedali ticinesi
Locarnese
2 min

Locarno nelle immagini, nel paesaggio e nella letteratura

Ultimo appuntamento alla Biblioteca cantonale con il ciclo Chilometro zero’ venerdì sera
Luganese
8 min

A Bissone si festeggia san Carpoforo

Alla Messa che sarà celebrata domenica 26 settembre alle 10 sarà presente il vescovo emerito monsignor Giacomo Grampa
Locarnese
9 min

Locarno, la squadra del Salva è pronta

Nel corso dell’Assemblea del Servizio ambulanza nominati i rappresentanti nei vari organi statutari. Lorenzo Tomasetti alla presidenza.
Grigioni
10 min

Il ‘vaxbus’ riparte per un nuovo giro nei Grigioni

L’autobus per le vaccinazione spontanee visiterà altre 38 località. Durante la prima tornata sono state effettuate 3’900 vaccinazioni
Luganese
17 min

Arrivano le bici, traffico auto deviato a Lugano

In occasione dell’evento ciclistico “Lugano Bike Emotions 2021” che si terrà da sabato 25 a domenica 26 settembre
Locarnese
17 min

Il PALoc: ‘pensato male e realizzato peggio!’

Duro attacco de I Verdi del Locarnese ai contenuti del piano d’agglomerato. Troppe le soluzioni adottate che non convincono il gruppo
Mendrisiotto
49 min

Mendrisio può chiudere il nucleo di Ligornetto al traffico

Il Tribunale cantonale amministrativo dà ragione alla Città sulle limitazioni a fasce orarie. Ma Stabio è già pronto ad appellarsi all’Alta Corte
GALLERY
Mendrisiotto
4 ore

Don Feliciani: ‘Il cristiano deve fare politica’

In occasione dei suoi primi 20 anni di attività a Chiasso, l’arciprete ha pubblicato il suo quarto libro. Lo abbiamo incontrato
Ticino
12 ore

‘Salario minimo, Ccl e storture: tocca a noi dare la risposta’

Nella discussione generale in Gran Consiglio emerge un asse Ps-Lega. Fonio e Jelmini (Ppd) sulle barricate. Speziali (Plr): ‘Ombre, ma ci sono tante luci’
Bellinzonese
12 ore

Enti autonomi Bellinzona: qualche ombra, tanti ‘sì’

Votati i consuntivi 2020. Il gruppo Lega/Udc sollecita più trasparenza e intraprendenza per Musei e Teatro. Nuova illuminazione per i castelli
Locarnese
13 ore

Ascona, giù gli alberi pericolanti per proteggere la litoranea

Lavori urgenti su due ettari di bosco in zona Moscia, dopo la frana dello scorso 13 agosto
Bellinzonese
14 ore

Anche il Plr voterà 250’000 franchi per la nuova Valascia

Bellinzona: i liberali-radicali aderiscono alla proposta Ppd di dimezzare il mezzo milione ora sostenuto solo dalla Sinistra. Verdi/Mps/Fa contrari
Grigioni
14.06.2021 - 11:120
Aggiornamento : 19:37

Cadono aliante e aereo: cinque morti a Bivio, anche un bimbo

L'incidente è accaduto sabato nei Grigioni; il velivolo da turismo con tre passeggeri a bordo era diretto a Locarno

Cinque persone sono morte in due incidenti aerei avvenuti sabato sopra Bivio, nei Grigioni. Un velivolo a motore (con a bordo il pilota e tre passeggeri, tra cui un bambino) e un aliante si sono infatti schiantati, per motivi che l'inchiesta in corso dovrà stabilire. Non è ancora chiaro vi sia stata una collisione tra i due mezzi.

Stando alla polizia cantonale grigionese, l’aliante, con solo il pilota a bordo, era decollato da Amlikon, nel Canton Turgovia, mentre l’aereo da turismo, era partito dall'aeroporto di Neuchâtel che si trova più precisamente a Colombier. Il velivolo tipo Robin DR400 con i passeggeri (un uomo, una donna e un bambino) ha poi fatto scalo a Samedan, nei Grigioni, prima di decollare, alle 17.20, alla volta di Locarno.

Inizialmente sembrava esserci stato un solo incidente: sabato verso le 21.30 la Rega ha infatti avvisato la polizia cantonale retica che un aliante si era schiantato al di sopra di Bivio e che il pilota era deceduto. Tuttavia, a causa delle condizioni meteorologiche avverse – così hanno indicato le autorità –, non è stato possibile un intervento sul luogo dell’incidente situato a 2’700 metri di altitudine.

I soccorritori si sono dunque recati sul posto solo il giorno successivo, ovvero domenica, constatando poi che in realtà gli incidenti erano stati due: durante le operazioni di recupero hanno infatti avvistato l'aereo da turismo che si è schiantato a circa un chilometro di distanza dall'aliante. Anche in questo caso non hanno potuto fare altro che constatare il decesso di tutti i quattro occupanti. 

Identificazione delle vittime in corso

Fino a ieri l’identificazione formale delle vittime non era ancora terminata. Stando a un comunicato della polizia cantonale di Neuchâtel, due neocastellani erano a bordo dell’aereo. Il Ministero pubblico e la polizia del cantone romando – in collaborazione con le autorità retiche – hanno quindi immediatamente istituito un’unità di supporto psicologico per le famiglie delle vittime. L'inchiesta per determinare le cause dei due incidenti è di competenza del Ministero pubblico della Confederazione ha aperto un’inchiesta per determinare le cause dei due incidenti e del Servizio d’inchiesta svizzero sulla sicurezza (Sisi) che ha da parte sua cominciato le sue investigazioni tecniche. Dovrà in particolare determinare se vi sia un legame tra i due incidenti. Infatti, non è ancora chiaro se i due velivoli siano entrati in collisione prima di precipitare.

Nessun piano di volo trasmesso

All’Aeroporto Cantonale di Locarno, dove il velivolo partito da Colombier sarebbe dovuto giungere nella serata di sabato (attorno alle 18.30, poco prima della chiusura, dopo lo scalo tecnico a Samedan), non si era a conoscenza di un eventuale piano di volo inoltrato prima della partenza. In Svizzera, infatti, come ci ha spiegato un esperto d’aviazione da noi interpellato, per gli spostamenti interni non è necessario presentarlo. Basta infatti un semplice avviso di volo da parte del pilota (le autorità di controllo dello spazio aereo, in questo caso, non ‘supervisionano’ il viaggio in tutta la sua durata). Piano che invece viene richiesto se gli aeromobili sconfinano (anche solo brevemente) fuori dal nostro Paese. Su quelle che potrebbero essere le cause dello schianto, tiene banco l’ipotesi di una collisione in volo nei cieli della regione dello Julier.

Il Flarm rende quasi impossibile una collisione in quota

«Uno scontro tra due velivoli in quota è cosa assai rara – prosegue l’intervistato – anche perché oggi gli alianti hanno a disposizione, a bordo, un affidabile dispositivo anticollisione, il Flarm, che rende attento il pilota sulla presenza di eventuali velivoli nelle vicinanze. Dispositivo che non è obbligatorio ma che ha conosciuto una notevole diffusione dalla sua introduzione e che funge anche da ‘registratore di volo’, una sorta di scatola nera che sicuramente tornerà utile agli inquirenti. Il Flarm, praticissimo per chi pratica volo a distanza, non è obbligatorio nemmeno sui piccoli aeroplani da turismo come quello precipitato sabato».

A ogni buon conto, la visibilità, lo scorso fine settimana, sulle Alpi retiche (e svizzere in generale) non era delle peggiori. Lo provano i cieli alquanto trafficati. A questo punto, però, v’è da chiedersi cosa ci facessero lì, entrambi i velivoli, all’interno di una zona toccata dal maltempo sì ma assai ristretta nelle dimensioni, con correnti forti e poca visibilità. La logica avrebbe dovuto imporre loro di cambiare corridoio di volo ed evitare la perturbazione locale. Come detto, sarà comunque il Sisi stabilire l’esatta dinamica della disgrazia.

(Rtn.ch)
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved