le-persone-a-rischio-possono-vaccinarsi-dai-medici-di-famiglia
(Ti-Press)
18.05.2021 - 11:36
Aggiornamento: 19:20

Le persone a rischio possono vaccinarsi dai medici di famiglia

L'estensione della campagna a 124 studi medici è possibile grazie alle forniture di circa 90'000 dosi attese entro la fine di giugno

Ats, a cura de laRegione

Da subito nei Grigioni le persone appartenenti ai gruppi considerati a rischio possono vaccinarsi contro il Covid-19 presso i medici di famiglia. L'estensione della campagna vaccinale a 124 studi medici è possibile grazie alle forniture di circa 90'000 dosi attese entro la fine di giugno. La maggiore disponibilità di vaccini permette di accelerare la loro somministrazione, indica oggi la Cancelleria dello Stato per conto dell'Ufficio retico dell'igiene pubblica. Gli studi medici potranno richiedere quantità limitate di vaccino destinate ai loro pazienti più fragili, ossia persone affette da gravi malattie croniche nonché gli ultrasettantacinquenni che ancora non hanno ricevuto il trattamento. Il Cantone chiede a coloro che ricorrono all'inoculazione del siero presso il medico di famiglia di annullare gli appuntamenti già ottenuti presso i centri ad hoc. Ciò può essere fatto direttamente tramite Sms, e-mail a impfung@amz.gr.ch e hotline (+41 81 254 16 00).

Finora effettuate 90mila vaccinazioni

A seguito delle maggiori forniture attese per le prossime settimane, anche i centri di vaccinazione saranno in grado di aumentare le proprie capacità. Attualmente la popolazione grigionese può fare capo a nove centri di vaccinazione regionali e a siti di vaccinazione temporanei. Finora nei Grigioni sono state effettuate oltre 90mila vaccinazioni. Le persone che hanno ricevuto la seconda dose sono circa 35'000. Attualmente circa l'80% della popolazione di oltre 80 anni è vaccinata, così come il 65% degli anziani di età compresa tra 70 e 79 anni e il 35% della popolazione della fascia 60-69 anni. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid-19 grigioni medici di famiglia vaccinazioni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved