a-roveredo-non-ci-saranno-elezioni-anticipate
Il clima rimane teso nel Comune mesolcinese (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
7 min

Ecco i vincitori del Festival del film non commerciale

Sono stati presentati 22 filmati realizzati in Ticino. Cinque parteciperanno al Festival nazionale Swiss.movie di Soletta.
Ticino
28 min

Aggiornato il preventivo, disavanzo stimato di -175.5 milioni

L'aumento di ricavi rispetto al previsto disavanzo di 230,7 milioni è dovuto soprattutto alla quota sull’utile di Bns, che cresce di 80,4 milioni più del previsto
Luganese
56 min

Uffici vuoti a Lugano: 'Facciamoci residenze primarie'

Municipio e Commissione della pianificazione aderiscono parzialmente alla richiesta formulata tramite mozione da Lukas Bernasconi
Grigioni
1 ora

Incidente aereo di Bivio, identificate le vittime

Si tratta di tre uomini di 44,51, 72 anni, una donna di 41 anni e un bambino di 6 anni
Ticino
2 ore

Covid-19: numeri ancora bassi, in attesa del... cocktail

Sono 9 le persone che hanno contratto il virus nelle ultime 24 ore, due in più rispetto a ieri. Tre le persone ricoverate.
Bellinzonese
4 ore

Non dire gatto se... non trova il padrone

Un micio castrato, grigio e beige è stato trovato dalla Spab in via Portone a Bellinzona: si cerca il proprietario
Gallery
Locarnese
5 ore

Quel che resta del Monna Lisa. E spuntano i militari.

Si sono concluse nella notte le opere di spegnimento dell'incendio divampato ieri in serata nello stabile che ospitava il locale notturno di Gambarogno
Bellinzonese
7 ore

Appalto milionario ad Airolo: un ricorso contro Valbianca

Si è rivolta al Taf una delle cinque concorrenti per il servizio decennale di vitto e alloggio degli operai impiegati sotto il Gottardo
Locarnese
13 ore

Violento incendio all'ex Monna Lisa di Contone

La zona è stata isolata dalla Polizia cantonale. Sul posto sono intervenuti i pompieri di Cadenazzo e Bellinzona. Non vi sono persone ferite.
Locarnese
16 ore

Sul sedime della cappelletta di Gordola 'c'è un piano in più'

Un presunto abuso edilizio viene denunciato dal presidente della Stan Benedetto Antonini: 'Ma nessuno risponde'
Grigioni
07.05.2021 - 17:320

A Roveredo non ci saranno elezioni anticipate

Il Consiglio Comunale non ha accolto una proposta in tal senso. Guido Schenini (ex sindaco, ora municipale): ‘Sono deluso da chi ha fatto marcia indietro’

Non sembrano placarsi i conflitti in seno alle istituzioni politiche del Comune di Roveredo, nemmeno dopo l’arrivo alla fine del gennaio scorso del commissario governativo Claudio Lardi che ha formalmente rilevato i compiti e le funzioni di sindaco. Durante la seduta di Consiglio comunale di ieri sera è infatti stata bocciata, un po’ a sorpresa, la proposta della Commissione delle petizioni di terminare l’attuale legislatura alla fine di quest’anno, anziché nel 2022, portando così di fatto i cittadini alle urne per delle elezioni anticipate. «Sono molto deluso per il comportamento di certe persone» afferma a ‘laRegione’ Guido Schenini (Rorè Viva), ex sindaco (sostituito da Lardi) che ora opera nell’esecutivo come ‘semplice’ municipale. Infatti, la commissione in questione aveva inizialmente appoggiato «all’unanimità» questa proposta, ma in seguito «tre quinti dei membri ha fatto marcia indietro». Ora «stiamo valutando di avviare una raccolta firme per permettere alla popolazione di esprimersi», precisa Schenini. Durante la seduta di Consiglio comunale sono invece state approvate le revisioni totali dello statuto del Comune e delle leggi sui diritti politici. La principale novità in quest’ambito è l’introduzione del sistema maggioritario, al posto di quello proporzionale, per le prossime elezioni del Municipio. Tuttavia queste revisioni dovranno ancora superare l’ostacolo del voto popolare che dovrebbe tenersi il prossimo mese di settembre o di ottobre.

Concretamente, con l’eventuale introduzione del sistema maggioritario per l’esecutivo, i seggi non saranno più distribuiti in base alla forza dei partiti, ma a essere eletti saranno, semplificando, i candidati che hanno ottenuto più voti. Sono inoltre previste due elezioni distinte: una per scegliere il sindaco e l’altra per eleggere i restanti quattro municipali. Secondo Schenini si tratterebbe di «un grandissimo passo avanti, visto che il sindaco sarà eletto dal popolo e non più dal Municipio». Finora, solitamente, l’esecutivo nominava sindaco colui che ha ottenuto più voti. Con il maggioritario, questa regola non scritta ora potrebbe diventare una regola vera e propria. Va inoltre detto che per fare il sindaco bisogna anche avere tempo (a Roveredo si stima un tempo di lavoro del 30%). Essendo due votazioni distinte, chi si candiderà come sindaco dovrà anche tenere in considerazione questo aspetto.

L’idea alla base della proposta di terminare un anno prima del previsto la legislatura, era quella di portare alle urne anticipatamente la popolazione di Roveredo: le elezioni comunali anticipate avrebbero forse permesso di stabilizzare un po’ la situazione che da anni rimane invece molto tesa. Il legislativo ha però deciso altrimenti con 13 voti contrari a 9. «Se tutti i membri della commissione petizioni fossero rimasti sulle loro posizioni, il risultato sarebbe cambiato», rileva un deluso Schenini. Quindi Claudio Lardi rimarrà commissario governativo fino all’anno prossimo, quando terminerà questa legislatura. A meno che Rorè Viva, sostenuta da altri partiti, non riesca a portare la popolazione a esprimersi sul tema. L’ex sindaco conferma che se una raccolta firme «è possibile, si farà».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved