grigioni-altri-100-milioni-di-franchi-per-i-casi-di-rigore
In aiuto alle aziende in difficoltà (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Conti 2020 di Bellinzona, tante critiche ma passa il ‘sì’

Disavanzo di 7 milioni: senza l’adesione di Verdi/Mps/Fa e Pc, il Legislativo ha votato il consuntivo in rosso
Mendrisiotto
2 ore

Villa Argentina, adesso Mendrisio ha un parco tutto suo

Il Consiglio comunale vista gli 8 milioni che daranno modo di avverare un sogno che i cittadini cullano dal 2009
Bellinzonese
4 ore

Ristrutturazione Liceo, ‘rischia di essere un inferno’

Il comitato studentesco critica la prevista sistemazione della sede scolastica di Bellinzona e invita il Gran Consiglio a una rivalutazione del progetto
Bellinzonese
4 ore

Il Cc di Bellinzona fa il gambero: torna l’alzata di mano

Problemi al nuovo sistema di voto elettronico. Il ricorso al Tf sul servizio della Rsi è di competenza municipale
Luganese
5 ore

Vettura in autocombustione a Rivera: nessun ferito

Intervento dei pompieri di Monteceneri a causa di un’auto andata in fiamme nei pressi di una stazione di benzina. Transennata l’area.
Bellinzonese
5 ore

Sostegno alla nuova Valascia, Bedretto comincia con due tessere

Unico Comune medio e alto leventinese a non avere concesso un credito a sostegno dello stadio, intende implementare altre modalità cammin facendo
Ticino
6 ore

Verso il sì al Consuntivo ’20, ma la politica è già nel futuro

Il Gran Consiglio discute i conti del 2020, con un deficit di 165 milioni. Domani il voto. Vitta: ‘Serve impegno attivo dai partiti, non si scappa’
Locarnese
6 ore

Giallo alla ‘Palma’, il buco clamoroso dell’ora del decesso

Nella prima giornata di processo al 32enne accusato della morte della 22enne inglese, il “j’accuse” del giudice sul lavoro del medico legale
Luganese
7 ore

Lugano, il nuovo sindaco è Michele Foletti

L’attuale vicesindaco è l’unico candidato (dei sette municipali) che si è presentato per sostituire Marco Borradori, scomparso l’11 agosto scorso
Luganese
7 ore

Polo sportivo, l’Ente regionale porterà il tema ai 44 Comuni

Il presidente, Franco Voci: dapprima sarà importante capire i desiderata della Città per poi trovare una soluzione condivisa con gli enti. Foletti nuovo delegato
Grigioni
08.03.2021 - 16:250
Aggiornamento : 16:55

Grigioni, altri 100 milioni di franchi per i casi di rigore

Il governo retico chiede al parlamento di accogliere questo credito suppletivo che porterebbe il totale degli aiuti per le aziende in difficoltà a 200 milioni

Altri 100 milioni di franchi per i casi di rigore. Nella sua seduta del 2 marzo il governo grigionese ha licenziato un'ulteriore domanda di credito suppletivo a favore degli aiuti per le aziende in difficoltà a causa della pandemia. Se la richiesta venisse accolta dal parlamento cantonale questi aiuti verrebbero quindi raddoppiati, passando da 100 a 200 milioni. “La domanda tiene conto della situazione giuridica attuale e dell'intento del Consiglio federale di aumentare a 10 miliardi complessivi l'intero pacchetto di aiuti di Confederazione e Cantoni”, sottolinea un comunicato. “Si ipotizza che la Confederazione parteciperà fino a un massimo di 158 milioni, ciò che limita l'aggravio per il Cantone”.

Per i casi di rigore tutti i Cantoni dovranno erogare nove miliardi di franchi. Di questi, sei miliardi sono previsti per le piccole e medie imprese con una cifra d'affari annuale fino a 5 milioni di franchi. In questo caso i costi saranno assunti per il 70% dalla Confederazione (4,2 miliardi) e per il 30% dai Cantoni (1,8 miliardi). Altri tre miliardi saranno destinati alle imprese più grandi solitamente attive in tutta la Svizzera che realizzano una cifra d'affari annuale superiore a 5 milioni di franchi. Questi contributi saranno finanziati interamente dalla Confederazione. I Cantoni rimarranno responsabili del disbrigo delle richieste, ma la Confederazione stabilirà norme vincolanti a livello nazionale per tali contributi e le renderà note a tempo debito.

Semplificati gli aiuti per le imprese

Nella nota l'esecutivo retico ricorda poi che “tenendo conto dei dibattiti svolti in Gran Consiglio durante la sessione di febbraio 2021, il 23 febbraio 2021 il governo ha deciso di indennizzare meglio le imprese che durante la pandemia di Covid-19 hanno subito un calo della cifra d'affari a seguito dei provvedimenti decisi dalle autorità, nel quadro del programma per casi di rigore della Confederazione e del Cantone. A tale scopo esso ha aumentato l'aliquota di contributo dal 50 al 75 per cento della perdita economica e deciso ulteriori allentamenti delle condizioni che danno diritto agli aiuti”.

Spese supplementari di 60 milioni nel 2020 e di 130 milioni nel 2021

Dallo scoppio della pandemia il governo retico si incontra regolarmente, nel quadro di una tavola rotonda, con i vertici dell'economia grigionese, con l'obiettivo di sostenerla “nei limiti del possibile”. L'anno scorso, “a integrazione degli aiuti della Confederazione, il Cantone ha sostenuto generosamente con contributi finanziari l'economia, il turismo, lo sport, la cultura, i trasporti nonché le strutture sanitarie e di cura e laddove necessario lo farà anche quest'anno”. Tuttavia, questi aiuti generano anche costi: “A causa del coronavirus, il conto annuale 2020 risulterà gravato da spese supplementari nell'ordine di grandezza di 60 milioni”. E anche per quest'anno Coira si aspetta un ulteriore impatto sulle finanze: “Attualmente gli aggravi supplementari per l'anno contabile 2021 si attestano a circa 130 milioni. Di questi, circa 50 milioni sono riconducibili a un minor gettito fiscale per l'anno fiscale 2020, 42 milioni agli aiuti per i casi di rigore e quasi 30 milioni all'attuazione della strategia di test e di vaccinazione”.

Infine, l'esecutivo grigionese indica che “prenderà in esame l'opportunità di riattivare le fideiussioni solidali Covid-19 per garantire la liquidità e sostenere l'economia e valuterà come un simile programma andrebbe organizzato”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved