ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 min

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
1 ora

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
1 ora

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
1 ora

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
1 ora

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
2 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
2 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
3 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
3 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
3 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
3 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
Ticino
3 ore

Mobilità aziendale, in vigore il nuovo credito di 2 milioni

Il Consiglio di Stato informa sulle novità e sulle attività oggetto di questo secondo finanziamento. Aumenta il cofinanziamento per posteggi di bici
Ticino
3 ore

Pensioni del Cantone, ‘in piazza per opporci a un altro taglio’

Il gruppo per la difesa delle rendite (ErreDiPi) chiama a raccolta gli affiliati all’Ipct. Il portavoce: ‘Si rischia di impoverire la società ticinese’.
Bellinzonese
3 ore

Domande e risposte sulla sessualità nei luoghi di cura

Giovedì 13 ottobre questa tematica delicata sarà al centro del convegno annuale della Fondazione Sasso Corbaro. Si rifletterà su limiti e approcci diversi
Luganese
3 ore

Ex direttore indagato, incontro informativo per i genitori

Domani sera è prevista una riunione riservata ai familiari della sede delle scuole Medie. Intanto il docente ha incaricato un avvocato di fiducia
Locarnese
3 ore

Alla Magistrale la Festa del libro per bambini e ragazzi

Una giornata dedicata, con letture, incontri con gli autori, mercatino, workshop e firmacopie, sabato 1° ottobre dalle 10 alle 18 a Locarno
laR
 
01.02.2021 - 19:43

Sempre più letti vuoti nelle case anziani del Moesano

Come la Mater Christi, anche le altre tre strutture della regione registrano una netta diminuzione degli ospiti. Non si prevedono per ora licenziamenti

sempre-piu-letti-vuoti-nelle-case-anziani-del-moesano
Grono: alla Residenza delle Rose 40 posti occupati su 58 (Ti-Press)

La carenza di ospiti nelle case anziani sembra essere un problema comune nel Moesano. La sottoccupazione dei letti disponibili tocca anche le altre tre strutture della regione, ovvero la Residenza delle Rose di Grono, la Casa di cura del circolo di Mesocco e la Casa di cura Immacolata di Roveredo. In questi casi, però, non sono per il momento previsti tagli del personale a differenza della Mater Christi di Grono, dove sono stati annunciati cinque licenziamenti per far fronte alle difficoltà innescate dal Covid-19. Presso la Residenza delle Rose, si andrà ad «occupare letti e personale con un nuovo reparto di riabilitazione», afferma la direttrice Alessia Ghezzi. Mentre a Mesocco vi è stata una diminuzione dei dipendenti dovuta in prevalenza a normali fluttuazioni, a Roveredo, data la diminuzione degli ospiti registrata in particolare nell’ultimo anno, non si prevede di sostituire i collaboratori che andranno presto in pensione.

Uno dei motivi all’origine della sottoccupazione dei letti è il fatto che, a causa della pandemia di coronavirus, in quelle ticinesi vi sono posti liberi. «Solitamente – conferma Ghezzi – accoglievamo ospiti che non trovavano posto nelle case anziani in Ticino, ma ora non abbiamo più richiesta». Di conseguenza alla Residenza delle Rose «sono attualmente occupati 40 posti su 58». Alcuni dipendenti beneficiano del lavoro ridotto e altri si sono volontariamente offerti a ridursi la percentuale di lavoro. Se per il momento non si prevedono licenziamenti, per cercare di non dover tagliare posti di lavoro si sta seriamente valutando di occupare parte dei dipendenti in un nuovo reparto: «Tra due settimane dovremmo inaugurare una piscina per la riabilitazione». Un reparto di riabilitazione che comprende la degenza e che dovrebbe quindi permettere di occupare anche posti letto attualmente liberi. Anche perché, continua la direttrice, senza offerte alternative rispetto al passato «quest’anno sarà molto difficile riempire nuovamente la struttura». In ogni caso, precisa Ghezzi, «fortunatamente per il momento non abbiamo problemi finanziari», anche se ovviamente «non si può andare avanti così». Ed è proprio per questo motivo che si stanno cercando soluzioni alternative, che per il momento non sembrano potersi concretizzare alla Casa di cura del circolo di Mesocco. «Anche noi abbiamo riscontrato una diminuzione degli ospiti e attualmente sono occupati solo 26 posti su 40», spiega la direttrice Elena Capoferri, che aggiunge: «Il timore innescato dal blocco delle visite ha spinto le persone ad essere un po’ più guardinghe all’idea di ricoverare qualcuno in una casa anziani. Inoltre – continua Capoferri – anche i servizi di assistenza e cura a domicilio lavorano bene» e sono sempre più apprezzati da chi preferisce e ha la possibilità di restare al proprio domicilio. La speranza è quella di «aumentare l’occupazione della struttura nel 2021». Intanto, però, a livello finanziario la situazione è certamente «problematica», visto che le entrate sono anche legate ai giorni di occupazione della casa anziani. Difficoltà che hanno portato la struttura a non sostituire parte dei dipendenti che sono partiti, nella stragrande maggioranza, per «normali fluttuazioni di personale». Persone che hanno ad esempio cambiato posto di lavoro, che hanno trovato un altro impiego al termine del tirocinio o che sono andate in pensione.

Nella Casa di cura Immacolata di Roveredo sono 37 i posti letto occupati su un contingente massimo di 52. Una diminuzione, spiega alla ‘Regione’ suor Amala (responsabile del settore infermieristico della struttura), dovuta in particolare ad alcuni decessi avvenuti nell’ultimo anno (tuttavia, viene precisato, non dovuti al Covid-19. Letti vuoti che non sono più stati occupati essendo anche a Roveredo venuta meno la domanda durante questo ultimo anno segnato dal coronavirus. Per il momento non si rende necessario un taglio del personale, ma d’altro canto alcuni dipendenti prossimi alla pensione non verranno sostituiti. Suor Amala è convinta che il timore generato dalla pandemia sia un punto importante per spiegare l’attuale mancanza di richieste. Una tendenza accentuatasi notevolmente nell’ultimo anno, ma che già si presenta da alcuni anni a causa delle nuove case per anziani realizzate nel Sopraceneri.

De Tann: ‘Una questione da approfondire’

«La sottoccupazione dei letti nelle case per anziani della regione è una questione nota e sulla quale bisognerà chinarsi attentamente per capire come coordinarsi in futuro», afferma interpellato dalla ‘Regione’ Christian De Tann. Al fine di trovare una soluzione, il presidente della regione Moesa reputa cruciale approfondire il dialogo con le direzioni delle quattro strutture regionali (con le quali sono già avvenuti degli incontri), ma anche con i Cantoni Grigioni e Ticino. «Sarebbe importante trovare sinergIe con il Ticino anche per quanto riguarda le case per anziani», così come fatto per il settore ospedaliero grazie alla convenzione con l’Eoc. Attualmente i Comuni di Mesolcina e Calanca non stanziano contributi extra al beneficio delle strutture per la terza età. Per De Tann, è chiaro che la «questione finanziaria è un altro aspetto che andrà preso in considerazione». Il sindaco di Mesocco è anche convinto che per invertire la tendenza sia innanzitutto fondamentale trovare nuove soluzioni per mantenere attrattivo il soggiorno nelle case di cura della regione, anche tramite un’eventuale diversificazione dell’offerta come sembra in procinto di fare la Residenza delle Rose di Grono.

Leggi anche:

La Mater Christi di Grono licenzia: ‘Per non fallire’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved