ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
4 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
4 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
13 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
13 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
13 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
14 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
14 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
15 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
15 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
15 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
15 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
15 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
16 ore

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
16 ore

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
16 ore

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
16 ore

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
16 ore

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Locarnese
17 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

In attesa del ritorno alla normalità post pandemia, archiviata un’edizione 2022 dal taglio diverso ma pur sempre gettonatissima dalla popolazione
laR
 
30.01.2021 - 06:00

La Mater Christi di Grono licenzia: ‘Per non fallire’

Casa anziani in difficoltà a causa del Covid: occupati 36 letti su 50, saltano 5 dipendenti. Il presidente: riorganizzazione interna. Interviene il Vpod

la-mater-christi-di-grono-licenzia-per-non-fallire
Il presidente del Consiglio di Fondazione, Riccardo Tamoni (Ti-Press)

Brutto momento per la casa anziani Mater Christi di Grono dove nei giorni scorsi sono stati decisi e comunicati alcuni licenziamenti che hanno innescato l’intervento del sindacato Vpod, pronto a dar battaglia. A cominciare da una prima riunione virtuale convocata per lunedì sera 1° febbraio su Zoom. Come si apprende dal volantino distribuito sul piazzale della struttura, ad alcuni collaboratori sarebbe stato chiesto di ridurre il grado di occupazione, per altri sarebbe stata ventilata la cessazione del rapporto d’impiego. Il tutto a causa di una sottoccupazione della struttura. “Siamo sorpresi – sottolinea il Vpod – che nella situazione attuale la Direzione non abbia nemmeno pensato di confrontarsi con i sindacati, cosa che in passato con la ‘vecchia’ Direzione era invece sempre avvenuta”. L’incontro di lunedì permetterà al personale di descrivere l’aria che tira. A ciò si aggiunge l’intervento, datato lunedì 25 gennaio, dell’Ufficio cantonale per la formazione professionale che lamenta l’assenza di un responsabile per gli apprendisti, i quali sarebbero costretti a colmare i posti vacanti svolgendo il lavoro del personale diplomato. “Tanto che – scrive Coira – la formazione subisce delle conseguenze e gli apprendisti si sentono sempre più in difficoltà e non seguiti”. Una situazione “ingiustificata per la formazione professionale di base”. In attesa di chiarimenti con i responsabili della casa anziani, il Cantone ha comunicato di aver sospeso l’autorizzazione alla formazione, con la conseguenza peraltro che non verranno approvati nuovi contratti di tirocinio.

‘Dopo gli applausi li lasciano a casa? Indignato’

Interpellato dalla ‘Regione’ il segretario aggiunto del Vpod, Stefano Testa, si dice indignato: «Mi preoccupa molto il metodo utilizzato dai vertici dell’istituto, che hanno escluso completamente l’ipotesi di consultarci. In passato, quando direttore era Marco Chiesa (ndr: nel frattempo eletto agli Stati e designato l’anno scorso presidente dell’Udc svizzera) una cosa del genere non sarebbe mai successa. Con lui c’erano talvolta discussioni animate, ma sempre orientate a chiarire la situazione. Ora, temo che ci sia stato un cambiamento in peggio. Un malandazzo, stando a quanto mi viene raccontato, che richiede tutta la nostra attenzione». Quanto ai licenziamenti, obietta Stefano Testa, «ritengo assurdo che una Fondazione lautamente finanziata dagli enti pubblici proceda in questa direzione. Dopo gli applausi e le pacche sulle spalle date per l’impegno dimostrato durante la pandemia, l’ultima cosa che bisogna fare è licenziare il personale curante, professionisti che sanno fare molto bene il loro mestiere. Se il problema, come parrebbe essere, è davvero la temporanea sotto-occupazione dei letti dovuta al Covid, è facilmente immaginabile che fra uno o due anni le strutture per anziani saranno di nuovo piene».

‘Situazione finanziaria molto grave’

Dal canto suo Riccardo Tamoni, presidente del Consiglio di fondazione, conferma alla redazione, e anche in una comunicazione interna inviata ieri al personale, la decisione di licenziare cinque collaboratori, pari a tre unità lavorative a tempo pieno. «La situazione finanziaria in cui versa la struttura è molto grave ed è direttamente legata alla crisi pandemica che ha causato una forte contrazione dell’occupazione dei letti», spiega Tamoni rilevando di aver ricevuto in autunno dal Cantone Grigioni l’incarico di gestire provvisoriamente la Direzione dopo la partenza di Chiesa in ottobre. Attualmente vi sono 36 letti occupati su 50, «e basta solo questo dato per far capire quanto sia delicata la situazione, ben descritta in un preventivo finanziario 2021 che indica una disavanzo di 400mila franchi. Attualmente stiamo tirando le somme del 2020, e la maggiore uscita che si delinea è pure molto importante. Questo per noi significa dover risparmiare. In caso contrario rischiamo il fallimento».

Letti vuoti, diversi perché

Diversi i motivi a monte della sotto-occupazione: se da una parte vi è stato un solo decesso per Covid, dall’altra durante la prima ondata vi è stato lo stop generalizzato per nuovi ricoveri in tutte le case per anziani; parallelamente non poche famiglie si sono organizzate con mezzi alternativi (cure a domicilio in primis) per evitare di portare i loro cari nelle strutture dove rischiavano di non poterli più vedere in caso di altri lockdown; in terzo luogo nel Sopraceneri, durante gli ultimi anni, sono stati realizzati nuovi istituti, ciò che ha comportato un significativo minor travaso di pazienti (e relativi finanziamenti comunali) verso la Mesolcina. 

Lavoro ridotto, pure il salario

La prima misura adottata alla Mater Christi è stata il lavoro ridotto introdotto in ottobre e che per decisione della Confederazione potrà essere esteso fino al 30 giugno; a fine marzo – rileva Tamoni – il Consiglio di Fondazione deciderà se prolungarlo o meno. A partire da febbraio anche i collaboratori che lasceranno la struttura effettueranno lavoro ridotto fino al termine del rapporto di lavoro previsto dal loro contratto. I risparmi, in questo contesto, toccheranno i salari: mentre lo Stato copre l’80% della paga in regime di lavoro ridotto, finora la Fondazione ha mantenuto il livello salariale al 100%, ma da febbraio (fra pochi giorni quindi) verrà corrisposto il solo il 90%, come permette la legge. A metà gennaio peralto Tamoni aveva caldeggiato volontari per un’autoriduzione dell’occupazione, richiesta tuttavia accolta da sole due persone. Conseguenza: si licenzia.

Da lunedì nuove direttrice e capo-cure

Il tutto compensato dalla partenza volontaria, negli ultimi due mesi, di tre dipendenti pari a 2,3 unità lavorative. In partenza, verso altri impegni professionali, c’è la vicedirettrice e capo cure Anna Beroggi, che viene ringraziata dal Consiglio di Fondazione per la professionalità dimostrata nei suoi 15 anni d’impiego; da lunedì 1° febbraio sarà sostituita dalla nuova capocure Antonella Peruzzo proveniente dalla casa anziani di Biasca. Dirigerà invece la Mater Christi Claudia Collu Ponzio. Quanto ad altri licenziamenti, vengono esclusi almeno fino a metà anno. Da notare, infine, che da settembre la retta giornaliera è stata aumentata di 10 franchi, pari a una media del +5,7%. Parallelamente prosegue la riorganizzazione generale interna, anche orientata al contenimento della spesa, mentre per il problema legato agli apprendisti Riccardo Tamoni assicura che la situazione è stata chiarita con Coira: al momento continueranno a essere seguiti da due formatori.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved