frode-fiscale-roveredo-bari-arresti-domiciliari-per-la-mente
Cosa scorre nel sottobosco della compravendita di elettricità (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Locarno, 'il problema burkini non è di nostra competenza'

Sulla mozione di D'Errico-Caldara chiedente il divieto di questo indumento negli stabilimenti balneari comunali e nelle spiagge il Municipio è contrario
Luganese
3 ore

Polo sportivo, dalla Curva Nord intimidazioni ai contrari

Mentre a Lugano la politica si spacca e il Pse diventa il tema principale della campagna elettorale, sale alle stelle la tensione sui social
Locarnese
3 ore

Locarnese, nella marea delle richieste di aiuto

L’elenco dei sostegni elargiti come salvagenti nelle acque alte della pandemia è ampio, ma a lungo andare in molti rischiano di affondare
Locarnese
11 ore

‘Insicura’. ‘No, conforme’. La ciclopista è un saliscendi

Per la nuova corsia cantonale Mappo-Verbanella a Minusio il Municipio auspica da mesi ulteriori interventi del Cantone. Che però non ci sente
Ticino
12 ore

'Formazione teorica e gratuita per i detentori di cani'

Dopo la decisione del 2016 delle Camere federali ('un errore'), la maggioranza della Costituzione e leggi chiede al Consiglio di Stato di (re)introdurre in Ticino il corso
Luganese
12 ore

Fiamme all'esterno di un magazzino in via Stazione a Cadro

L'incendio è divampato oggi verso le 17. I pompieri di Lugano hanno domato il rogo prima si propagasse agli stabili adiacenti. I danni sarebbero contenuti
Ticino
12 ore

Vaccinazioni: Modello inglese? Non in Ticino

Il farmacista cantonale: ‘Non ci sono studi che dimostrano l'efficacia di questo schema’
Ticino
13 ore

Aiuti alla stampa, per il governo bastano quelli di Berna

Secondo il Consiglio di Stato la mozione Jelmini ‘per un’informazione a km 0’ sarebbe di fatto evasa. Delusa l’Associazione ticinese dei giornalisti
Bellinzonese
13 ore

Riapre i battenti, con Vicari, la Casa Rotonda di Corzoneso

Dal 6 marzo e fino al 13 giugno prolungata la mostra con immagini scattate dal celebre fotografo luganese
Grigioni
17.01.2021 - 17:160

Frode fiscale Roveredo-Bari: arresti domiciliari per la mente

Compravendita di elettricità e mancato versamento dell'Iva per 15 milioni di euro. Determinante il ruolo di una ‘società bucalettere’ grigionese

È finito agli arresti domiciliari il 45enne pugliese principale indagato a Bari per una frode fiscale da 15 milioni di euro organizzata nel commercio di energia elettrica; attività svolta – stando agli inquirenti italiani – coinvolgendo anche una società anonima elvetica da lui costituita negli anni scorsi a Rancate, successivamente trasferita a Chiasso e infine, nel 2016, a Roveredo Grigioni dove fino all’anno scorso la vigilanza cantonale era meno pressante di quella ticinese. Insomma una delle tante ‘società bucalettere’ create con l’unico scopo di prestarle a triangolazioni finanziarie volte a far perdere le tracce di denaro e a non pagare le tasse. Della Entraco International Sa – il cui scopo societario ufficiale era comunque la compravendita di elettricità – il Registro di commercio retico ha decretato la conclusione della procedura di liquidazione nel 2018, ma mancando tutt’oggi il consenso dell’autorità fiscale federale (il motivo, a questo punto, appare chiaro) non è ancora stata cancellata. Il nome dell’indagato non compare nei documenti dei Registri ticinese e retico.

Accolte le richiede del Pm

L’inchiesta penale svolta dal Nucleo di Polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Bari vede coinvolti altri tre indagati italiani, nei cui confronti al momento è stata decisa l’interdizione per un anno dall’esercizio di impresa. Tutte le società da loro controllate fra la Puglia e Roma, dopo aver frodato il fisco italiano sarebbero state condotte al fallimento. A questo punto dell’inchiesta il giudice delle indagini preliminari ha accolto la richiesta del pm Giuseppe Dentamaro, che contesta ai quattro uomini, e ad altri tre indagati, diverse ipotesi di bancarotta in relazione al fallimento del Consorzio energetico italiano (Cei) a suo tempo costituito dallo stesso 45enne finito ai domiciliari e già titolare della Entraco International.

Emesse 89 fatture false per 74 milioni

Nei mesi scorsi sono stati sequestrati beni fino al valore limite di 15,2 milioni di euro, somma pari al presunto profitto illecito a carico di quattro indagati. L'inchiesta è partita a seguito di un’ispezione tributaria, conclusasi nel 2019, nei confronti di una società già con sede a Modugno (provincia di Bari) poi trasferita a Roma. Emerge che la società moesana avrebbe ceduto l’energia elettrica solo formalmente al Cei. Il quale, operando appunto quale società fittizia, avrebbe evaso l’Iva tramite l’emissione di 89 fatture false pari a 74 milioni di euro. Sul Cei è stato infine fatto ricadere il debito verso l’Erario italiano, mai onorato. Questo mentre in realtà a commercializzare l’energia elettrica all’ingrosso e al dettaglio sarebbe stata la Velga Srl, amministrata da uno degli indagati. Risultano pure essere stati distratti fondi per 2,5 milioni e, per non lasciare tracce, distrutte le scritture contabili.

© Regiopress, All rights reserved