frode-fiscale-roveredo-bari-arresti-domiciliari-per-la-mente
Cosa scorre nel sottobosco della compravendita di elettricità (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Prezzo d’acquisto delle uve, si torna alle cifre prepandemiche

l’Interprofessione della vite e del vino ticinese ha comunicato l’accordo per i prezzi, che sarà di 4,15 franchi al chilo per il merlot
Ticino
5 ore

WikiMafia non ammessa come parte civile

Processo ‘Cavalli di razza’ sulla ’ndrangheta e le sue ramificazioni (anche) svizzere: il giudice respinge la richiesta dell’associazione
Luganese
5 ore

Lugano, è ancora vivo il ricordo di Marco Borradori

Un centinaio di persone ha partecipato alla cerimonia commemorativa organizzata stasera dal Municipio nel Patio di Palazzo Civico
Ticino
6 ore

Arrivano le multe disciplinari con il QR

La Polizia cantonale ha digitalizzato la procedura
Ticino
7 ore

Prestito vitalizio ipotecario, il Ps rilancia: ecco la mozione

Dopo la sentenza del Tf che accoglie il ricorso dei socialisti Lepori e Ghisletta contro lo sgravio sul valore locativo: ‘Un passo verso gli over 60’
Bellinzonese
8 ore

Una mostra fotografica e Daniele Dell’Agnola al Dazio Grande

Doppio appuntamento a Rodi-Fiesso sabato 20 agosto a partire dalle 15.30
Locarnese
9 ore

Vergeletto, evento benefico alla pista

Sabato dalle 11 si presenta al pubblico l’Associazione Dsa Adhd. Maccheronata e giochi allietano la giornata
Grigioni
9 ore

Il ponte in pietra ‘Casott’ non verrà demolito

La strada artificiale con l’antica struttura ad arco è stata inserita fra gli oggetti di importanza nazionale e verrà ceduta al Comune di Rheinwald
Mendrisiotto
10 ore

Fiera di San Martino, è tempo di iscrizioni

Appuntamento a Mendrisio dal 10 al 13 novembre. Entro il 26 agosto vanno annunciate vendite, mescite, spacci e impianti per il divertimento
17.01.2021 - 17:16
di Salvatore Pizzo e Marino Molinaro

Frode fiscale Roveredo-Bari: arresti domiciliari per la mente

Compravendita di elettricità e mancato versamento dell'Iva per 15 milioni di euro. Determinante il ruolo di una ‘società bucalettere’ grigionese

È finito agli arresti domiciliari il 45enne pugliese principale indagato a Bari per una frode fiscale da 15 milioni di euro organizzata nel commercio di energia elettrica; attività svolta – stando agli inquirenti italiani – coinvolgendo anche una società anonima elvetica da lui costituita negli anni scorsi a Rancate, successivamente trasferita a Chiasso e infine, nel 2016, a Roveredo Grigioni dove fino all’anno scorso la vigilanza cantonale era meno pressante di quella ticinese. Insomma una delle tante ‘società bucalettere’ create con l’unico scopo di prestarle a triangolazioni finanziarie volte a far perdere le tracce di denaro e a non pagare le tasse. Della Entraco International Sa – il cui scopo societario ufficiale era comunque la compravendita di elettricità – il Registro di commercio retico ha decretato la conclusione della procedura di liquidazione nel 2018, ma mancando tutt’oggi il consenso dell’autorità fiscale federale (il motivo, a questo punto, appare chiaro) non è ancora stata cancellata. Il nome dell’indagato non compare nei documenti dei Registri ticinese e retico.

Accolte le richiede del Pm

L’inchiesta penale svolta dal Nucleo di Polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Bari vede coinvolti altri tre indagati italiani, nei cui confronti al momento è stata decisa l’interdizione per un anno dall’esercizio di impresa. Tutte le società da loro controllate fra la Puglia e Roma, dopo aver frodato il fisco italiano sarebbero state condotte al fallimento. A questo punto dell’inchiesta il giudice delle indagini preliminari ha accolto la richiesta del pm Giuseppe Dentamaro, che contesta ai quattro uomini, e ad altri tre indagati, diverse ipotesi di bancarotta in relazione al fallimento del Consorzio energetico italiano (Cei) a suo tempo costituito dallo stesso 45enne finito ai domiciliari e già titolare della Entraco International.

Emesse 89 fatture false per 74 milioni

Nei mesi scorsi sono stati sequestrati beni fino al valore limite di 15,2 milioni di euro, somma pari al presunto profitto illecito a carico di quattro indagati. L'inchiesta è partita a seguito di un’ispezione tributaria, conclusasi nel 2019, nei confronti di una società già con sede a Modugno (provincia di Bari) poi trasferita a Roma. Emerge che la società moesana avrebbe ceduto l’energia elettrica solo formalmente al Cei. Il quale, operando appunto quale società fittizia, avrebbe evaso l’Iva tramite l’emissione di 89 fatture false pari a 74 milioni di euro. Sul Cei è stato infine fatto ricadere il debito verso l’Erario italiano, mai onorato. Questo mentre in realtà a commercializzare l’energia elettrica all’ingrosso e al dettaglio sarebbe stata la Velga Srl, amministrata da uno degli indagati. Risultano pure essere stati distratti fondi per 2,5 milioni e, per non lasciare tracce, distrutte le scritture contabili.

Leggi anche:

Da Roveredo a Bari per una frode fiscale di 15 milioni

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved