pista-di-ghiaccio-a-san-vittore-risarcimento-da-parte-di-ustra
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
27 min

Al via oggi il processo all’ex comandante Mauro Antonini

L’ex comandante delle guardie di confine è imputato, insieme all’ex capo di stato maggiore, per presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari
Luganese
50 min

Bedano, Aranno e quel bisogno di incontrarsi

Nei due Comuni si lavora per realizzare un punto d’incontro e, rispettivamente, un centro diurno sociale per tutta la popolazione
Luganese
1 ora

Società di Carona sequestrata dall’antimafia, attiva dal 2002

Socio e gerente con firma individuale, un 59enne residente a Campione d’Italia sospettato di legami con la ’ndrangheta
Mendrisiotto
1 ora

Nella mappa stradale federale anche A2-A13 e terza corsia

Prostra promuove i due progetti ticinesi. Stralciata (e per sempre) la circonvallazione fra Stabio est e il Gaggiolo
Ticino
8 ore

Sì al congedo ai dipendenti pubblici per famigliari malati

Il Gran Consiglio approva le 14 settimane pagate per chi ha un figlio o un partner con gravi problemi di salute. Sì anche all’appello per India
Ticino
9 ore

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
10 ore

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
10 ore

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
10 ore

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
11 ore

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
12 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
Ticino
12 ore

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno
Bellinzonese
12 ore

La musica come ponte tra Bellinzona e una scuola in Israele

Premio Spitzer all’istituto musicale Hmi per il progetto con la scuola del villaggio Neve Shalom dove convivono pacificamente ebrei e palestinesi
Grigioni
14 ore

Grono conta 47 abitanti in più

L’aumento riguarda tutte le frazioni. Al 31 dicembre 2021 nel Comune grigionese vivevano 1’427 persone.
15.09.2020 - 06:000

Pista di ghiaccio a San Vittore: risarcimento da parte di Ustra

Per gli errori commessi durante la fase di cantiere il Comune riceverà un sostegno finanziario. Ma per spostare gli spogliatoi serve un altro investimento

Dopo gli errori, un nuovo progetto per voltare pagina e guardare al futuro. Il Municipio di San Vittore sottopone in un messaggio indirizzato all’assemblea comunale due diversi crediti pensati per ovviare all’attuale situazione della pista di ghiaccio con annessi spogliatoi venutasi suo malgrado a creare. Per spiegare a quanto ammonta l’investimento da parte del Comune occorre però ripercorrere quanto successo finora. Il tutto ha inizio nell'autunno del 2017 nell'ambito del progetto dell’Ufficio federale delle strade (Ustra) per realizzare la pista di pattinaggio, quando l'assemblea comunale stanzia un contributo di 137mila franchi per migliorie rispetto a quanto proposto da Ustra; si tratta di 37mila per modifiche all’impianto d'illuminazione (Led invece delle lampadine) e 100mila per progettare e realizzare lo stabile per spogliatoi e buvette. La pista di ghiaccio, ricordiamo, è stata ricostruita dall'Ustra dopo aver smantellato quella precedente nell'ambito del progetto per la rinaturalizzazione del Pascol Grand. In fase di cantiere emergono però due importanti problemi. Da una parte la stima errata da parte del progettista a proposito dei costi per gli spogliatoi (i costi “superavano ampiamente” i 100mila franchi), dall’altra l’ubicazione errata di tale stabile, risultato essere troppo vicino con la linea di alta tensione. Il motivo? “Un errore di riporto sui piani del progetto Ustra”, spiega il Municipio nel messaggio.

Chiuso il contenzioso con Ustra

A dicembre 2017 i lavori in fase ormai avanzata vengono dunque interrotti e per permettere l’utilizzo della pista durante la stagione invernale il Comune organizza d’urgenza la posa di container provvisori spendendo circa 32mila franchi. Ed emerge un ulteriore problema: l’impianto sportivo non rispetta le norme sulle immissioni foniche a causa del rumore generato dalla vicina autostrada A13. Quest’ultimo aspetto e la vicinanza alla linea dell’alta tensione “hanno reso evidente la necessità di spostare lo stabile spogliatoi/buvette e di realizzare lungo l’autostrada una collina antirumore”, sottolinea l’esecutivo. Viene dunque aperto un contenzioso con chi ha lavorato sul cantiere e vengono coinvolti degli specialisti e un legale per riuscire a trovare una soluzione. Le trattative, emerge dal messaggio municipale che verrà sottoposto all’assemblea il 23 settembre, si sono concluse con il seguente accordo: per i danni causati Ustra, il consorzio e altri professionisti privati attivi sul cantiere verseranno una partecipazione di 280mila franchi al Comune. Di questi, 250mila sono da considerarsi quale risarcimento e 30mila quale contributo per la realizzazione della collina antirumore.

Per andare avanti servono altri 417mila franchi

Nel messaggio il primo credito da stanziare riguarda i costi sostenuti finora. A causa delle spese non previste il preventivo dei costi a carico del Comune è infatti lievitato da 137mila a 497mila franchi e viene quindi sottoposta all’assemblea la differenza di 360mila franchi, che saranno poi coperti in parte dal risarcimento di 250mila. Il secondo credito di 417mila è invece relativo ai prossimi passi, esclusa la collina antirumore che verrà come detto finanziata da Ustra. Il Municipio spiega di aver valutato tre varianti per decidere il da farsi: smantellare gli spogliatoi perdendo così quanto speso finora e stanziando altri 82mila franchi per i lavori di demolizione, spostare e completare lo stabile (417mila franchi) oppure demolirlo e poi costruirlo da zero in un’altra sede al costo di 550mila. Spesa, quest’ultima, ritenuta troppo elevata dal Municipio, che ha pertanto deciso di optare per lo spostamento. In caso di voto sfavorevole da parte dell'assemblea, viene precisato che il Comune dovrà procedere con la demolizione di quanto realizzato finora incassando così una "spesa inutile" di 328mila franchi e trovandosi senza la struttura decisa nel 2017. L'intenzione del Municipio, come conferma da noi contatta la sindaca Nicoletta Noi-Togni, è invece quella di poter dare un futuro al comparto, impiegando lo stabile a margine di attività di intrattenimento non solo durante la stagione del pattinaggio. In tal senso si delinea una possibile disponibilità da parte del Cantone a contribuire attivamente al progetto per rilanciare l'area. Per quanto riguarda la vicinanza con l'alta tensione, sottolinea la sindaca, "Axpo ci ha proposto di assumere noi la responsabilità e di far utilizzare lo stabile comunque, ma considerando il rischio che qualcuno venisse fulminato non abbiamo avuto dubbi a sospendere tutto e a trovare un'altra soluzione".

Positivo il consuntivo 2019

Nel corso dell'assemblea i presenti voteranno anche sul consuntivo 2019, chiuso con una maggiore entrata di poco meno di 400mila franchi invece del disavanzo previsto di 122mila. Il risultato è stato possibile, scrive il Municipio nel messaggio che accompagna i conti, grazie a maggiori entrate fiscali, ai contributi sull'energia elettrica, all'indennizzo dell'Ustra per il prelevamento di materiale al Pascol Grand, all'utile Crer e ad ammortamenti supplementari.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved