laRegione
un-altro-no-alla-forcola-aperta-per-le-olimpiadi-2026
(Pixabay)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
10 min

Covid, calano ancora gli ospedalizzati. 74 i nuovi casi

Continua a scendere la pressione sul sistema sanitario: 215 persone sono ricoverate, 28 in cure intense. Purtroppo si contano altri 4 decessi
Ticino
1 ora

Fermato con 1'400 kg di generi alimentari non dichiarati

L'Amministrazione federale delle dogane ha controllato l'uomo martedì sull'A2 a Monte Carasso, proveniva dall'Italia ed era diretto in Liechtenstein
Ticino
4 ore

Natalia Ferrara: ‘Il congedo parentale è una misura liberale’

La deputata del Plr sostiene convintamente la proposta che lunedì tornerà in Gran Consiglio e spiega perché voterà in modo diverso dal suo gruppo
Ticino
4 ore

‘Rinforzi per la Procura, non si deve più tergiversare’

Galusero: la proposta del Dipartimento di assegnare due pp a me sta bene. E per uscire dall’impasse sono disposto a ritirare la mia iniziativa parlamentare
Locarnese
4 ore

Navigazione: elettrificare... per dare due scosse

Il presidente di Snl in esclusiva sui problemi del bacino svizzero, il mancato accordo consortile e la visione (elettrica) per Verbano e Ceresio
Locarnese
11 ore

Liberali di Locarno, ‘tourbillon’ per tre seggi

Apertissima la lotta interna per un posto in Municipio. Con gli uscenti Scherrer, Giovannacci e Merlini, in lista Renna, Pini, Silacci e Mitric
Mendrisiotto
13 ore

Mendrisio al via: vaccinati i primi cento cittadini

Chiasso seguirà a ruota. Entro la settimana prossima si saranno inoculate oltre mille dosi
Bellinzonese
14 ore

Polo socio-sanitario, Acquarossa lancia un segnale

Per evitare spazi che rimarrebbero vuoti il Municipio confida di poter firmare precontratti con gli interessati
Grigioni
14.08.2019 - 14:520

Un altro 'No' alla Forcola aperta per le Olimpiadi 2026

Lo ribadisce l'associazione poschiavina Tivas (Traffico Intelligente in Valle per un Ambiente Sostenibile): traffico insostenibile per i giochi invernali

No al passo della Forcola aperto no stop anche nei mesi invernali. È la ferma posizione dell'associazione di Poschiavo (GR) "Tivas - Traffico Intelligente in Valle per un Ambiente Sostenibile", in merito all'eventualità di un accesso permanente della tratta durante le prossime Olimpiadi.

"Con l'assegnazione a Milano-Cortina dei Giochi olimpici invernali 2026, - scrivono alcuni membri della Tivas in una lettera indirizzat alla Regione Bernina e al consiglio comunale di Poschiavo riportata sul sito online del giornale locale "Il Bernina" - le pretese di Livigno sull'apertura della Forcola si sono riaccese. Il sindaco Bormolini si fa avanti con un'offerta di posti letto ma non siamo al mercato: stiamo parlando di ben altro che di pernottamenti".

Quanto si prospetta dietro le parole del sindaco di Livigno, prosegue la lettera, è "l'incombenza di un traffico insostenibile a svantaggio della Valposchiavo, che non può assorbire più di tante vetture ogni giorno ad ogni stagione senza stravolgere i propri connotati".

Il Governo cantonale, inoltre, si è già espresso in merito ai lavori sulla stessa, aggiungono i membri dell'associazione: "non v'è alcuna intenzione d'investire sulla tratta, poco richiesta dai cittadini svizzeri in generale e dai grigionesi in particolare. Si tratta peraltro di una strada angusta di carattere alquanto pericoloso, a causa della tortuosità del tracciato, delle condizioni atmosferiche e dei ripidi fianchi circostanti, sempre a rischio valanghe nel periodo invernale".

Ad aprile scorso, in effetti, in riferimento ad alcune dichiarazioni delle autorità della Regione Lombardia apparse su media italiani, il direttore del Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste del Cantone dei Grigioni, Mario Cavigelli, aveva smentito  l'esistenza di un accordo sull'apertura straordinaria del passo della Forcola di Livigno durante le Olimpiadi del 2026: "ci siamo dichiarati disposti, in via eccezionale, a valutare la possibilità di aprire temporaneamente il passo, ma questo dipenderà da diversi fattori e non è garantito a priori".

"Voler tenere chiusa a priori la Forcola anche quando il grado di innevamento è minimo, non ci sembra rispettare lo spirito di collaborazione reciproca che si è instaurato negli ultimi anni tra Regione Lombardia, la Provincia di Sondrio e il Cantone dei Grigioni". Tuttavia, aveva aggiunto Cavigelli, "tutto dipenderà dalle condizioni meteorologiche e di innevamento del passo, fattori che determineranno la sicurezza o meno della tratta".

In ogni caso, aveva concluso il direttore, "il Cantone non è disposto a investire risorse in interventi infrastrutturali per migliorare o garantire la sicurezza del transito per il periodo in oggetto. Eventuali risorse disponibili andranno semmai a beneficio di investimenti e progetti sulla tratta del Bernina tra Campocologno e Pontresina, la quale costituisce il principale asse di comunicazione per la Valle di Poschiavo".

© Regiopress, All rights reserved