ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
15 min

Tutti i vincoli del nuovo ospedale di Bellinzona

I progettisti dovranno confrontarsi con un’importante serie di questioni tecniche, fra sicurezza fluviale, edificabilità e viabilità
Bellinzonese
2 ore

Pomeriggio di ballo liscio a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Appuntamento per giovedì 9 febbraio al ristorante Alla Botte
Bellinzonese
2 ore

Omaggio a più voci a Enrico Della Torre a Camorino

Appuntamento per lunedì 13 febbraio alle 19 al centro culturale areapangeart
Locarnese
2 ore

La sfida: ricreare (e degustare) i 101 stili di birra ufficiali

L’iniziativa, promossa dal BeerLab di Gordola, è aperta a tutti e si ripeterà settimanalmente il giovedì sera
Luganese
2 ore

Appuntamento su sostenibilità e architettura in ambito alpino

Questi i temi che verranno trattati all’Istituto internazionale di Architettura a Lugano martedì 14 febbraio alle 18.30
Locarnese
2 ore

L’Arte dell’ascolto profondo, evento online con Daniel Levy

Lo propone l’Accademia Internazionale di Eufonia di Locarno giovedì 9 febbraio dalle 20
Bellinzonese
2 ore

L’Ambri Piotta sostiene la lotta contro una malattia rara

Il 17 febbraio i giocatori indosseranno una maglia speciale: il ricavato dell’asta andrà all’associazione ‘Noi ci siamo’ che sensibilizza sulla Fop
Ticino
2 ore

Superamento dei livelli, il Plr boccia la proposta commissionale

In Gran Consiglio arriverà anche il rapporto di minoranza di Polli: da Lega, Ps, Centro e Verdi ‘proposta evidentemente fragile, non ha obiettivi’
Mendrisiotto
3 ore

Anche i Quartieri di Mendrisio si mettono la maschera

Dopo il Carnevale di Genestrerio, andato in scena domenica scorsa, è giunta l’ora di Besazio, Capolago e Ligornetto
Mendrisiotto
3 ore

A Novazzano torna ‘Ul Zanzara’

Per gli amanti del Carnevale sarà possibile festeggiare già a partire da martedì sera
Luganese
3 ore

Processo Enderlin, ‘dopo 9 anni di Purgatorio comincia la vita’

L’imprenditore luganese è stato condannato a 13 mesi sospesi. Cade l’accusa delle retrocessioni bancarie
Bellinzonese
3 ore

Ad Ambrì-Sopra ‘via alla Posta’ diventa ‘via Alina Borioli’

La commissione cantonale di nomenclatura ha approvato la modifica, proposta dalla scomparsa Tiziana Mona e cofirmatari
Locarnese
4 ore

Asta di beneficenza per i bambini del Kenya

Martedì 7 febbraio, dalle 14.30 alle 16.30, all’interno del centro diurno ‘Alcentrodì’ di Ascona, a favore dell’associazione ‘The Dreamers Association’
Locarnese
4 ore

Semine e novellame, così il Dipartimento ne orienta la rotta

All’Assemblea della Società di pesca Onsernone-Melezza Christophe Molina ha illustrato gli indirizzi del Dipartimento in materia di gestione ittica
Luganese
4 ore

‘Il Centro’ di Agno accoglie una nuova presidenza

Thierry Cerclé avrà al suo fianco la vice Graziella Lamprecht, in rappresentanza anche della sezione ‘Giovani del Centro’
Locarnese
4 ore

Aperitivo a Locarno con i candidati Udc

Appuntamento rivolto ad amici e simpatizzanti e organizzato dalla sezione regionale
Bellinzonese
5 ore

La Città di Bellinzona cerca apprendisti

In scadenza nei prossimi giorni i concorsi d’assunzione in otto professioni
Locarnese
5 ore

Carnevale muraltese, annullato lo spettacolo del Duo Rossi

Cancellato l’evento di venerdì 10 febbraio che avrebbe anticipato i festeggiamenti del sabato, che prevedono dalle 12 l’arrivo dei regnanti e la risottata
Bellinzonese
5 ore

Personico, Giornico e Bodio si ‘aggregano’ nei 18enni

Una cerimonia unica per i tre Comuni della bassa Leventina
22.11.2022 - 11:23
Aggiornamento: 16:53

A Bellinzona le mozioni fanno breccia: approvate 3 su 4

Ok del Cc a una golena più animata, al taglio delle camere doppie in casa anziani e a un aiuto in giorni per i familiari curanti. Bocciato invece EcoBelli

a-bellinzona-le-mozioni-fanno-breccia-approvate-3-su-4
Ti-Press
Il ponte della Torretta

Storicamente propenso a bocciare la stragrande maggioranza delle mozioni presentate, ieri sera il Consiglio comunale di Bellinzona, evasi alcuni messaggi, ne ha invece approvate tre delle quattro inserite all’ordine del giorno. Avanti dunque con una golena un po’ più animata nella bella stagione, con un migliore aiuto in termini di tempo pagato per i dipendenti comunali che necessitano di assentarsi per curare o assistere un familiare malato o infortunato, e infine con l’eliminazione delle poche camere doppie rimaste nelle case per anziani cittadine.

Il progetto pilota non convince

Ma partiamo dall’idea affossata. Non vedrà la luce, almeno a breve e medio termine, il progetto EcoBelli contenuto nella mozione dell’Unità di sinistra (Lisa Boscolo e Martina Malacrida Nembrini) che suggeriva l’istituzione di un apposito servizio comunale di sensibilizzazione pubblica e di pulizia contro l’abbandono dei rifiuti sul territorio. Fenomeno aumentato durante gli ultimi anni nelle zone aperte frequentate durante il tempo libero per passeggiare e svagarsi. Il Cc per una manciata di voti – 21 sì, 25 no e 2 astenuti – ha bocciato la proposta che indicava una spesa annua di circa 150mila franchi fra assunzione di un responsabile a tempo parziale e di personale da dedicare al compito. Da una parte Municipio e maggioranza della Gestione (relatore Tiziano Zanetti, Plr), secondo cui il tema è sì d’attualità ma può benissimo venir gestito dai Servizi urbani comunali con i mezzi finanziari già a disposizione; dall’altra il rapporto di minoranza Verdi/Mps/Fa (Giuseppe Sergi) secondo cui l’approccio municipale è contraddittorio laddove riconosce l’esistenza del problema ma vuole caricare di ulteriore legna verde un settore comunale senza allocare maggiori risorse finanziarie: «Che non sarebbero invero eccessive, quelle previste per EcoBelli». Su questo punto Michela Luraschi (Sinistra) in difesa della mozione ha ricordato che è stato proposto un progetto pilota (da uno a tre anni) la cui incidenza sulla gestione corrente sarebbe almeno inizialmente limitata. «Più che seminare cultura – le ha risposto il municipale Giorgio Soldini, capodicastero Ambiente – bisognerebbe seminare educazione. È quanto si sta facendo in vari ambiti. Lo sforzo c’è e i risultati si vedono. E infatti vedo poca sporcizia nel Bellinzonese». Discorso chiuso dunque, sebbene in vari punti della golena non sia raro imbattersi nel pattume lasciato dai festaioli.

Senza musica amplificata e luci da discoteca

Restando in golena, un passo avanti verso l’aggiunta di qualche attrattiva durante la bella stagione, come ad esempio la posa di furgoni street food e quant’altro, lo ha compiuto il plenum votando a maggioranza la mozione di Michela Pini (Plr) contestata dalla Sinistra. Al termine di un dibattito fiume i 31 favorevoli l’hanno spuntata su 19 contrari e un astenuto. Fanno però stato le indicazioni del Dipartimento del territorio secondo cui non si potranno proporre eventi con musica amplificata e illuminazione da discoteca, né feste a grande richiamo di pubblico, questo per non infastidire le comunità di pipistrelli che alloggiano sotto le volte dell’antico ponte della Torretta. Battagliero il relatore di minoranza Claudio Buletti (Unità di sinistra), che intende impugnare la decisione con un ricorso contestando la messa in pratica della mozione.

Salteranno 19 posti letto

E molto a sorpresa, con due soli voti di scarto, l’ha spuntata la mozione del Movimento per il socialismo che ha ottenuto l’appoggio del Legislativo (24 sì, 22 no e 2 astenuti) affinché si eliminino tutte le camere doppie ancora presenti nelle case anziani e al centro Somen di proprietà e competenza comunale. Il Cc si è dunque distanziato dai pareri del Municipio e della maggioranza della Commissione gestione secondo cui la situazione attuale è tutto sommato confacente, oltre che di competenza cantonale. Secondo loro si tratterebbe inoltre di interventi strutturali importanti, troppo onerosi se presi a carico dalla Città qualora non fosse il Cantone a imporli e a finanziarli come prevede la legge; senza contare i prevedibili disagi causati dai cantieri, la riduzione di posti letto e l’impossibilità di ospitare coppie di coniugi nella medesima camera (a volte ci sono richieste in tal senso). In cifre, nelle strutture Pedemonte e Mesolcina tutti i posti sono già in camera singola, mentre in quella di Sementina vi sono 10 camere doppie (20 letti) e 60 singole e al Centro Somen (per degenze brevi) 18 letti in camera doppia e 14 in camera singola. In queste due ultime strutture sono dunque destinati a sparire 19 letti (10+9), riducendo di conseguenza la disponibilità complessiva. A pesare sull’opinione della stretta maggioranza, probabilmente, l’intervento in sala di Matteo Pronzini (Mps): «Durante la recente riunione della Cooperativa Costruzioni proprietaria della casa anziani Greina (ndr: destinata nel 2024 a passare in mani comunali dopo un primo anno transitorio) è chiaramente emerso che la pandemia ha evidenziato l’impossibilità, per motivi sanitari e di sicurezza, di avere ancora camere doppie». Angelica Lepori (Mps) ha inoltre sottolineato che le camere singole assicurano una migliorare vivibilità per quegli anziani davvero non più autosufficienti e che necessitano di un accudimento accresciuto da parte del personale». In un comunicato l’Mps sottolinea che la modifica "non impedirebbe che gli ospiti che lo desiderano, possano scegliere di vivere in camere doppie", sempre che vi sia lo spazio necessario per due letti una volta eseguite le modifiche. L’Mps ricorda di aver presentato in passato la stessa mozione, che fu "allora ritenuta, da tutto il Consiglio comunale, irricevibile. Una battaglia che dovrà ora continuare".

Un aiuto in giorni pagati

A proposito di accudimento, quarta e ultima mozione. All’unanimità il Consiglio comunale ha votato la proposta dell’Unità di sinistra, sostenuta dal Municipio, di prevedere un aiuto in più per i familiari curanti. In soldoni, nel Regolamento organico dei dipendenti comunali saranno inseriti: fino a 10 giorni lavorativi annui di congedo pagato (massimo 3 giorni per evento) per assistere un familiare o il partner in caso di malattia o infortunio attraverso la prestazione di un certificato medico (in caso di malattia o infortunio gravi tale congedo potrà essere concesso per 10 giorni consecutivi); e un congedo fino a 14 settimane annue in caso di gravi problemi di salute, o per infortunio, di un figlio minorenne.

Leggi anche:

Teatro Sociale, la politica di Bellinzona vuole più performance

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved