ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
2 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
5 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
6 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
6 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
8 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
9 ore

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
Luganese
10 ore

Consegnato alla Fondazione Vanoni l’incasso della riffa

L’iniziativa benefica delle sezioni Plr Centro+Loreto e Molino Nuovo ha permesso di sostenere il progetto ‘Appartamento protetto’ con 900 franchi
Luganese
10 ore

Una serata per parlare di inclusione scolastica

L’appuntamento è per martedì 14 febbraio al cinema Lux di Massagno. Verrà inoltre proiettato il film ‘Tutto il mio folle amore’
Locarnese
12 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
1 gior

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
1 gior

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
1 gior

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
1 gior

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
1 gior

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
1 gior

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
laR
 
13.10.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:00

Fra Sementina e Monte Carasso sarà un ‘cantiere monstre’

Terminato il semisvincolo, dal 2025 per due anni importanti lavori, anche sotterranei, rallenteranno la strada cantonale di sponda destra verso Locarno

fra-sementina-e-monte-carasso-sara-un-cantiere-monstre

Non solo una nuova carreggiata caratterizzata da asfalto fonoassorbente, alberatura, illuminazione a Led di ultima generazione, marciapiedi, passaggi pedonali, isole spartitraffico e misure di moderazione volte ad agevolare la mobilità lenta e a migliorare la qualità di vita di chi abita nelle immediate vicinanze. Il tratto di strada cantonale lungo circa due chilometri – tra il campo sportivo di Sementina e il semisvincolo autostradale di Monte Carasso – sarà aggiornato anche nelle sue sottostrutture. Parliamo di tubazioni interrate per la fornitura di acqua potabile, corrente elettrica e servizi telematici, come pure per l’evacuazione delle acque luride. Questa puntualizzazione indica sin d’oggi che il cantiere lungo la cantonale di sponda destra, percorsa oggi quotidianamente da circa 15’000 veicoli, durerà parecchio tempo e richiederà ai conducenti molta pazienza.

I precedenti di Cugnasco, Gordola e Tenero

Difficile, al momento, quantificare con precisione il ‘parecchio tempo’ necessario: dal primo colpo di piccone fino alla posa dell’ultimo metro di asfalto fonoassorbente si possono stimare un paio d’anni. Questo considerato quanto successo sulla medesima strada cantonale di sponda destra pochi chilometri più in là, a Cugnasco, dove il rinnovo di analoghe sottostrutture comunali su un tratto più breve sta creando ormai da diversi mesi lunghe colonne di veicoli. Idem sulla cantonale fra Tenero e Gordola, dove i rispettivi cantieri ai due lati del Ponte Asciutto sono stati caratterizzati da errori di valutazioni commessi dai rispettivi servizi comunali messi alle strette dalle tempistiche cantonali per il rinnovo del manto fonoassorbente entro fine 2023, pena la perdita dei sussidi federali.

‘Evitare sgradevoli sorprese’

Ma cosa succederà dunque fra Monte Carasso e Sementina? «La gran parte della sottostruttura dovrà essere rinnovata comportando a carico delle casse comunali un investimento logicamente maggiore rispetto ai sei milioni di franchi preventivati per la sola parte superficiale di competenza cantonale e cofinanziata dalla Confederazione», premette il vicesindaco di Bellinzona, Simone Gianini, a capo del Dicastero territorio e mobilità e presidente della Commissione regionale dei trasporti del Bellinzonese, la quale aveva incluso questo intervento nel Programma d’agglomerato del Bellinzonese di terza generazione (Pab3). «È stata recentemente avviata la parte conclusiva del progetto di massima – prosegue il vicesindaco – con l’obiettivo di quantificare l’impatto finanziario prevedibile a carico della Città e di terzi», vale a dire anche delle aziende interessate che sono in primis Amb e Swisscom. «Gli approfondimenti in corso mirano infatti a coordinare e armonizzare le esigenze di rinnovo. Le quali devono apparire chiaramente nella fase di progetto, evitando così di dover fare i conti, nella fase esecutiva, con sgradevoli imprevisti», che solitamente finiscono appunto per dilatare i tempi dei cantieri una volta iniziati. Quando ultimato e valutati i presumibili costi complessivi, è previsto che il progetto di massima «verrà trasmesso dalla Città ai preposti servizi cantonali, cui competerà la progettazione definitiva». Solo allora si conosceranno, con maggiore precisione, costi e tempistiche di realizzazione.

Si teme per la zona residenziale

La fase esecutiva dovrebbe poi prendere il via, lo ricordiamo, una volta ultimato il semisvincolo. I cui benefici dovrebbero essere percepibili sulle due strade cantonali di penetrazione da sud, dove il traffico, stando ai calcoli degli ingegneri, è destinato a diminuire, pur rimanendo importante, del 40% a Giubiasco (oggi 20mila transiti quotidiani) e del 20% fra Sementina e Monte Carasso. E la domanda s’impone: rischia di ripetersi anche qui quanto succede da mesi nel cantiere di Cugnasco dove, per contenere il più possibile gli incolonnamenti sulla cantonale, i veicoli diretti verso Bellinzona vengono deviati mattina e sera sulle stradine agricole e ciclabili del Piano? A Sementina e Monte Carasso il timore inizia a serpeggiare fra quegli abitanti della parte bassa dei due quartieri residenziali che da tempo sollecitano l’introduzione di divieti per contenere il traffico parassitario. «La gestione della circolazione durante il cantiere sarà proprio uno dei capitoli della progettazione definitiva», annota Gianini rimarcando peraltro la bontà, finora riscontrata, della gestione stradale durante i lavori per il semisvincolo.

‘Guardare all’obiettivo finale’

«Certo, già oggi si può affermare che non sarà un cantiere facile da gestire – conclude il vicesindaco –, ma l’invito è quello di guardare al risultato finale cui l’operazione ambisce: ottenere una nuova strada cantonale a misura di cittadino, ossia sgravata di una parte di veicoli grazie al semisvincolo e dotata di una moderazione, data in parte dal restringimento della carreggiata a beneficio di ampi marciapiedi e isole spartitraffico, che faccia desistere in particolare il transito dei mezzi più pesanti». Come viene rimarcato nella documentazione del Pab3, l’esercizio – per questo cofinanziato dalla Confederazione in ragione del 40% – è finalizzato a "garantire e migliorare la funzionalità della strada per tutte le categorie di fruitori (residenti, commercianti, passanti...), favorendo la vivibilità della zona abitativa, la permeabilità dello spazio pubblico e la convivenza fra i diversi utenti della strada; garantire e migliorare la sicurezza oggettiva e soggettiva degli utenti, conducenti, ciclisti e pedoni; garantire e migliorare la fluidità del traffico e in particolare il regolare esercizio dei trasporti pubblici; ridurre le emissioni atmosferiche e foniche, a vantaggio di una migliore qualità dell’aria e vivibilità dei quartieri adiacenti allo spazio pubblico; e in definitiva contenere l’aumento del traffico motorizzato in relazione all’apertura del semisvincolo di Bellinzona-centro". Il tutto passando inevitabilmente attraverso un cantiere lungo e importante. Che qualcuno ha già ribattezzato cantiere ‘monstre’.

Leggi anche:

Bellinzona-Locarno, dacci il nostro cantiere quotidiano

Cantieri stradali nel Locarnese, i rimbalzi delle responsabilità

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved