ULTIME NOTIZIE Cantone
Chiasso
56 min

Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino

Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d'Italia
1 ora

È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale

Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della Polizia dell’enclave
Mendrisiotto
2 ore

Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio

Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare.
Bellinzonese
2 ore

Il Carnevaa di Goss di Sant’Antonino compie 50 anni

La manifestazione si terrà dal 16 al 19 febbraio nel capannone ex pista di ghiaccio
Bellinzonese
2 ore

La sezione La Turrita del Centro si riunisce a Bellinzona

Appuntamento per lunedì 6 febbraio alle 20 al Ristorante Unione
Bellinzonese
2 ore

Pomeriggio di ballo liscio in compagnia dell’Atte Leventina

Appuntamento in programma giovedì 2 febbraio dalle 14 presso ristorante Alla Botte di Pollegio
Bellinzonese
3 ore

Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’

Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
3 ore

Incontro di meditazione a Pambio Noranco

L’appuntamento è lunedì 6 febbraio alle 20.30 presso il centro Serrafiorita
Bellinzonese
3 ore

Cresciano, inaugurazione della sala multiuso e tombola

Appuntamento in programma domenica 5 febbraio presso il campo sportivo in compagnia di... Yor Milano
Bellinzonese
3 ore

I numeri vincenti della lotteria del carnevale di Cadenazzo

I cinque fortunati possono scrivere a carnevale.cadenazzo@gmail.com per ritirare il loro premio
Luganese
3 ore

Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti

In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
4 ore

Sei itinerari tematici per i parchi insubrici

Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
Luganese
8 ore

Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado

Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
Locarnese
8 ore

Negozio alimentari e Posta: ‘Gordola può star tranquilla’

Il vicesindaco René Grossi, da proprietario dell’immobile interessato, risponde alle critiche preventive di Plr e Verdi Liberali
Mendrisiotto
14 ore

A Mendrisio Massimo Cerutti lascia il Plr

Il municipale divorzia dalla sezione del partito. Sarà indipendente. La settimana scorsa il Municipio lo ha esonerato dalla regia del dicastero Aim
Ticino
14 ore

Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro

Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio

Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
laR
 
05.10.2022 - 05:30
Aggiornamento: 18:01

Chiuso il negozio di Dalpe: ora manca un servizio ‘essenziale’

La speranza del sindaco Mauro Fransioli è quella di trovare qualcuno che porti avanti l’attività. Il 15 ottobre è previsto un incontro con la popolazione

chiuso-il-negozio-di-dalpe-ora-manca-un-servizio-essenziale
Archivio Ti-Press
In vista un inverno senza bottega, ristorante e albergo

«Un’attività essenziale» alla quale ora si cercherà di dare continuità. Stiamo parlando della Botea da Dalp, ovvero l’unico negozio di Dalpe, che ha chiuso i battenti alla fine del mese scorso, lasciando un vuoto non indifferente in paese. «Stiamo cercando una soluzione, perché il negozio è importante non solo per l’approvvigionamento dei residenti, ma anche per i turisti», afferma a ‘laRegione’ il sindaco Mauro Fransioli. Sabato 15 ottobre alle 16 nella Casa comunale si terrà quindi un incontro tra il Municipio e la popolazione «per sondare il terreno e capire se ci siano iniziative, idee o suggerimenti» per portare avanti l’attività. La convocazione è stata inviata a tutti i fuochi di Dalpe, ma evidentemente possono partecipare anche persone esterne al comune. A tutto ciò va poi aggiunto che anche l’Hotel des Alpes chiuderà a metà di ottobre, visto che l’attuale gerente (il rinomato chef Waldis Ratti) ha deciso di lasciare. Tuttavia, in questo caso il sindaco è leggermente meno preoccupato, essendo fiducioso del fatto che qualcuno si farà avanti per portare avanti albergo e ristorante.

La responsabile va in pensione

«Purtroppo mi devo fermare e quindi ho deciso di andare in pensione». Giuliana Gianella, che ha gestito la Botea per 10 anni, lascia l’attività con «grande tristezza», non perché non funzionava, ma per limiti legati all’età. «È stata una bella esperienza che mi ha permesso di conoscere molta bella gente proveniente da tutto il cantone e non solo». Infatti, non si trattava solamente di un semplice negozio dove acquistare alcuni prodotti di prima necessità, ma offriva anche qualcosa in più: era anche un luogo di aggregazione e d’incontro dove «si chiacchierava volentieri, magari una volta finito di fare la spesa». Inoltre si trova anche in un luogo «strategico, ovvero dove partono, pensando all’estate, i sentieri escursionistici, così come i tracciati invernali dedicati alle racchette da neve». Di conseguenza al negozio «venivano anche fornite informazioni utili» agli escursionisti che potevano pure fare rifornimento. E «al ritorno magari si fermavano anche a comprare prodotti locali (come pasticcini o spampezie fatti in casa, miele della zona o marmellate artigianali) molto apprezzati dai turisti, ma anche dalla popolazione che gradiva molto in particolare pure il pane fresco che arrivava tutte le mattine».

‘Disposti a pagare qualcosina in più’

Ma quindi il negozio ha sempre avuto un discreto successo? «Ovviamente – spiega Giuliana Gianella – vi erano alcuni periodi nei quali il lavoro era veramente poco: penso ad esempio al mese di novembre, oppure, in generale, quando era brutto tempo. Solitamente d’estate era tuttavia sempre ben frequentato. È un negozio che ha sempre funzionato bene, anche grazie ai villeggianti presenti il weekend durante tutto l’anno». E questo nonostante la responsabile della Botea non potesse «offrire i prodotti a prezzi da supermercato: chi faceva acquisti era disposto a pagare anche qualcosina in più per avere un’offerta di qualità sul posto, ma anche per mantenere il negozio in vita, visto che faceva comodo a tutti». Come detto, a Giuliana Gianella dispiace molto dover lasciare l’attività e ora spera che «qualcun altro possa portarla avanti».

‘Comune pronto a venire incontro’

Una speranza che ha anche Mauro Fransioli, anche se «al momento non si intravedono soluzioni concrete». Proprio per questo motivo è stata organizzata una serata sul tema: «Capiremo se qualcuno mostra interesse, anche se non è semplice trovare qualcuno che si metta a disposizione». Il Comune è pure pronto a sostenere un’eventuale iniziativa: «Non ritireremo noi il negozio, ma siamo disposti ad andare incontro a chi intende farlo, dando un aiuto per avviare l’attività», sottolinea il sindaco. Un’attività «essenziale e importante che va mantenuta». È infatti anche una questione di «attrattività: se manca un servizio del genere, anche una famiglia che intende trasferirsi a Dalpe, prima ci pensa due volte». Senza poi dimenticare i benefici, oltre che per la popolazione, pure a livello turistico.

Chiude anche l’Hotel Des Alpes: a concorso la gerenza

Turismo che potrebbe subire un ulteriore duro colpo se l’Hotel des Alpes non dovesse trovare un nuovo gerente. Ricordiamo che l’albergo e ristorante aveva riaperto alla fine del 2015, dopo essere rimasto chiuso per due anni. Ad aver acquistato la struttura era stata la Centrale elettrica Dalpe in mano al Comune. Comune che aveva quindi di fatto investito oltre tre milioni di franchi per la ristrutturazione dell’edificio, ottimizzando gli interni e rispettando la tipologia dell’edificio esistente e il suo carattere alpino. La gerenza era stata affidata allo chef Waldis Ratti, il cui «contratto terminerà a fine mese», rileva Fransioli. Tuttavia l’ultimo giorno utile per recarsi nell’esercizio pubblico dovrebbe essere domenica 16 ottobre.

L’obiettivo è riaprire entro l’inizio dell’anno prossimo

Prossimamente la gestione sarà messa a concorso, con l’auspicio di «riaprire l’Hotel des Alpes il prima possibile. Preferibilmente entro l’inizio dell’anno prossimo». In ogni caso il Comune non «affronta la situazione a cuor leggero, ma i segnali sono un po’ più rassicuranti rispetto al negozio». Il sindaco è quindi fiducioso, anche perché sembrerebbero già esserci degli interessati. Infine sarebbe anche pensabile approfittare di questa situazione tutt’altro che ottimale per generare collaborazioni proficue: «Una sinergia tra albergo e negozio potrebbe essere interessante», conclude Fransioli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved