ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
4 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
4 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
5 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
5 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Luganese
5 ore

Lugano, Test Hiv anonimi, gratuiti e senza appuntamento

Verranno effettuati in occasione della Giornata mondiale di lotta all’Aids, giovedì 1° dicembre presso la sede di Zona protetta in via Bagutti 2
Mendrisiotto
5 ore

Rancate festeggia due nuovi servizi pubblici

Le novità per il comune saranno festeggiate alla Farmacia Santo Stefano in via della Posta 5 il 13 dicembre alle 18.30
Ticino
5 ore

Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa

Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Mendrisiotto
5 ore

Ligornetto, mattinata musicale al museo Vela

Domenica 4 dicembre le note del clarinetto, del violoncello e del pianoforte allieteranno gli spettatori della 44esima Stagione concertistica di musica
Mendrisiotto
5 ore

L’artista dei presepi in mostra a Morbio Inferiore

Giuseppe Bollini, sacrestano presso la chiesa San Giorgio, espone le sue opere alla Fondazione Casa San Rocco
Bellinzonese
6 ore

Biasca, alla Bibliomedia un ‘viaggio musicale trasversale’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 si terrà il concerto con i musicisti Mario Milani (fisarmonica) e Fausto Saredi (clarinetto)
Ticino
6 ore

Targhe, Centro e Udc firmano un rapporto senza maggioranza

Calcolo della nuova imposta di circolazione, la Lega per ora si defila mentre Plr e Ps confermano il loro no al testo Dadò/Pamini. E il clima è teso
Mendrisiotto
6 ore

Castel San Pietro, concerto di inaugurazione dell’organo

L’evento avrà luogo alle 20.30 presso la chiesa parrocchiale di Sant’Eusebio. Sarà il musicista Passuello a eseguire i brani
Bellinzonese
6 ore

A Bellinzona torna la giornata dedicata alla riparazione

La propone il Dipartimento del territorio sabato 3 dicembre presso la propria sede in via Franco Zorzi
04.10.2022 - 15:01
Aggiornamento: 16:34

Municipio di Bodio favorevole alla fusione con Giornico

Una decisione unanime che permette di avviare l’iter per un’aggregazione ridotta rispetto al progetto che comprendeva anche Pollegio e Personico

municipio-di-bodio-favorevole-alla-fusione-con-giornico

Può partire l’iter per l’aggregazione fra Giornico e Bodio. Dopo il sì espresso a maggioranza lo scorso agosto dal Municipo di Giornico, ieri sera, in occasione della seduta del Consiglio comunale, anche l’Esecutivo di Bodio ha sciolto le riserve comunicando la propria decisione, unanime e favorevole alla fusione ridotta rispetto al progetto Sassi Grossi che comprendeva anche Personico e Pollegio. In occasione del voto popolare dello scorso 13 febbraio, ricordiamo, a differenza di Bodio e Giornico (81% e 84% di sì) i cittadini di Personico e Pollegio (65% e 82% di no) avevano respinto l’idea di unire i quattro Comuni della Bassa Leventina, definitivamente abbandonata lo scorso giugno con decisione del Gran Consiglio. «Da una parte c’è il risultato della votazione di febbraio, quando la popolazione di Bodio ha sposato chiaramente l’idea di un progetto aggregativo – motiva la scelta del Municipio di Bodio il sindaco Stefano Imelli –. Non so se una fusione a due comuni sarà percepita diversamente, ma come Municipio abbiamo ritenuto di procedere a fronte di un risultato così netto, che non può essere lasciato in un cassetto». L’Esecutivo rimane inoltre «convinto del potenziale e dell’affinità in ambito di progetti» anche con una fusione ridotta (circa 1’900 abitanti invece dei 2’900 previsti da Sassi Grossi). «Pensiamo ad esempio alla zona industriale, a quello che capiterà con lo svincolo autostradale, all’Ente regionale per lo sviluppo con i progetti del masterplan Leventina».

Confermata, come prevedibile, l’intenzione di procedere, i prossimi passi saranno l’invio dell’istanza al Consiglio di Stato, quindi la formazione di una commissione di studio, l’elaborazione di un rapporto (con possibilità di prendere spunto da quello stilato per Sassi Grossi), preavviso di esecutivi e legislativi e nuova votazione consultiva popolare. In caso di esito positivo, appare complicato immaginare l’elezione degli organi politici del nuovo ente locale in occasione delle Comunali previste per l’aprile 2024.

Approvata la zona 30 in tutto l’abitato

Passando alle trattande all’ordine del giorno, il Legislativo di Bodio ha approvato il credito di 170mila franchi per introdurre il limite di velocità di 30 km/h all’interno di tutto il comparto residenziale sul lato est della strada cantonale, da via Campásc a via Somasèlva. Nel messaggio municipale licenziato dall’Esecutivo si evidenzia che su alcune strade che attraversano l’abitato "troppo spesso si assiste a veicoli che transitano ad alta velocità". Ciò che è stato confermato dai misuratori posizionati dal 16 marzo al 23 marzo 2021 lungo le vie di transito più significative. Sulla base di questi rilevamenti, il Municipio ha ritenuto opportuno introdurre la classica segnaletica della zona 30 in tutte le vie del comparto residenziale, fatta eccezione per Via Campásc e Salita al Ramm dove la condotta rilevata dalle misurazioni (più dell’85% degli automobilisti è transitato a una velocità superiore ai 35 km/h) giustifica anche un restringimento fisico e ottico della carreggiata su via Campásc e il restringimento ottico della strada, più la posa di dossi arrotondati, sulla Salita al Ramm. Si prevede inoltre di chiudere parte di via Somasèlva vista la pericolosità dovuta alla caduta di massi a monte della tratta (saranno valutati eventuali permessi o eccezioni). Per il Municipio questa moderazione del traffico permetterà di aumentare la sicurezza lungo i percorsi pedonali e ciclabili verso le scuole, accrescere la quiete nel quartiere e adeguare e riordinare gli spazi nel nucleo. Tra un anno è in programma un monitoraggio per valutare la funzionalità della misura.

Bocciato il credito per il percorso vita

È invece stata bocciata la richiesta di un credito di 73mila franchi per procedere al rifacimento delle postazioni del percorso vita situato nella selva castanile a pochi minuti dall’abitato. «Il progetto – spiega Imelli – sarà rivisto dal Municipio dal momento che i consiglieri hanno chiesto di inserirlo in un’ottica più ampia che preveda anche la valorizzazione della selva castanile».

Si espande il negozio ‘Da Moreno’

Approvato anche il messaggio con cui l’Esecutivo chiedeva il via libera per concedere un diritto di superficie di quattro terreni di proprietà del Comune alla società ‘Da Moreno Sa’ per la costruzione di un nuovo stabile commerciale. Ciò che sposa la volontà del Municipio di ampliare l’offerta della vendita di alimentari, casalinghi e altri generi di consumo. I terreni in questione sono quelli adiacenti al già esistente negozio del gruppo ’Da Moreno’ – presente anche a Sementina e a Gravesano –, dal quale è giunta l’unica offerta nell’ambito del bando di concorso conclusosi a fine luglio. Il diritto di superficie è stato messo a concorso per la durata di 50 anni a partire dal 1° gennaio 2023. Nel messaggio l’Esecutivo specifica che la proposta ricevuta (che risponde ai vincoli richiesti quali posteggi, area verde, area giochi e stalli di ricarica elettrica) ottempera tutte le condizioni. Viene valutata positivamente la volontà di una società già presente sul territorio comunale di espandersi e creare posti di lavoro.

Leggi anche:

Il Municipio di Giornico dice sì all’aggregazione con Bodio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved