ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
34 min

Bellinzona omaggia le associazioni locali

La Città ha ricevuto giovedì scorso circa 80 volontari attivi in varie realtà che si impegnano per la collettività
Luganese
1 ora

Galleria Melide-Grancia, terminati i lavori in direzione nord

Ustra affronterà ora la seconda fase dei lavori di risanamento, che si concluderà nel 2024. Si parla di un investimento totale di 70 milioni
Mendrisiotto
2 ore

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
4 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
8 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
8 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
13 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
15 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
15 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
16 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
17 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
17 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
18 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
26.09.2022 - 18:55
Aggiornamento: 20:04

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare

ex-sindaco-condannato-per-impiego-di-stranieri-senza-permesso
Keystone

È stato condannato a una pena pecuniaria sospesa per due anni (15 aliquote giornaliere da 440 franchi) l’ex sindaco di un Comune della Leventina oggi giudicato colpevole di infrazione alla Legge federale sugli stranieri. La giudice della Pretura penale di Bellinzona, Petra Vanoni, ha stabilito che la sua colpa è stata quella di aver impiegato, nel periodo tra gennaio e metà giugno 2018, un 52enne cittadino serbo quale giardiniere e tuttofare presso la propria abitazione e un noto grotto di Tenero di cui è proprietario e titolare, per un totale di 70 ore complessive, benché il 52enne fosse privo del necessario permesso per lavorare in Svizzera. La vicenda ha inizio nel 2015 quando il 52enne (secondo imputato del processo, pure condannato per lo stesso reato a una pena pecuniaria sospesa di 15 aliquote da 40 franchi) era arrivato in Ticino dove si è sposato con una donna con permesso C che già lavorava in un albergo leventinese di proprietà dell’ex sindaco. A questo punto il 52enne ha presentato una domanda per l’ottenimento di un permesso B per ricongiungimento famigliare, che gli è stato però negato dall’Ufficio cantonale della migrazione. Ufficio che non ha rinnovato nemmeno quello della moglie. L’uomo ha quindi dapprima interposto ricorso (respinto) al Consiglio di Stato, appellandosi in seguito anche al Tribunale cantonale amministrativo (Tram), che solo ad agosto 2021 – a sei anni dalla prima richiesta e a più di tre dai fatti contestati dalla Procura – ha infine ribaltato il verdetto e concesso il permesso, rinnovando nel contempo anche quello della moglie. Nel mentre, in una vicenda confusa e complicata in cui si sono intrecciate questioni penali e amministrative, anche un decreto d’abbandono in merito al presunto matrimonio fittizio della coppia.

La difesa chiedeva il proscioglimento

Battutasi per il proscioglimento, la difesa rappresentata dall’avvocato Laura Loser ha posto l’accento sull’effetto sospensivo concesso al ricorso interposto al Tram dopo il diniego del rilascio del permesso: per la difesa, in attesa di una decisione definitiva, il 52enne poteva lavorare. Tuttavia, come infine sancito dalla Pretura, l’effetto sospensivo si limitava unicamente all’obbligo di dover lasciare la Svizzera, e non dava l’opportunità di esercitare un’attività lucrativa. Qualcosa di cui l’imputato – ha continuato la giudice prima di pronunciare la sentenza – avrebbe dovuto rendersi conto in maniera chiara quando a fine 2017 è stato fermato dalla polizia in uscita dall’autostrada, con gli agenti che avrebbero fatto capire la situazione all’uomo.

‘È stato un gesto di solidarietà’

L’inchiesta era scattata a metà giugno del 2018 nell’ambito di un controllo al grotto di Tenero da parte dell’Ufficio dell’ispettorato del lavoro, al quale è seguito l’interrogatorio in polizia del 52enne sprovvisto di permesso e l’avvio dell’inchiesta. Pochi mesi dopo il 68enne si era dimesso dalla carica di sindaco, pur se l’intenzione di lasciare la politica era già stata comunicata da tempo. Alla guida dell’esecutivo leventinese per quasi trent’anni, ha riconosciuto in aula che ai tempi dei fatti era a conoscenza del fatto che il 52enne, con il quale ha detto di avere un rapporto di amicizia, non era stato concesso alcun permesso e che ancora pendeva il ricorso. La giudice Petra Vanoni ha tuttavia creduto alla buona fede dell’ex sindaco, il quale ha affermato di aver ingaggiato l’uomo per aiutare la coppia ad arrotondare. «Per loro era fondamentalmente impossibile vivere qui con il solo salario percepito dalla moglie – ha affermato il 68enne –. Non sono una persona insensibile a queste cose, ed evidentemente non volevo che lui dovesse tornare in Serbia. E quindi di tanto in tanto gli facevo fare qualche lavoretto, dandogli una sorta di mancia per aiutarli a sbarcare il lunario. L’ho fatto unicamente per questo motivo, perché altrimenti avrebbero rischiato di non farcela».

Pena dimezzata

Per quanto riguarda la commisurazione della pena, la giudice Petra Vanoni ha ridotto da 30 a 15 le aliquote a carico dei due imputati, dimezzando dunque la proposta del procuratore pubblico Pablo Fäh, non presente al dibattimento odierno e al cui decreto d’accusa si erano opposti i due imputati. Per Vanoni ci sono le circostanze per configurare il reato, ma per dolo eventuale, in un contesto in cui è stata apprezzata la sincerità degli imputati. La giudice, parlando di un’attività ridotta e non particolarmente importante riferendosi alle 70 ore complessive di impiego, ha creduto al gesto di solidarietà del 68enne, giudicando positiva la sua prognosi dal momento che mai in passato aveva avuto problemi con i suoi numerosi dipendenti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved