ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
39 min

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
47 min

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
57 min

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
1 ora

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
1 ora

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
2 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
2 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
2 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
2 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
2 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
Ticino
3 ore

Mobilità aziendale, in vigore il nuovo credito di 2 milioni

Il Consiglio di Stato informa sulle novità e sulle attività oggetto di questo secondo finanziamento. Aumenta il cofinanziamento per posteggi di bici
Ticino
3 ore

Pensioni del Cantone, ‘in piazza per opporci a un altro taglio’

Il gruppo per la difesa delle rendite (ErreDiPi) chiama a raccolta gli affiliati all’Ipct. Il portavoce: ‘Si rischia di impoverire la società ticinese’.
Bellinzonese
3 ore

Domande e risposte sulla sessualità nei luoghi di cura

Giovedì 13 ottobre questa tematica delicata sarà al centro del convegno annuale della Fondazione Sasso Corbaro. Si rifletterà su limiti e approcci diversi
Luganese
3 ore

Ex direttore indagato, incontro informativo per i genitori

Domani sera è prevista una riunione riservata ai familiari della sede delle scuole Medie. Intanto il docente ha incaricato un avvocato di fiducia
Locarnese
3 ore

Alla Magistrale la Festa del libro per bambini e ragazzi

Una giornata dedicata, con letture, incontri con gli autori, mercatino, workshop e firmacopie, sabato 1° ottobre dalle 10 alle 18 a Locarno
Locarnese
3 ore

Ascona, incontro con il vincitore del premio Amalago

Per presentare gli obiettivi del riconoscimento letterario e annunciare l’apertura della seconda edizione
23.09.2022 - 18:11
Aggiornamento: 18:40

Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto

Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti

morobbia-dopo-20-anni-e-22-milioni-inaugurato-l-acquedotto
Ti-Press/Golay
Oggi l’inaugurazione nel serbatoio Madonna degli Angeli
+9

A vent’anni dai primi approcci maturati fra le allora autorità comunali di Giubiasco, Pianezzo e Sant’Antonio – cui sono seguiti vari ricorsi a più livelli e sentenze che hanno sempre confermato la bontà dell’idea originaria infine sfociata nel 2016 nella fase realizzativa favorita anche dall’imminente aggregazione – è stato inaugurato oggi l’acquedotto della Morobbia. Costato 22 milioni di franchi (preventivo rispettato), dal mese di giugno, quando è entrato in funzione gradualmente al termine di un lungo cantiere durato sei anni, assicura un corretto approvvigionamento qualitativo e quantitativo a tutte le località vallerane, al borgo e anche alle vicine zone di pianura in caso di bisogno, diventando così complementare ai pozzi di captazione di Gnosca che approvvigionano i principali quartieri cittadini e presto anche quelli nord di Claro, Preonzo e Moleno.

Qualche problema di gioventù

«In questo primo periodo di rodaggio non sono invero mancati alcuni problemi di gioventù – conferma alla redazione Mauro Suà, direttore dell’Azienda multiservizi responsabile dell’impianto –, come per esempio la temperatura dell’acqua risultata un pochino elevata in alcuni punti di distribuzione. Un problema derivante dalle tubazioni comunali posate ormai diversi anni fa. L’attivazione dell’acquedotto ha comunque permesso di assicurare dal mese di agosto il corretto approvvigionamento estivo in quelle frazioni che avrebbero altrimenti sofferto maggiormente la mancanza di precipitazioni, Paudo in primis».

Vecchie divergenze appianate

La complementarità con i pozzi di Gnosca, a metà degli anni 2000 era stata vista dalla Città come un gesto quasi di sfida da parte del confinante Giubiasco. Questo proprio quando la capitale stava sviluppando il proprio acquedotto intercomunale per poter chiudere i vecchi pozzi situati vicino allo Stadio comunale. Complementarità che, appianate le ultime divergenze grazie anche all’aggregazione, «rappresenta oggi un vero punto di forza migliorando concretamente la gestione idrica dell’intera città e producendo energia rinnovabile». Suà spiega infatti che quando le sorgenti di valle sono avare d’acqua, quella proveniente dalla falda di Gnosca può essere pompata in quota fino al bacino idrico di Lôro, così da assicurare la distribuzione nella parte bassa della Morobbia. Quando invece l’acqua di sorgente abbonda, questa può confluire nei quartieri bassi» come quello viepiù più popoloso di Camorino. «Un sistema virtuoso che ha permesso anche d’installare in valle cinque nuove microcentrali in aggiunta alla produzione idroelettrica della diga di Carmena».

Verso la concessione quarantennale

Su questa e altre questioni, dicevamo, nell’ultimo ventennio i rapporti Bellinzona-Giubiasco non sono sempre stati idilliaci. Tanto da spingere la Turrita (correva l’anno 2003) a impugnare la domanda di costruzione insieme alla Federpesca e ad alcuni privati, facendo così pressione sulle autorità cantonali anche perché Giubiasco intendeva sfruttare le acque della Morobbia non solo a scopo idrico ma anche, come si è visto, idroelettrico. Proprio quella Morobbia dove le Amb con la diga di Carmena produce tutt’oggi una fetta significativa della corrente distribuita nel comprensorio. Diga e centrale che rischiavano la riversione al Cantone dopo il 2010. Rischio, questo, infine sfumato e che vede attualmente Amb e Città impegnate nella procedura di rinnovo quarantennale della concessione di sfruttamento delle acque. Iter che implica un investimento di 23 milioni, non da ultimo per la posa di una nuova tubazione nel tratto fra la centrale e il fiume Ticino in grado di ridurre gli sbalzi di portata nel torrente giubiaschese quando l’acqua viene turbinata.

Dove va

Il cantiere è stato avviato nel 2016 con la costruzione del nuovo serbatoio di Vellano, cui si sono poi aggiunti quelli di Carena e Madonna degli Angeli per un accumulo totale di 2’400 metri cubi. L’acqua proveniente da cinque sorgenti giunge dapprima al serbatoio di Carena dove viene turbinata in tre microcentrali e distribuita attraverso la rete idrica agli abitati di Carena, Melera e Melirolo. Qui l’acqua in esubero viene trasportata tramite la condotta al serbatoio di Vellano, dove passa nella turbina di una seconda microcentrale e, unita a quella proveniente da altre quattro sorgenti, soddisfa i bisogni idrici delle frazioni di Vellano e Carmena. L’acqua raggiunge quindi il quartiere di Pianezzo e il serbatoio della sottostante frazione di Madonna degli Angeli, dove, prima di essere immessa nella rete idrica di Giubiasco, viene nuovamente turbinata per produrre energia idroelettrica. È stato inoltre eseguito un collegamento col serbatoio Medè che approvvigiona Pianezzo, permettendo di alimentarlo con l’acqua proveniente dalla Val Morobbia qualora ce ne fosse bisogno.

In soldoni

In cifre, si contano 7 chilometri di condotte d’adduzione fra le sorgenti e i serbatoi; 11 chilometri di condotte di distribuzione dai serbatoi all’utenza; otto gruppi di sorgenti risanate e/o captate a nuovo; una camera di distribuzione al Palasio. L’acqua che dalle numerose sorgenti viene raccolta nei tre serbatoi, viene come detto utilizzata sia per alimentare l’acquedotto sia per produrre energia. Il dislivello tra le sorgenti e i serbatoi ha permesso la posa di cinque microcentrali all’interno dei serbatoi in grado di produrre circa 1,8 milioni di kWh/anno che equivale al fabbisogno energetico di oltre 500 economie domestiche, pari a circa 1’200 abitanti, più di quelli che conta la Val Morobbia. È stata infine prestata attenzione – sottolinea Amb – affinché l’acqua utilizzata "non sia superiore a quella necessaria ad alimentare i riali della valle, garantendo il rilascio del deflusso minimo vitale e garantendo un armonico sviluppo dell’ecosistema locale".

Leggi anche:

Fiume Morobbia, deflussi verso l’atteso miglioramento

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved