ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

A Mendrisio Massimo Cerutti lascia il Plr

Il municipale divorzia dalla sezione del partito. Sarà indipendente. La settimana scorsa il Municipio lo ha esonerato dalla regia del dicastero Aim
Ticino
5 ore

Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro

Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio

Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Ticino
6 ore

Rielezione toghe, correttivi per scongiurare un nuovo 2020

La commissione firma il rapporto stilato da Pagani: ‘Il Consiglio della magistratura si doti di un regolamento ed espliciti il diritto di essere sentito’
Mendrisiotto
7 ore

Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone

Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
7 ore

La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti

Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
7 ore

Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri

Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Luganese
8 ore

Christian Vitta e Raffaele De Rosa a confronto a Massagno

I due consiglieri di Stato parleranno delle sfide dei rispettivi Dipartimenti. L’evento è in agenda il 5 febbraio al Cinema Lux e al Salone Cosmo
Luganese
9 ore

Caslano incontra i propri 18enni

Ventidue i giovani nati nel 2005 che hanno partecipato all’evento organizzato con l’autorità comunale
Mendrisiotto
9 ore

Parco Villa Argentina, un gruppo di lavoro per la riqualifica

Lo fa sapere il Municipio rispondendo a un’interrogazione di Tiziano Fontana, precisando che l’Ufficio dei beni culturali attende un progetto definitivo
Ticino
9 ore

Al via il programma cantonale di screening colorettale

Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
10 ore

Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps

Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
19.09.2022 - 17:04
Aggiornamento: 18:52

Scuole prefabbricate a Bellinzona: ‘Errori strategici’

La Commissione edilizia del Cc sostiene il credito milionario ma striglia il Municipio. Emendamento Verdi/Mps/Fa per riaprire Daro e risanare Molinazzo

scuole-prefabbricate-a-bellinzona-errori-strategici
Ti-Press
Un’aula della struttura prefabbricata situata vicino alle Scuole Nord

Ampio sostegno – ma non esente da critiche – quello espresso dalla Commissione edilizia del Consiglio comunale di Bellinzona al messaggio dotato di clausola d’urgenza col quale il Municipio chiede di stanziare 2,45 milioni per ampliare in tempi brevissimi la disponibilità di aule provvisorie già presenti sul sedime dell’ex tennis dietro la palestra della Federale e le Scuole Nord. Un potenziamento degli attuali moduli prefabbricati necessario a ospitare – per 5-7 anni in attesa dell’inaugurazione in zona Vallone di una nuova sede definitiva in grado di soddisfare l’avanzata demografica del quartiere Gerretta – almeno due sezioni di scuola dell’infanzia e quattro di Elementari. Un’aggiunta necessaria sia per poter destinare fra un anno i moduli già presenti agli allievi della vicina Scuola Nord il cui edificio verrà completamente risanato; sia per le analoghe necessità che si presenteranno in futuro in occasione dei prossimi importanti cantieri scolastici volti a rinnovare le infrastrutture (si pensi per esempio alle Scuole Sud). Da notare che gli attuali moduli, dopo aver ospitato durante l’ultimo anno scolastico gli allievi dell’asilo del Palasio privi di sede invasa dal fango, sono oggi la ‘casa’ di due sezioni sloggiate da Molinazzo la cui sede, ormai vecchia e inadatta, è stata chiusa su ordine del Cantone.

‘Non accada mai più’

Un quadro generale che la Commissione edilizia (quattro le firme con riserva) fatica un po’ a digerire. Infatti nelle proprie conclusioni la relatrice Michela Pini (Plr) sottolinea che "questa situazione di urgenza è dovuta a errori di pianificazione strategica commessi nel passato per quanto concerne l’edilizia scolastica, la messa a norma degli stabili cittadini, le manutenzioni ordinarie e straordinarie ecc.". Perciò auspica "di non doversi più trovare, in futuro, con situazioni simili in cui si chiedano interventi urgenti in tempi brevi, a causa della mancata pianificazione e dell’assenza di una visione a medio-lungo periodo".

La proposta alternativa

E proprio su Molinazzo s’inserisce l’emendamento del capogruppo Verdi/Mps/Fa Matteo Pronzini al rapporto dell’Edilizia: "La mancanza di pianificazione e visione a medio-lungo termine non si compensa riempiendo Bellinzona di baracche. Tanto più che vi sono alternative bell’e pronte: bisogna semplicemente riaprire la scuola di Daro e riammodernare la scuola di Molinazzo. Una soluzione di questo tipo avrebbe molti vantaggi: dal punto di vista ambientale, della prossimità, della qualità per l’insegnamento. Molto probabilmente anche da un punto di vista economico il costo sarebbe inferiore. Ma anche se i costi fossero superiori, si tratterebbe di un investimento a medio-lungo termine e non di baracche effimere", concepite comunque per assicurare una buona qualità e un luogo dignitoso per le lezioni. Pronzini chiede così che il plenum incarichi il Municipio di presentare in occasione della seduta di Cc del 24 ottobre "un progetto di massima per i lavori necessari all’agibilità della scuola dell’infanzia di Molinazzo e la riapertura della scuola elementare di Daro".

Chiesta lungimiranza

In materia di edilizia scolastica non si contano ormai più le interpellanze inerenti alle varie sedi sparse nei quartieri, l’ultima in ordine di tempo quella sull’asilo di Gnosca che mostra tutti i suoi 50 anni. La stessa relatrice Michela Pini, interpellata dalla ‘Regione’, ricorda di aver già inoltrato, insieme a dei colleghi consiglieri, la richiesta al Municipio di mostrare il piano degli interventi edilizi nelle scuole comunali a breve, medio e lungo termine: «Ma mi sembra che tale elenco non ci fosse, quando l’abbiamo chiesto. Alla commissione, che lo ha sollecitato più volte, mancano così i dettagli e la questione rimane un po’ fumosa. Il ‘caso’ Gerretta per il quale il Municipio ha chiesto la clausola d’urgenza è la dimostrazione che se i servizi proposti avessero lavorato con maggiore lungimiranza, non si sarebbe arrivati a questa situazione».

Leggi anche:

I consiglieri tornano all’attacco sul vecchio Asilo di Gnosca

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved