09.09.2022 - 15:22

Bellinzona, ‘intervenire contro il calo del potere d’acquisto’

Il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop chiede al Municipio se non sia il caso di rinviare la tassa rifiuti, sostenere i beneficiari di Ripam e adeguare i salari

bellinzona-intervenire-contro-il-calo-del-potere-d-acquisto
Ti-Press
Previsto un aumento del costo della vita per le famiglie

L’inflazione e l’incremento dei premi di cassa malati provocherà un "aumento del costo della vita per le famiglie". Un costo – sostiene in un’interpellanza il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop in Consiglio comunale a Bellinzona – "che rischia di minare fortemente il loro potere di acquisto". Di conseguenza il gruppo chiede in primo luogo al Municipio se non ritenga "necessario rinviare di almeno un anno l’aumento per le economie domestiche della nuova tassa sui rifiuti". In secondo luogo domanda se intenda "introdurre una prestazione di sostegno ai beneficiari di Ripam (Riduzione individuale premio assicurazione malattia) per far fronte alla parte scoperta del premio e per il pagamento delle partecipazioni alle spese mediche". Terzo: "Come intende procedere per l’adeguamento dei salari dei dipendenti comunali al rincaro?". Stando ai consiglieri comunali sarebbe "necessario, oltre alla compensazione integrale del rincaro per tutte le categorie sulla base dell’indice nazionale dei prezzi al consumo, prevedere un adeguamento ulteriore (ad esempio un 1% in più) proprio per tenere conto delle specificità del Ticino che tutti riconoscono".

‘Senza correttivi, uno stipendio in meno a disposizione’

Verdi-Mps-Fa-Pop ritengono infatti che in Ticino, da un lato, la percentuale dell’inflazione stimata al 3,5% ad agosto dall’Ufficio federale di statistica "sarebbe sottostimata". Dall’altro fanno notare che l’aumento dei premi di cassa malati è storicamente "maggiore rispetto agli altri cantoni". Insomma, "complessivamente la perdita di potere d’acquisto per le famiglie dei salariati rischia di situarsi, se non interverranno elementi correttivi, attorno al 6-7% su base annua, quasi l’equivalente di uno stipendio". Il gruppo in Consiglio comunale reputa dunque "necessario intervenire" per sostenere salariati, cittadini e le loro famiglie "in questo difficile contesto". Anche perché "una diminuzione del potere d’acquisto, come noto, non solo porta pregiudizio alle condizioni di vita materiale delle persone e dei nuclei familiari, ma ha anche un effetto depressivo sullo sviluppo economico, venendo a mancare un sostegno sotto forma di domanda".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved