ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
18 min

Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano

Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
1 ora

‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’

È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Mendrisiotto
2 ore

Direttiva Plr a porte chiuse a Mendrisio

I vertici si sono ritrovati al Coronado, ma nessuno parla. I commenti sono rinviati ai prossimi giorni
Mendrisiotto
4 ore

Giornata contro il cancro infantile, ci si trova a LaFilanda

Il gruppo genitori ‘Insieme con Coraggio’ organizza un pomeriggio di festa per il 15 febbraio
Mendrisiotto
4 ore

Cena benefica a favore del Togo

L’appuntamento di sabato 4 febbraio sarà inoltre un’occasione per parlare dell’inaugurazione di un blocco operatorio nell’ospedale di Ayomé
Luganese
4 ore

Monteceneri: inquinamento privato, risanamento pubblico

Malgrado la bonifica tra il 2002 e il 2003, nelle acque sotterranee del sito, in cui operava una ditta decenni fa, sono finite tracce di cromo esavalente
Luganese
4 ore

Funicolare Monte Brè, quale sostegno dalla Città?

In Commissione le opinioni divergono, la durata del contributo potrebbe venir dimezzata ma non tutti sono d’accordo
Gallery
Mendrisiotto
5 ore

Laveggio, i giorni passano e i problemi restano

Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
07.09.2022 - 16:35
Aggiornamento: 18:49

Giubiasco: il carillon della discordia diventa un caso politico

Consigliere socialista sollecita il Municipio cittadino ritenendo la nuova modalità sonora ‘fastidiosa e una forzatura’. No comment dalla Parrocchia

giubiasco-il-carillon-della-discordia-diventa-un-caso-politico
Ti-Press
Una delle opere d’arte che abbelliscono i giardini di Piazza Grande. Sullo sfondo, il campanile

Suscitano interrogativi anche politici le suonatine di carillon che da alcuni mesi a questa parte scandiscono a Giubiasco i tre momenti salienti della giornata dei fedeli in quello che dovrebbe essere il loro saluto alla Madonna. Con un’interpellanza al Municipio il consigliere comunale dell’Unità di sinistra Claudio Buletti chiede lumi sul cambiamento intervenuto rispetto a prima, quando dal campanile della chiesa parrocchiale la mattina alle 7, a mezzogiorno e alle 19 partiva un breve scampanio, poi sostituito come detto da melodie mariane "ripetute a breve distanza risultando una lunga lagna". Buletti non sembra digerire la novella campanaria ricordando peraltro che "il modo carillon è riservato, tradizionalmente, alla chiamata dei fedeli in occasione della Novena di Natale, delle funzioni del mese mariano e dei battesimi". A suo dire "utilizzarlo per altre occasioni è una non necessaria forzatura fonte di confusione".

‘Suono più volte messo in discussione’

Il rappresentante socialista amplia poi il discorso evidenziando che "negli ultimi anni l’uso e il suono delle campane è stato messo più volte in discussione, vuoi per il disturbo notturno (ndr: arrecato dal rintocco delle ore), vuoi per le diverse sensibilità religiose sviluppatesi". Ebbene, sottolinea Buletti, "le campane hanno accompagnato in parte questa tendenza diventando meno ‘religiose’ e assumendo un carattere più laico, quale segno di appartenenza non solo a una parrocchia ma a una più vasta comunità sociale, umana e politica". Perciò sostituire il semplice scampanio con delle preghiere musicali "può risultare fastidioso e una forzatura".

‘Qualcuno si diverte?’

L’interpellante aggiunge poi che recentemente si sarebbe udito il ritornello natalizio di ‘Jingle Bells’ e che in taluni giorni feriali le campane suonerebbero richiamando i fedeli alla messa senza che nessuna celebrazione sia in realtà prevista. "Qualcuno si diverte con le campane?", chiede dunque Buletti prima di sollecitare il Municipio a esprimersi sulla proprietà del campanile (Parrocchia o Comune?), se per la modalità carillon sia stata chiesta un’autorizzazione, se non ritenga opportuno invitare la Parrocchia a tornare a quella precedente e, in definitiva, a chi sia da attribuire la decisione. Sentito dalla redazione il parroco don Pablo spiega che la questione è di competenza del Consiglio parrocchiale il cui presidente, sollecitato dal Municipio, starebbe redigendo una spiegazione da inviare a Palazzo Civico. Il presidente Carlo Zanolari, raggiunto al telefono in un momento inopportuno trovandosi in montagna, taglia corto limitandosi a esprimere un sonoro menavia all’incauto cronista.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved