ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 min

Con l’Atte alla scoperta della Stabio romana e longobarda

La sezione del Mendrisiotto ripropone la passeggiata storica dopo il grande successo della prima uscita
Lavizzara
8 min

Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’

Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
Mendrisiotto
30 min

L’ultimo libro di Andrea Netzer a LaFilanda

Il volume, ‘Camminare oltre, una vita’, sarà presentato domenica al Centro culturale di Mendrisio
Luganese
41 min

Tre settimane di cantiere a Massagno

Traffico limitato lungo via San Gottardo per i lavori alle sottostrutture e la sistemazione dell’incrocio Arizona
Chiasso
2 ore

Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino

Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d’Italia
3 ore

È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale

Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della polizia dell’enclave
Mendrisiotto
4 ore

Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio

Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare
Bellinzonese
4 ore

Il Carnevaa di Goss di Sant’Antonino compie 50 anni

La manifestazione si terrà dal 16 al 19 febbraio nel capannone ex pista di ghiaccio
Bellinzonese
4 ore

La sezione La Turrita del Centro si riunisce a Bellinzona

Appuntamento per lunedì 6 febbraio alle 20 al Ristorante Unione
Bellinzonese
4 ore

Pomeriggio di ballo liscio in compagnia dell’Atte Leventina

Appuntamento in programma giovedì 2 febbraio dalle 14 presso il ristorante Alla Botte di Pollegio
Bellinzonese
5 ore

Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’

Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
5 ore

Incontro di meditazione a Pambio Noranco

L’appuntamento è lunedì 6 febbraio alle 20.30 presso il centro Serrafiorita
Bellinzonese
5 ore

Cresciano, inaugurazione della sala multiuso e tombola

Appuntamento in programma domenica 5 febbraio presso il campo sportivo in compagnia di... Yor Milano
Bellinzonese
5 ore

I numeri vincenti della lotteria del Carnevale di Cadenazzo

I cinque fortunati possono scrivere a carnevale.cadenazzo@gmail.com per ritirare il loro premio
Luganese
5 ore

Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti

In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
6 ore

Sei itinerari tematici per i parchi insubrici

Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
laR
 
08.09.2022 - 05:30
Aggiornamento: 19:26

Al Nara partendo dal Sun Village: c’è l’idea di un collegamento

Acquarossa intende effettuare le modifiche pianificatorie per poter in futuro realizzare una cabinovia. ‘Ma è decisamente presto per parlare di progetto’

al-nara-partendo-dal-sun-village-c-e-l-idea-di-un-collegamento
Keystone

Una cabinovia che dal Sun Village porta al Nara. È una delle idee – peraltro già pubblicamente annunciata a livello locale il primo agosto in occasione della Festa della patria – che emerge dallo studio, per il rilancio e il riposizionamento sulle quattro stagioni del comprensorio, affidato lo scorso anno dal Comune di Acquarossa, in accordo con l’Ente regionale di sviluppo, allo studio di progettazione Comal. Un’opzione, quella di un collegamento diretto per la montagna che parte da Comprovasco – zona dove è prevista la realizzazione del centro turistico alberghiero –, che risulta molto interessante agli occhi del locale Municipio e sicuramente anche a quelli di tanti sciatori, escursionisti e ciclisti: «Va fatta una premessa: si tratta semplicemente di una possibilità e assolutamente non si può ancora parlare di progetto – mette in chiaro il sindaco Odis Barbara De Leoni –. Ma se vogliamo tenere aperta questa porta, bisogna iniziare a muoversi già a breve termine per quanto riguarda la pianificazione». Al fine di poter permettere in futuro la costruzione dell’eventuale collegamento (si può stimare tra 8-10 anni), il sindaco immagina che per procedere con le modifiche del Piano direttore cantonale serviranno circa due anni, mentre per quelle del Piano regolatore comunale circa quattro. «Come detto parlare di progetto è davvero prematuro, ma l’interesse c’è senz’altro e bisogna iniziare a muoversi per consentire in futuro di costruire un impianto di risalita che parta dal centro turistico. Si tratta di un’idea che, oltre alle modifiche pianificatore da sottoporre a Consiglio comunale e Gran Consiglio, implica ovviamente una cooperazione e collaborazione tra pubblico e privato ancora tutta da approfondire».

Al posto delle seggiovie lente e vetuste

Ci si immagina che la cabinovia arrivi direttamente sulle piste del Nara andando così a sostituire sia l’attuale seggiovia di partenza Leontica-Cancorì, sia quella che da Cancorì porta al Pian Nara, a quota 2’000 metri. Impianti lenti e vetusti che hanno rispettivamente all’incirca 30 e 60 anni. «Si prevede che in futuro il generatore di utenza sarà il Sun Village e quindi, rispetto all’attuale situazione, anche per una questione di traffico, un collegamento diretto da quel punto sarebbe molto più funzionale, con gli utenti che potrebbero partire direttamente da Comprovasco senza più dover salire fino a Leontica».

Affermarsi sulle quattro stagioni

Il sindaco non si sbilancia per quanto riguarda le altre idee già maturate nell’ambito dello studio commissionato alla Comal ancora in corso. Un’analisi voluta per accompagnare, con un’offerta parallela sulle quattro stagioni e che possa aumentare le proposte turistiche locali, proprio lo sviluppo del progetto Sun Village. Quest’ultimo progetto, ricordiamo, prevede un investimento privato di circa 60 milioni di franchi. Il Municipio ci crede fortemente e proprio sull’onda di questo importante progetto ha deciso di darsi da fare per sviluppare altre offerte turistiche complementari e rendere così il territorio più attrattivo, permettendo così a una cerchia di turisti che si prevede sarà più ampia di godere di una vasta e variata scelta per quanto riguarda le attività di svago. Come prevedibile si è deciso di puntare sul Nara, tassello chiave di un’offerta che dovrà essere capace di estendersi nell’arco di tutto l’anno. Ma torniamo al Sun Village. «Mai un progetto di rilancio economico era giunto a questo stadio − sottolinea Odis Barbara De Leoni –. I contatti regolari con i promotori e la loro assunzione diretta del diritto di compera e delle consistenti spese di progettazione infondono molta fiducia sulla concretizzazione». La convenzione approvata nel 2020 dal Consiglio comunale prevede la cessione da parte dell’ente locale ai promotori del diritto di compera sul capitale azionario della Centro turistico Acquarossa Sa, detenuta dal Comune e proprietaria dei terreni. Costo dell’operazione: 2,6 milioni di franchi, di cui, informa il sindaco, 390mila franchi già versati a garanzia del diritto di compera e altri 130mila arriveranno entro fine anno. Il contratto resterà in vigore solo se la nuova società eserciterà il diritto di compera entro fine 2024. «Sappiamo bene che in passato si erano fatti avanti gruppi interessati ma che alla fine hanno abbandonato i relativi progetti. Memore di quell’esperienza, l’attuale Municipio ha voluto una certa garanzia. Vedo nei promotori lo stesso entusiasmo del primo giorno, e questo mi fa veramente ben sperare. Siamo costantemente in contatto. La fiducia è alta e credo davvero che tutto andrà a buon fine».

Lavori del centro turistico al via nel 2023

Ottenuta lo scorso maggio la licenza edilizia, la Sun Village Projects Sa sta ora allestendo i piani esecutivi. Stando alle ultime informazioni fornite dai promotori, l’inizio dei lavori (che si protrarranno per 3-4 anni) è previsto nella prima parte del 2023. Complesso turistico aperto anche ai residenti e ai visitatori di giornata dedicato in particolare al benessere, prevede un albergo, un centro benessere con piscina e una palestra fitness. A ciò vanno poi aggiunti 195 appartamenti che saranno venduti a privati, ma che saranno gestiti dai promotori come aparthotel (i proprietari potranno soggiornarvi per un periodo limitato). A disposizione anche nove cosiddette case nel bosco, ovvero piccoli fabbricati in legno sospesi tra i rami degli alberi. In totale saranno così a disposizione circa 480 posti letto. Prevista anche una piscina per bambini e un’altra comunale di 25 metri con l’intenzione di omologarla per ospitare gare. Ricordiamo che per quest’ultima i legislativi dei tre Comuni della valle (Serravalle, Blenio e Acquarossa) hanno approvato la convenzione per il finanziamento parziale dei costi di gestione della piscina che sarà dunque aperta a scuole e popolazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved