ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 min

Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne

Incidente intorno alle 13:30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
48 min

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
2 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
3 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
Luganese
3 ore

Salute e salvezza spirituale, un convegno a Lugano

Nell’era post-pandemica, quale il ruolo della Chiesa? Se ne parlerà l’11 febbraio alla Biblioteca cantonale. Seguiranno rinfresco e visita a una mostra
Mendrisiotto
3 ore

Ai nastri di partenza il Carnevale di Genestrerio

I bagordi di Zenebritt si terranno domenica 5 febbraio, con musica, pranzo in compagnia e giochi
Grigioni
3 ore

Oltre 700 partecipanti alla Mangia e Nevi di San Bernardino

La tradizionale passeggiata enogastronomica, organizzata dall’associazione iSanbe, si è svolta sabato 28 gennaio
Luganese
3 ore

Carnevale di Comano in arrivo

La 56esima edizione di Ur Sgarbelée si terrà dall’11 al 21 febbraio tra maschere, pasti in compagnia e musica
Bellinzonese
3 ore

Comizio distrettuale del Plr di Bellinzona a Giubiasco

Appuntamento con i candidati del distretto per sabato 11 febbraio alle 11 al Mercato coperto
laR
 
31.08.2022 - 10:09
Aggiornamento: 17:26

Alta Blenio, entra nel laghetto per sfuggire a due maremmani

Dopo l’ennesima segnalazione estiva di escursionisti aggrediti, Denis Vanbianchi risollecita l’intervento della Deputazione ticinese alle camere federali

alta-blenio-entra-nel-laghetto-per-sfuggire-a-due-maremmani

Un’altra estate calda sul fronte della difficile convivenza fra escursionisti e cani maremmani utilizzati anche negli alpeggi ticinesi da un discreto numero di allevatori per proteggere le greggi dal lupo. Lo segnala Denis Vanbianchi, direttore degli impianti turistici di Campo Blenio e presidente del Patriziato di Olivone, Campo e Largario. In tale veste nell’estate 2020 da queste colonne aveva già segnalato l’esistenza del problema, suscitando così un ampio dibattito. E sollecitando la Deputazione ticinese alle Camere, aveva portato il tema all’attenzione del Consiglio federale. Il quale ha poi invitato autorità cantonali, allevatori e turisti rispettivamente a migliorare la segnaletica, la gestione dei cani e il comportamento da adottare in caso di incontri ravvicinati. Ma due estati dopo il problema persiste, con diverse situazioni di conflitto nuovamente segnalate a Vanbianchi e ad altri operatori turistici da persone imbattutesi nei grandi cani intenti a fare il loro dovere, forse anche troppo. Perciò ieri Vanbianchi ha nuovamente sollecitato via e-mail i consiglieri nazionali ticinesi e uno grigionese.

‘Monitorare gli spostamenti dei lupi’

"Durante l’estate – scrive allegando due testimonianze dirette – qui in alta valle di Blenio si sono verificati alcuni episodi che hanno rischiato di risolversi con conseguenze poco piacevoli. Se non si vuole mettere in pericolo l’escursionismo di montagna, oltre che l’agricoltura, bisognerà trovare delle alternative a questo strumento poco efficace e pericoloso. Oppure, ancora meglio, eliminare il problema alla radice: non uccidendo tutti i lupi (utopico), ma implementando soluzioni che in altri Paesi sembrano funzionare. Ad esempio monitorare gli spostamenti dei lupi".

Le due testimonianze allegate mettono in luce quanto possa essere rischioso incontrare dei maremmani sul proprio cammino. Un pescatore recatosi al Lago Retico spiega di aver fatto il possibile per non indispettire i due cani che si trovavano con un gregge di pecore sulla sponda opposta; ma gli si sono comunque avvicinati minacciosi abbaiando e a un certo punto, trovandoseli a pochissimi metri "col muso puntato sulle cosce pronti a mordere al primo movimento sbagliato", il pescatore è entrato in acqua per qualche metro inducendoli così ad andarsene. Una coppia d’Oltralpe racconta quanto accadutole pochi giorni fa salendo dalla capanna Scaletta, dove tre maremmani abbaiando e bloccando il sentiero dai due lati le hanno impedito di avanzare e retrocedere: tentata la fuga nel vicino torrente, è stata inseguita da uno dei tre avvicinatosi fino a un metro; si è messa in salvo proseguendo nel riale. Un’altra coppia incontrata nelle vicinanze ha deciso di rinunciare all’escursione dopo essersi imbattuta nei medesimi tre cani: "Se vi fosse stato un avvertimento o se il sentiero fosse stato sbarrato – conclude la coppia confederata – avremmo preso un’altra strada".

Leggi anche:

Alta Blenio, escursionisti aggrediti da cani maremmani

Escursionisti e maremmani, Berna invita tutti a fare meglio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved